Giugno 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo il disastro, le vittime della città di Wirkan si disperano

Dopo il disastro, le vittime della città di Wirkan si disperano

Con i nostri inviati speciali a Wirkan, Giuliano Boileau et al Guillaume Thibault

Un telefono, un taccuino e una penna: Zahra Amzil annota tutto ciò di cui ha bisogno. Questo insegnante è ora il leader del campo. Dopo due notti al freddo, in questo uliveto sono state montate 26 tende. “ In ogni tenda distribuiamo zucchero, latte, formaggio, lenticchie, olio… tutto il necessario. »

Aisha, sulla quarantina, è la cugina di Zarha. Dopo essere rimasta scioccata nel vedere la sua città distrutta, fa il punto sul disastro: “ Crollarono centosessanta case. Ci furono 35 morti. Otto persone sono state uccise in una delle case. “Al-Zahraa ci porta in una tenda. Muhammad e sua moglie Tedar si siedono a terra, tremando dal dolore e dal freddo: “ Stiamo ancora soffrendo. La nostra casa è stata distrutta e qui fa molto freddo. È molto difficile. »

Non c’è speranza »

Nel mezzo di questo accampamento temporaneo, tra A rame, un gatto salvato dalle macerie e dieci telefoni in carica. Zainab, 16 anni, ha perso forza ed energia: “ Non c’è speranza di studiare. Non abbiamo alcun desiderio, tutto è stato distrutto. » Sono riunite quattro generazioni, e per ascoltare le donne, una delle persone più giovani del campo chiede di parlare: « Voglio una casa e una scuola. »

Per far fronte a questo disastro, la solidarietà del popolo marocchino è stata organizzata attraverso convogli di veicoli e camion carichi di cibo, coperte e ripari che non si fermano mai. Myriam Kaboul, dottoressa specializzata in chirurgia plastica a Marrakesh, ha deciso di andare a curare le vittime isolate nelle valli profonde.

READ  Israele bombarda i siti di missili in Siria
Martedì, il dottor Qoubul ha esaminato circa 50 residenti del villaggio di Ait Arab nell’Atlante. ©Guillaume Thibault/RFI

Abbiamo iniziato con le donne incinte e ora tocca alle donne anziane. Poi i bambini, poi gli anziani e così via.

Myriam Qubul, un medico cittadino, aiuta le vittime del disastro ad Atlas

Guillaume ThibaultGiuliano Boileau

Leggi ancheTerremoto in Marocco: il re Mohammed VI visita i feriti all’ospedale universitario di Marrakesh