Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo che i prezzi dell’elettricità sono strozzati, i metalli europei muoiono vivi

Con i prezzi dell’elettricità soffocati, i metalli europei muoiono dal vivo, in un silenzio assordante.

“I produttori europei di alluminio, zinco e acciaio stanno riducendo la loro produzione, anche in Francia, in particolare a causa del costo dell’energia.

Aluminium Dunkerque è uno dei maggiori produttori di alluminio in Europa. Ha appena annunciato un taglio del 22% alla sua produzione, a causa dell’aumento dei costi energetici.

Strani venti che soffiano nella mineralogia europea. C’è stata molta preoccupazione negli ultimi anni per la carenza di metalli speciali – come il litio o il cobalto – necessari per i veicoli elettrici e le energie rinnovabili. Ma potrebbero essere i metalli ordinari che hanno maggiori probabilità di causare altri tipi di problemi in Europa.

Prima di tutto, riguarda l’acciaio. Nei giorni scorsi, il colosso ArcelorMittal ha annunciato diverse misure per ridurre la produzione di acciaio piatto in sette siti nel nord della Francia e a Fos-sur-Mer (Bouches-de-Rhône).

Infatti, a Dunkerque, uno dei suoi altiforni è ancora in produzione, dopo che uno dei tre forni è stato chiuso quest’estate, così come il terzo, per manutenzione. Il produttore di acciaio ha anche annunciato la chiusura di altri tre altiforni in Germania, Spagna e Polonia.

Le decisioni sono rare, perché il processo di produzione dell’acciaio fuso – con “fuochi continui” – è lungo e complicato dopo l’arresto.

Un altro produttore siderurgico francese, Ascometal, chiuderà per due o tre settimane, a dicembre, i suoi stabilimenti in Mosella e Bouches-du-Rhône.

Mezzo stop europeo in alluminio
Per i metalli non ferrosi (tutto ciò che non è ferro o acciaio), è l’alto costo dell’elettricità che ha spinto 40 produttori europei a dare l’allarme, alla luce del Consiglio dei ministri dell’Energia europeo, riunito venerdì 9 settembre.

I produttori di alluminio, zinco, rame, nichel e silicio affermano di essere minacciati nella loro stessa esistenza, “mentre, negli ultimi 12 mesi, hanno già fatto riduzioni di attività senza precedenti”. Così, la produzione europea di alluminio – che copre solo la metà del fabbisogno dell’Unione – è già dimezzata, a meno di un milione di tonnellate, proprio come la produzione di zinco. L’Europa deve ora importare i tre quarti del proprio consumo.

Il 6 settembre Aluminium Dunkerque, il più grande produttore francese di questo metallo (290.000 tonnellate all’anno, il doppio della produzione dell’altro stabilimento francese, a Saint-Jean-de-Maurienne, in Savoia), ha annunciato un calo della produzione del 22%. »

Quindi fermati o ancora?

READ  Si dice che il giorno prima del funerale del principe Filippo si tenesse una festa a Downing Street

Più distruzione industriale ed economica?

Cosa accadrà ?

Stiamo uccidendo tutte le industrie europee.

Finiremo per importare acciaio dalla Cina o dall’India che sarà prodotto con l’energia che l’India e la Cina acquistano a buon mercato dalla Russia…

Quindi, se pensi che questo sia un ottimo risultato, mi permetta di dissentire.

Non è una strategia e non è una politica.

È solo una sciocchezza.

E se l’Europa è pace e prosperità, poiché si sogna come una potenza in espansione, è diventata guerra e miseria, lontana dall’ideale europeo della mia giovinezza.

Non solo un’altra Europa è possibile, ma soprattutto è auspicabile un’altra Europa.

Carlo Sannat

“Questo è un articolo ‘giornalistico’, cioè privo di riproduzione in tutto o in parte a condizione che questo paragrafo venga riprodotto successivamente. Insolentiae.com è il sito in cui Charles Sanat si esprime quotidianamente e fornisce analisi scortesi e implacabili delle notizie economiche. Grazie per visitare il mio sito. Puoi iscriverti alla nostra newsletter giornaliera gratuita su www.insolentiae.com. »

fonte Qui nell’ovest della Francia