Aprile 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Documenti trapelati rivelano metodi cinesi di spionaggio informatico

Documenti trapelati rivelano metodi cinesi di spionaggio informatico

Questa fuga di documenti fornisce un accesso senza precedenti ai meccanismi interni delle operazioni di intelligence cinesi. Restano da definire anche le motivazioni delle persone coinvolte.

L'impresa I-Presto

Una serie di oltre 500 documenti sono trapelati dalla società cinese di servizi IT I-Soon, con sede a Shanghai, ma con diverse filiali in diverse province. Paul Sharon, direttore dell'area “Intelligence, Anticipation and Influence Strategies” dell'IRSEM e coautore di L.Operazioni di influenza cinesepubblicato da Éditions des Équateurs, esamina la natura di questa società: “Funziona principalmente nel Ministero della Sicurezza dello Stato e nel Ministero della Pubblica Sicurezza, e quindi nei servizi segreti cinesi, ma non necessariamente nelle direzioni centrali. Abbiamo notato che i direttori sono principalmente uffici regionali o addirittura locali. Pertanto, il suo il lavoro è molto decentralizzato, il che è coerente con “quello che già sappiamo sul funzionamento dei servizi cinesi in generale. L'azienda impiega 72 persone. È stata fondata da un ex hacker abbastanza famoso, Wu Haibo, uno dei cosiddetti red hackers. È un'azienda di medie dimensioni, ma molto attiva.”

Rassegna stampa internazionale

5 minuti

Cosa rivelano i documenti

Questa fuga di notizie fa luce sulle attività di I-Soon in Cina e all'estero, ma non solo, come spiega Paul Sharon: “Questi documenti rivelano che queste società costituiscono unità affiliate allo Stato, in particolare al Ministero della Pubblica Sicurezza. Questo ci dice qualcosa sul funzionamento di questo ecosistema, che chiaramente è composto da tante piccole aziende di questo tipo. Vediamo anche che ci sono collegamenti tra l'università e questo ecosistema di hacker che lavorano per lo Stato. Ciò significa che reclutano dalle università con le quali hanno progetti comuni e dove insegnano e formano gli studenti dei master in Informatica. Abbiamo già potuto dimostrare che molte università mantengono da tempo legami distinti con l’apparato di sicurezza cinese, con l’esercito o con il Ministero della Sicurezza dello Stato..

READ  LIVE - Covid-19: vaccini 'forse meno efficaci' contro l'omicron, secondo l'OMS - versione

Tuttavia, questa fuga di notizie mostra alcune anomalie all'interno di questo sistema: Qualunque sia il campo dello spionaggio, i cinesi hanno raggiunto un livello quasi simile a quello che troviamo nei migliori paesi occidentali o in Russia. Allo stesso tempo, c’è un livello di disfunzione organizzativa che colpisce ogni volta, ed è legato a questa forte decentralizzazione, ai conflitti di interessi e all’importanza delle questioni politiche.

Sfide dei social network

2 minuti