Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dien Bien Phu: Journal de Marche du, 6 aprile 1954

Dien Bien Phu: Journal de Marche du, 6 aprile 1954

La situazione rimane invariata. Non hanno avuto luogo evacuazioni mediche.

Sono in corso i rinforzi dei lanci aerei.

Voto dell'attacco a HUGUETTE 6:

  • Perdite amichevoli: 23 morti, compreso un ufficiale, 112 feriti, di cui 3 ufficiali, e 86 dispersi.
  • Perdite ribelli: Furono contati 800 morti (molte vittime), più un numero fuori dalla posizione nelle trincee di avvicinamento.

240 paracadutisti furono sganciati dal Dakota, e l'operazione dovette essere interrotta alle 12,30 a causa di un temporale nel bacino, e un manganello contenente una ventina di deportati cadde tra i nemici. 12 Dakota su 14 sono riusciti ad abbattere il proprio personale.


Queste missioni “Banjo” saranno tra le più difficili e pericolose. I paracadutisti dovevano essere lanciati a una distanza di 400 metri in una breve DZ, in due o anche tre passaggi. L'obbligo di passare sempre sullo stesso posto, in linea retta, alla velocità di un paracadute, faceva sì che venissimo fucilati come piccioni.

I paracadutisti non hanno avuto il tempo di imparare a saltare (gli aerei sono stati portati per missioni operative). Alcuni di loro hanno fatto uno o due salti, altri non ne hanno fatti nessuno: sono stati lasciati cadere nel forno Dien-Bian-Phu di notte, senza addestramento. Alcuni volevano decisamente litigare, altri si sono fatti prendere dal panico all'ultimo minuto. Hanno dovuto allentare la SOA (Cinghia di Apertura Automatica), ritardandone altri. A volte capitava che qualcuno, per non subire pressioni da parte degli spedizionieri, gli aprisse lo stomaco sull'aereo. Ciao danno!

In totale, i quattro gruppi – Franca Contea, Anjou, Béarne e Senegal – effettueranno 164 missioni Panjo e sganceranno 3.024 paracadutisti.

Nella semioscurità, i Dakota si mettono in fila nel parcheggio perché c'è eccitazione che precede il servizio del banjo. I bastoncini dei paracadutisti che si lanceranno tra poche ore vengono ora preparati di notte nel forno di Dien Bien Phu.

Equipaggio “Franca Contea” C-47 n° 545 F-RAYA, Pilota Lamarque, NCA, Capitano Designato…, Essiécano VLASSOF e radio RUBEL, monitorano i paracadutisti schierati, di cui controlliamo l'equipaggiamento prima dell'imbarco.

Quanti di loro torneranno da Dien Bien Phu? Ci sarà chi non migliorerà arrivando sulla Terra e chi metterà subito alla prova l'infermeria, chi combatterà e chi finirà morto, ferito o in fuga ma imprigionato in condizioni dalle quali pochi riusciranno a fuggire. In effetti, non credo di essermi posto così tante domande quando avevo 21 anni. La missione era lì e doveva essere compiuta.

I paracadutisti salirono sull'aereo, decollarono, si spostarono, decollarono e si diressero verso Dien Bien Phu. Routine

Come per tutte le missioni notturne, il mascheramento flash e gli strumenti di stima sono essenziali. A bordo sono vietate anche le lucciole!

Mentre si avvicinano alla DZ, i paracadutisti attaccano i loro SOA e il centralinista, per schermarli, accende la torcia, permettendo solo a un sottile fascio di luce di filtrare attraverso le sue dita. Immediatamente NCA gli gridò: Non c'è luce!

Allinea al primo passaggio. Goccia in alto…e invece di“Suona il campanello dell'editing, nostra buona NCA.”…Accendi i fariApprodo!!!

È subito un festival di tracker che converge su di noi. Lamarque, infuriato, spinge la leva del navigatore, spegnendo i fari mentre si gira e “evita”. I due passaggi verranno effettuati per bombardare i paracadutisti senza l'ausilio del navigatore. Nonostante tutto ciò, abbiamo raccolto solo due tracce. Ma che caldo!


Huggett 5 attacchi; I ribelli si fermarono.

READ  Italia: Un finto ginecologo ha chiamato 400 donne per sottoporsi a un video esame vaginale