Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Covid: perché questa malattia virale, diventata così comune, rimane un problema di salute pubblica?

Covid: perché questa malattia virale, diventata così comune, rimane un problema di salute pubblica?

Dopo la pandemia degli ultimi anni, l’ansia di contrarre il Covid è diventata meno forte. Il virus è diventato meno pericoloso. Tuttavia non è una malattia come le altre.

Lontano dalla paura che prevaleva nei primi giorni della pandemia, iniziata quattro anni fa, il Covid-19 è diventato comune dopo che è diventato meno pericoloso. Ma rimane un importante problema di sanità pubblica, e presenta peculiarità persistenti rispetto ad altre malattie.

Il consolidamento sta accelerando

Il 2023 ha segnato una nuova fase nella normalizzazione del Covid. Questa tendenza era già sensibile l’anno precedente, dopo che una pandemia con implicazioni storiche aveva dominato il periodo 2020-2021, e la tendenza ha subito un’accelerazione.

Da maggio l’Organizzazione Mondiale della Sanità non considera più il coronavirus un’emergenza internazionale. Se l’Organizzazione Mondiale della Sanità tiene a ribadire che l’epidemia è in corso, questa decisione rappresenta un grande simbolo.

L’anno ha visto anche la fine dello “zero Covid”. La Cina è stato l’ultimo grande paese ad attuare questa politica eccezionale, che mira a eliminare la diffusione della malattia e non solo a limitarla, e l’ha abbandonata all’inizio dell’anno.

Un virus molto meno pericoloso

Perché questa uniformità? In primo luogo, perché le infezioni da Covid appaiono oggi molto meno pericolose rispetto al 2020, quando molti paesi hanno adottato decisioni di isolamento senza precedenti di fronte agli effetti mortali della SARS-CoV-2, il virus che è stato all’origine della pandemia.

Questo è il risultato dell’efficacia dei vaccini, distribuiti a partire dal 2021, e dell’immunità che la popolazione ha acquisito durante le successive ondate di infezione del virus.

READ  Si inserisce tre batterie nell'uretra "per scopo di autogratificazione": il suo pene si gonfia e diventa necrotico

Antoine Flaholt, epidemiologo dell’Università di Ginevra, conferma che il tasso di mortalità, che corrisponde al rischio individuale di morte dopo l’infezione, “è diminuito significativamente rispetto all’era pre-vaccino”.

“Il rapporto è di circa uno su mille o forse meno”, asserisce, quando all’inizio dell’epidemia il rischio veniva misurato in percentuale.

Si tratta di un livello di infezione simile a quello del virus dell’influenza stagionale, anche se è rischioso determinare con precisione quale virus sia più pericoloso tra i due.

Il problema è ancora grande

Pertanto, il Covid è diventato una malattia respiratoria tra le altre. Ma in questo contesto pone ancora grossi problemi di salute pubblica, talvolta legati alla sua privacy.

A differenza di altre malattie come l’influenza, il Covid sperimenta diverse ondate all’anno. Non si può quindi definire una malattia invernale, ma l’insorgenza potrebbe coincidere con la classica stagione epidemica.

Attualmente è così: “Covid-19 è una delle malattie che si stanno evolvendo in questo momento” in molti paesi, ha avvertito domenica Maria Van Kerkhove, epidemiologa dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Questa crescita è in parte legata all’emergere di una sottovariante nota come JN.1. La nuova versione di Omicron, versione dominante del virus da due anni, non appare particolarmente pericolosa ma risulta altamente trasmissibile.

I tassi di infezione rimangono elevati

Questo è anche, in generale, il grande vantaggio del Covid rispetto ad altre infezioni come l’influenza: rimane altamente contagioso.

“Nel corso di un anno, tra il 5% e il 10% delle persone contrae l’influenza”, ma la percentuale è molto più alta per il Covid, afferma Flaholt, sottolineando che ciò porta automaticamente a un tasso di mortalità più elevato a livello di popolazione , anche se il rischio individuale è inferiore.Basso. Limitato.

READ  Trailer: Uno dei migliori romanzi di fantascienza degli anni 2000 diventa una serie - News Séries

Tuttavia, il numero esatto dei decessi rimane poco chiaro perché molti decessi sono collegati alla malattia senza essere immediatamente attribuiti ad essa. I dati ufficiali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità indicano circa sette milioni di morti dall’inizio dell’epidemia quattro anni fa, ma l’organizzazione stessa ammette che il livello reale potrebbe essere di circa 20 milioni, o più.

E il Covid lungo?

Al di là dei decessi, rimane il problema dei postumi duraturi, noti come “Covid lungo”: stanchezza, difficoltà respiratorie e così via.

La realtà di questi sintomi oggi non è più in dubbio, così come la loro origine fisiologica piuttosto che psicologica. Tuttavia è ancora difficile stabilire con quale frequenza si manifestino e se il Covid le causi più di altre malattie.

Ad esempio, i postumi dell'influenza “non sono stati oggetto della stessa attenzione”, afferma Flaholt.

Tuttavia, diversi studi pubblicati quest’anno sono abbastanza rassicuranti nel respingere l’idea di un’esplosione nei casi Covid lunghi nel tempo.

Uno studio condotto sulla popolazione svedese, pubblicato a settembre sulla rivista Infectious Diseases, ha mostrato un “rischio inferiore” dopo l’infezione con Omicron, rispetto alle varianti precedenti.