Dicembre 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

COVID-19: le persone vaccinate con Omicron sono meglio protette dalle nuove varianti

Uno studio pubblicato mercoledì suggerisce che le persone vaccinate contro Covid-19 che hanno contratto le prime sottovarianti di Omicron hanno una protezione quattro volte superiore rispetto a quelle che hanno ricevuto il vaccino ma non si sono infettate.

Secondo la comunità scientifica, la pandemia di Covid-19 sembra passare da una fase altamente acuta a una fase endemica. Ma soprattutto, gli attuali vaccini contro il Covid-19 hanno dimostrato di essere meno efficaci nel prevenire l’infezione con la variante Omicron che nel prevenire l’infezione con le varianti precedenti. Ma la protezione contro le malattie gravi rimane in gran parte preservata.

Da qui l’interesse primario dei vaccini Covid-19 nel fornire una protezione a lungo termine contro i rischi di ospedalizzazione e morte. È quindi importante che gli studi sui vaccini Covid-19 e sui booster valutino non solo i carichi di anticorpi neutralizzanti il ​​virus di breve durata, ma anche la durata delle risposte anticorpali, le risposte dei linfociti B di memoria e le risposte reattive dei linfociti T.

Nel contesto di questo numero, questa settimana è stato rivelato un nuovo studio che sarà un riferimento sull’argomento. Secondo l’Istituto di Medicina Molecolare (iMM), con sede in PortogalloE il Si tratta di uno dei primi studi al mondo ad analizzare, in un gruppo di persone vaccinate, la probabilità di infezione con la variante attualmente circolante, BA.5, stimando il grado di protezione conferito dall’infezione con le varianti precedenti.

Sembra I vaccini infettati con le sottovarianti Omicron BA.1 e BA.2 hanno una protezione contro l’infezione con la variante BA.5 (in circolazione da giugno) circa quattro volte superiore rispetto ai vaccini che non sono mai stati infettati.Ha spiegato Luis Grassa. Ricercatore principale presso IMM e Professore presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Lisbona.

READ  Ucraina: 16 morts dans une frappe russe sur un center commercial, "crime de guerre" pour le G7 - 28/06/2022 à 04:40

I risultati dello studio sono stati pubblicati mercoledì sul New England Journal of Medicine.

Tuttavia, secondo l’esperto, infezioni registrate nel 2020 e nel 2021 da varianti di ceppi ancestrali, come Alpha e Delta di SARS-CoV-2 “Tuttavia, fornisci protezione contro le infezioni con la nuova variante Omicron‘, anche se non elevato. Rispetto a quelli con varianti BA.1 e BA.2, all’inizio del 2022.

“Questi risultati sono molto importanti perché i vaccini adattativi in ​​fase di sviluppo e valutazione clinica si basano sulla sottovariabile BA.1, che era prevalente a gennaio e febbraio 2022”.Spiritualità Luis Gracia.

Lo specialista, che fa parte del Comitato Tecnico per la Vaccinazione contro il Covid-19 (CTVC) della Direzione Generale della Salute (DGS) in Portogallo, osserva che “Questi risultati mostrano che la protezione è molto importante e soprattutto ci consente di anticipare i benefici di vaccini appropriati”. Contro il Covid-19, ha aggiunto Luis Graça.