Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Covid-19, influenza e bronchiolite: quali virus stanno guadagnando popolarità in Occitania?

Covid-19, influenza e bronchiolite: quali virus stanno guadagnando popolarità in Occitania?

L’Occitania si trova soprattutto nella fase pre-epidemica di bronchiolite tra i bambini sotto i due anni alla fine di ottobre.

Semaforo verde per l’influenza Quando si attiva il livello “pre-pandemia” per la bronchiolite in Occitania, il tasso di ricoveri ospedalieri per casi di COVID-19 diminuisce, il numero di casi di gastroenterite aumenta… Stiamo valutando la situazione sanitaria della regione .

La bronchiolite è comune tra i bambini di età inferiore ai 2 anni

Alla fine di ottobre 2023 la bronchiolite ha spinto le regioni del nord-est della Francia in una fase epidemica tra i bambini di età inferiore ai due anni. Occitane in arancione, pre-pandemia. “Secondo i dati virologici diffusi dagli ospedali universitari di Nîmes, Montpellier e Tolosa, la prevalenza del virus respiratorio sinciziale (RSV) è in aumento rispetto alla settimana precedente”, avverte la sanità pubblica francese.

In medicina ospedaliera si sono registrate 119 visite contro le 94 della settimana precedente, con un tasso di ospedalizzazione del 26,1%. Oltre alle segnalazioni in medicina privata. L’aumento è stato osservato principalmente presso il Centro ospedaliero di Tolosa.

Sono sempre più numerosi i casi di diarrea infettiva e acuta

Il livello di attività della gastroenterite è considerato “alto” in Occitania e questa tendenza è in aumento. L’Autorità sanitaria pubblica francese indica che “l’incidenza dei casi di diarrea acuta osservati nelle consultazioni di medicina generale ha raggiunto 81 su 100.000 persone, un aumento rispetto alle settimane precedenti”.

La scorsa settimana “sono stati registrati per questa diagnosi 287 casi di tutte le età, ovvero il 6,5% dell’attività totale delle Associazioni dei medici SOS”. Per quanto riguarda la medicina ospedaliera, sono state registrate 397 visite per gastroenterite (di cui 200 pazienti di età inferiore a 5 anni), pari all’1,3% delle visite.

READ  Dopo diverse settimane di calo, il numero dei casi positivi torna a crescere

Diminuzione dei casi di Covid-19

Nel suo rapporto pubblicato giovedì 26 ottobre 2023, l’Autorità sanitaria pubblica francese ha constatato una diminuzione del tasso di positività al coronavirus per tutte le età in Occitania. Il calo è costante da metà settembre.

Nella medicina privata assistiamo a una diminuzione dei casi di diagnosi sospetta o confermata di Covid-19, mentre diminuiscono anche le richieste di sospetto di Covid-19 in medicina ospedaliera. Si noti che il 42% delle visite al pronto soccorso COVID-19 sono state seguite da ricovero ospedaliero.

Secondo i dati diffusi dall’Autorità sanitaria pubblica francese, nelle ultime settimane abbiamo osservato una diminuzione del tasso di infezione in tutti i dipartimenti dell’Occitania. Di seguito i tassi di contagio per la settimana dal 16 al 22 ottobre, rispetto alla settimana dal 1 al 7 ottobre:

  • Pirenei orientali: 13 casi ogni 100.000 abitanti (23,2 tra il 1 e il 7 ottobre)
  • GARD: 13,1 casi ogni 100mila abitanti (21,9 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Quantità: 17,8 casi ogni 100.000 abitanti (24 tra il 1 e il 7 ottobre)
  • Lozar: 20 casi ogni 100mila abitanti (27,4 tra l’1 e il 7 ottobre)
  • Ha-Pirenei: 20,3 casi ogni 100.000 abitanti (32,9 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Tarn: 22,1 casi ogni 100.000 abitanti (38,4 tra il 1 e il 7 ottobre)
  • Hérault: 25,8 casi ogni 100.000 abitanti (33,8 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Alta Garonna: 27,5 casi ogni 100.000 abitanti (42,6 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Aveyron: 28,2 casi ogni 100mila abitanti (23,2 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Gers: 30,1 casi ogni 100mila abitanti (36,9 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Tarn et Garonne: 33,7 casi ogni 100.000 abitanti (57,9 tra il 1 e il 7 ottobre)
  • Rientro: 35,2 casi ogni 100.000 persone (43,4 tra il 1° e il 7 ottobre)
  • Areej: 36,6 casi ogni 100mila persone (44,4 tra il 1 e il 7 ottobre)
READ  Covid - forme pericolose e infezioni: una buona attività fisica può ridurre i rischi associati al virus

L’influenza dorme in Occitania e in Francia

In tutta la Francia metropolitana non si sono verificati sviluppi epidemiologici durante l’ultima settimana di ottobre riguardanti l’influenza o malattie simil-influenzali. In Francia, come in Occitania, “la percentuale di attività della sindrome influenzale di SOS Medici è rimasta stabile e al livello basale per tutte le età combinate (2,8%) e in tutti i gruppi di età”.