Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Covid-19: 3 domande sulla nuova variante C.1.2…

La linea C.1.2 è stata identificata per la prima volta nel maggio 2021 e, come suggerisce il nome, ha avuto origine dalla linea C.1, che ha contribuito in modo significativo alla prima ondata di infezioni in Sudafrica. Finora, questa variante C.1.2 non è stata classificata come variante preoccupante (o VOC per alternativa all’ansia), né come variabile di interesse (o VOI of variabile di interesse), ma può essere. Promemoria, VOC SARS-CoV-2 Sono associati a una maggiore trasmissibilità, maggiore gravità della malattia (o cambiamento nella presentazione clinica), nonché resistenza alla neutralizzazione.

Newsletter Scienza e competizione

Ricevi tutte le notizie scientifiche tre volte a settimana

Dove è stata avvistata questa variante?

Da maggio, la variante C.1.2 è stata rilevata nella maggior parte delle province sudafricane e in altri sette paesi, ovvero Inghilterra, Svizzera, Portogallo, Mauritius, Cina nella Repubblica Democratica del Congo e Nuova Zelanda. Ma il numero di casi sembra aumentare molto rapidamente: mentre rappresentava solo lo 0,2% del genoma sequenziato in Sudafrica a maggio, è salito all’1,6% a giugno, e poi al 2% a maggio. Quindi mostra un andamento molto simile a quello osservato con l’avvento della variante delta.

© C. Scheepers et al., medRxiv, 2021

Regioni del mondo in cui sono state rilevate sequenze C.1.2, colorate con il numero di sequenze identificate/sequenziate e prevalenza precoce delle varianti Beta, Delta e C.1.2 in Sudafrica, in base al numero di sequenze SARS-CoV-2 generato al mese.

>> Da leggere anche:“La terza dose del vaccino COVID: per chi? Perché?”

In che modo questa variabile può essere preoccupante?

Se gli epidemiologi sono preoccupati, è perché la variante C.1.2 mostra un aumento del tasso di sostituzioni, come osservato nei precedenti COV alfa, beta e gamma. Nello specifico, C.1.2 contiene diverse sostituzioni (R190S, D215G, N484K, N501Y, H655Y, T859N) e delezioni (Y144del, L242-A243del) nella proteina spike, che sono state rilevate anche in altri VOC e VOI, Rapporti di studio. Tuttavia, queste mutazioni sono associate ad una maggiore trasmissibilità e ad una diminuzione della sensibilità dell’equazione, cioè ad una minore efficacia dei vaccini.

READ  In Francia la campagna di vaccinazione rallenta, ma il governo si aspetta un 'effetto rimbalzo'

I ricercatori notano anche che le mutazioni aggiuntive (C136F, Y449H e N679K) hanno probabilmente anche un effetto sulla sensibilità alla neutralizzazione o sulla scissione della furina – una proteina che taglia il picco della proteina del virus per attivarla – e quindi, sulla capacità di replicazione del virus.

Quando si confrontavano i profili mutazionali tra le sequenze C.1.2 e quelli della vecchia stirpe C.1, era evidente che queste sequenze più recenti avevano subito una mutazione significativa. Gli autori dello studio spiegano che questa nuova forma virale è stata rimossa più dal virus originale scoperto a Wuhan rispetto a qualsiasi altro VOC (variante dell’ansia) Non puoi (variabile di interesse ) è stato finora rilevato in tutto il mondo: mostra tra 44 e 59 mutazioni rispetto al virus originale.

>> Da leggere anche:“Identificati nuovi indicatori per prevedere la gravità e la mortalità del Covid-19”

Secondo i ricercatori, l’emergere della serie C.1.2 si traduce in un tasso di circa 41,8 mutazioni all’anno, che è circa 1,7 volte più veloce dell’attuale tasso globale e 1,8 volte più veloce del tasso di mutazione iniziale.

Cosa possiamo aspettarci per le prossime settimane?

La variante C.1.2 è mutata così rapidamente e profondamente da attirare immediatamente l’attenzione degli esperti. Tuttavia, non è abbastanza frequente da essere classificato come VOI o VOC. Gli scienziati del National Institute of Infectious Diseases (NICD) del Sudafrica confermano che C.1.2 è presente solo a livelli molto bassi. Pertanto, è troppo presto per determinarne lo sviluppo.

In altre parole, gli scienziati non hanno dati sufficienti per valutarne l’effetto sulla gravità della malattia, né sulla resistenza agli anticorpi, soprattutto perché in Sudafrica solo il 10% della popolazione ha un programma di vaccinazione completo. Tuttavia, rimangono cauti e si affidano alla prevenzione. ” Sulla base della nostra comprensione delle mutazioni in questa variante, riteniamo che possa essere in grado di eludere parzialmente la risposta immunitaria, ma nonostante ciò, i vaccini forniranno comunque alti livelli di protezione contro il ricovero e la morte. » Promemoria funzionari dell’Istituto In un comunicato stampa.

READ  Quale futuro per gli accademici afgani?

>> Da leggere anche:“Covid-19: anche i bambini devono essere vaccinati?”

Gli esperti rilevano inoltre che altre variabili continueranno ad emergere ovunque il virus si diffonda e ricordano che la vaccinazione, insieme alle misure di protezione fisica (indossare la mascherina, distanziare e igienizzare mani e superfici), resta essenziale per proteggere le persone più vulnerabili e a trasmissione lenta.