Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come una piccola azienda svedese ha acquistato il veterano

Come una piccola azienda svedese ha acquistato il veterano

La società svedese Zound Industries commercializza cuffie e amplificatori con il nome Marshall dal 2010, e sta per acquistare British Marshall, la storica azienda che vende amplificatori per chitarra e basso. Una fusione che non dovrebbe avere un impatto significativo sui prodotti futuri del gruppo, ma indica che il nuovo mercato ha preso il sopravvento su quello storico.

Come gli altoparlanti Emberton 2, i prodotti di consumo di Marshall sono stati in realtà ispirati agli altoparlanti storici del marchio britannico. // Fonte: frandroid

Non ci sarà più confusione tra i due marchi. Giovedì 30 marzo, la società britannica di amplificatori per strumenti musicali Marshall Amplification Annuncia di averlo ricevuto Dall’azienda svedese che dal 2010 commercializza con il proprio nome cuffie, cuffie e amplificatori Industrie Zund. Quindi, Marshall si fonde con Marshall, creando Marshall Group. Fin qui tutto ha senso.

Tuttavia, questi due settori sono molto diversi. Come ci ricordano i media americani su Internet il bordoMarshall Amplification sviluppa da 60 anni prodotti premium destinati a musicisti professionisti, sotto la guida dell’omonima famiglia fondatrice (che detiene la maggior parte delle azioni del gruppo e un posto nel consiglio di amministrazione). Le cuffie, gli altoparlanti e gli altoparlanti Zound, sebbene di fascia alta, sono venduti al grande pubblico e in numero maggiore.

Le cuffie e gli altoparlanti sono più comuni degli altoparlanti

Ma per il CEO di Zound Industries e futuro presidente del Gruppo Marshall non dovrebbe cambiare nulla: Non abbiamo realizzato un solo prodotto Zound che non sia stato approvato dall’ingegnere audio di Marshall Amps. È una continuazione completa di ciò che facciamoJeremy D. Millard dice: il bordo .

Da un lato, questa acquisizione mostra soprattutto un’evoluzione dell’immagine del marchio Marshall presso i consumatori. Quando Zound Industries ha iniziato a collaborare con la società britannica nel 2010 e la società svedese è stata relativamente sconosciuta nel mercato delle cuffie, degli auricolari e degli altoparlanti. Dopo 13 anni, Zound è orgoglioso di «Secondo anno consecutivo di entrate recordPer l’anno 2022, la piccola azienda divenuta famosa grazie al nome Marshall acquista la storica azienda.

READ  Navigo Pass su iPhone: il debutto del gioco è ora previsto per la primavera

Anche de Millard lo rispetta il bordoche ora,Può darsi che gli amplificatori e le cuffie con marchio Marshall di Zound aiutino a rendere popolari gli amplificatori per chitarra di Marshall . Rendendo i suoi prodotti più accessibili, Zound ha anche reso il marchio Marshall più popolare presso il grande pubblico che tra i musicisti.

Nessuna rivoluzione nelle gamme Marshall e Urbanair

Un altro punto che il nuovo capo di Marshall fa: l’acquisizione non mette in discussione l’altro marchio di Zound, i caschi Urbanears, che sono più convenienti. Nonostante tutto, Jeremy D. Millard lo ha chiaritoil bordoChe cosa “Gli articoli a marchio Marshall rappresentano oltre il 90% delle vendite attuali di ZoundQuindi ha senso lavorare il doppio su questo marchio.

se lo ha dettoNulla è stato decisoPer quanto riguarda i piani a lungo termine per il nuovo gruppo, Jeremy de Millard è comunque fiducioso che la fusione delle due attività consentirà di accelerare lo sviluppo del prodotto riunendo ulteriormente le fasi e gli strumenti di produzione, condividendo al contempo l’esperienza sonora di questi due settori .

Da parte nostra, possiamo aspettarci che altoparlanti, cuffie e auricolari traggano più ispirazione dagli altoparlanti professionali di Marshall per offrire un suono di qualità superiore che mai.


I nostri colleghi di Numerama lanciano Watt Else, la loro newsletter dedicata alla mobilità del futuro. Registrati qui Assicurati di ricevere il prossimo numero!