Aprile 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come ridurre il rischio di cancro

Come ridurre il rischio di cancro

I risultati di un recente studio suggeriscono che la sostituzione di alimenti trasformati e troppo trasformati con prodotti freschi equivalenti può ridurre il rischio di diversi tipi di cancro.

Uno studio condotto dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha concluso che la sostituzione del consumo di alimenti trasformati e trasformati con una quantità equivalente di prodotti freschi riduce il rischio di diversi tipi di cancro.

Era basato sull’attesissimo Epic, che da 25 anni ha un seguito di oltre 450.000 persone in 10 paesi europei.

Il rischio di cancro è stato aumentato da questa dieta

È sulla rivista La salute planetaria di Lancet. La salute del pianeta Lancet I risultati ottenuti da IARC sono stati pubblicati. Pertanto, la sostituzione anche del 10% degli alimenti trasformati con prodotti semplici riduce il rischio di alcuni tipi di cancro, tra cui colon, fegato, otorinolaringoiatria, carcinoma epatocellulare o cancro al seno nelle donne in postmenopausa.

Dobbiamo ricordare che il cibo altamente trasformato è un alto apporto energetico, a differenza della nutrizione, e che i suoi ingredienti costitutivi si trovano raramente nelle nostre cucine.

Nessuna valutazione Nova

I dati sul cancro sono stati confrontati con questionari sulle abitudini alimentari compilati dai pazienti o forniti durante un colloquio con un operatore sanitario.

È la classificazione NOVA che viene utilizzata per determinare il grado di trasformazione degli alimenti.

fenomeno sottovalutato?

I collegamenti tra il consumo di alimenti trasformati e il cancro sono di diversi ordini di grandezza. Citiamo una dieta troppo grassa, troppo dolce o troppo salata come tutti sappiamo.

Ma anche l’introduzione di additivi alimentari, dolcificanti, emulsionanti o nitriti, persino l’imballaggio in plastica dei prodotti trasformati gioca un ruolo. Degradando questi alimenti, non hanno più lo stesso effetto sulla nostra sensazione di pienezza, che ci incoraggia a consumarne di più.

READ  Epatite d'origine inconnue chez les enfants : quelles sont les pistes pour expliquer cette maladie ?

Gli scienziati hanno insistito sul fatto che lo studio probabilmente ha sottovalutato il fenomeno. Infatti, la disponibilità sul mercato di questi prodotti alimentari è notevolmente aumentata da quando è iniziata la raccolta dei dati per la classificazione nova, che risale a circa vent’anni fa.