Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come gli astrofili hanno scoperto una nebulosa mai vista prima intorno alla Galassia di Andromeda

Come gli astrofili hanno scoperto una nebulosa mai vista prima intorno alla Galassia di Andromeda

Il francese Jan Sainty è riuscito a fotografare “Strottner-Drechsler-Sainty Object 1”, un po’ per caso, utilizzando un metodo sconsigliato, con l’aiuto del suo connazionale Xavier Drechsler e del tedesco Marcel Drechsler.

Cerca sempre di vedere le cose da una prospettiva diversa. Questa potrebbe essere la morale di questa storia. Tre astrofili hanno destato sorpresa quando, lunedì 9 gennaio, hanno annunciato la scoperta di una nebulosa attorno alla galassia di Andromeda. È il grande vicino più vicino alla Via Lattea.spiega François Hammer, astronomo dell’Osservatorio di Parigi. Situata a 2,5 milioni di anni luce dalla Terra, la galassia di Andromeda (chiamata anche M31) è la galassia meglio documentata, più vista e più studiata.

“La Galassia di Andromeda è la migliore che conosciamo, forse anche più della nostra.”

François Hammer, astronomo dell’Osservatorio di Parigi

su franceinfo

Quindi è difficile immaginare di trovare nuovi oggetti scansionando questa parte del cielo. Tuttavia, il francese Yann Sainty, grafico e astrofotografo freelance per due anni e mezzo, è riuscito a mettere il dito su una nebulosa (una nuvola di gas molto caldo) vicino ad Andromeda. È l’arco visto in questa immagine in blu, in alto a sinistra della galassia. Screenshot pubblicato una settimana dopo Nel blog della NASA (in inglese).

La galassia di Andromeda (chiamata anche M31) e la nebulosa appena scoperta nel 2022 (in blu), etichettata "Oggetto Strottner-Drechsler-Saintly 1".  (Yan Santi-Marcel Drechsler)

Yann Sainty racconta che nel 2022 ha deciso di dedicarsi a “Progetto Benessere” Dopo aver completato un altro estenuante e impegnativo lavoro di astrofotografia. Ho scelto Andromeda perché è un oggetto luminoso relativamente facile da fotografare., Scivola. Per scattare le sue foto utilizza un filtro che si concentra su una specifica classe di ossigeno, che in genere non è consigliata. “È accettato che non abbia senso sparare un filtro per l’ossigeno su una galassia perché non farà altro che complicare il trattamento”., lui spiega. Allo stesso tempo, ha scelto di accoppiare questo filtro con lunghe pause nella debole speranza di catturare una nebulosa planetaria che non era ancora stata referenziata.

Nessuno se n’è ancora accorto

Dopo otto ore di osservazione, Jan Senti ha inviato le sue immagini al duo formato dal francese Xavier Strutner e dal tedesco Marcel Drechsler, due astrofili conosciuti in tutto il mondo come cacciatori di nebulose, con circa 350 scoperte nel corso dell’ora. Dopo l’analisi, la coppia indica “Un’area più bianca in un angolo dell’immagine”. “Abbiamo rilevato un arco molto debole che ci sembrava sconosciuto, quindi gli abbiamo chiesto di continuare le sue osservazioni e immagini per intensificare questo segnale”.Xavier Struttner ricorda.

“Da solo, se non fosse stato per Xavier e Marcel, avrei pensato di aver commesso un errore e di certo non avrei visto l’arco.”

Jan Senti, astrofotografo dilettante

su franceinfo

Così i tre uomini intraprendono una ricerca più approfondita. Vivendo in un appartamento senza giardino, Yann Sainty raddoppia i viaggi di andata e ritorno per recarsi in zone remote dove l’inquinamento luminoso è limitato. Dopo 22 notti di lavoro, 111 ore di osservazione e circa 5 000 Fino a che punto arriva, ottiene dati sufficienti per evidenziare chiaramente l’arco.

Una volta ottenuta questa prima conferma, devi assicurarti che non si tratti di un difetto degli strumenti di monitoraggio utilizzati o di qualsiasi altro problema. Successivamente, il trio ha contattato astrofotografi e altri scienziati (compresi professionisti) sparsi in diversi continenti per convalidare il tutto grazie ad ulteriori osservazioni effettuate con apparecchiature diverse al fine di escludere qualsiasi pregiudizio. Verificato, l’esistenza della nebulosa è stata ben confermata. L’americano Bray Falls, che è stato coinvolto nel processo, lo descrive in dettaglio nel video qui sotto (in inglese) :

Come poteva questa nebulosa essere passata inosservata in questa regione del cielo come questa ? Prima spiegazione Xavier Struttner spiega che i telescopi più potenti come quelli della NASA sono in gran parte focalizzati su Andromeda, mantenendo la nebulosa fuori dalla vista.

“I telescopi professionali hanno campi visivi molto limitati. Nel loro campo vedremo la galassia di Andromeda ma non le sue immediate vicinanze. A differenza del telescopio utilizzato da Yan Sinti, che ci permette di vedere la galassia M31 ma anche tutto ciò che la circonda esso.”

Xavier Strottner, astronomo dilettante

su franceinfo

All’origine di questa scoperta c’è anche un filtro utilizzato da Yann Sainty, che isola le linee dell’ossigeno, insieme ad una esposizione prolungata. “I dilettanti hanno qualcosa di prezioso, è ora”Note di Xavier Struttner. In effetti, la nebulosa appena scoperta è di una luminosità così fioca che può essere vista solo con lunghe distanze di osservazione, cosa che i professionisti non hanno sempre l’opportunità di fare. Alla fine, questa configurazione “mai successo in passato”L’astronomo dilettante osserva.

residuo di supernova ?

Se l’esistenza della nebulosa sarà ufficialmente determinata, saranno disponibili solo pochi elementi riguardanti la sua formazione e origine. Una cosa è certa : l’arco contiene ossigeno doppiamente ionizzato, cioè molecole di ossigeno a cui mancano due elettroni. È un elemento chimico che si trova regolarmente nel mezzo interstellare.Commenti, Xavier Strottner. Resta da accertare la presenza di eventuali altri elementi.

L’origine e la formazione della nebulosa, soprannominata “Strottner-Drechsler-Sainty Object 1”, rimangono sconosciute. A questo punto, non conosciamo le sue dimensioni esatte, se si sta avvicinando o allontanando dalla Galassia di Andromeda, o anche la distanza tra i due oggetti. Per quanto riguarda la sua origine, sul tavolo ci sono diverse ipotesi. Potrebbe essere una nebulosa planetaria molto antica, oppure il residuo di una supernova, cioè l’esplosione di una stella massiccia.

Forse ulteriori analisi, già in corso, permetteranno di saperne di più, cosa incerta perché la nebulosa è grande e poco luminosa. Nel frattempo, Yann Sainty incoraggia gli astrofili a iniziare.

“Siamo in un momento in cui lo sviluppo di attrezzature sempre più avanzate significa che siamo a un punto di svolta e gli hobbisti hanno un ruolo sempre più importante da svolgere”.

Jan Senti, astrofotografo dilettante

su franceinfo

“Abbiamo molta scienza dei cittadini che si sta sviluppando attorno alla ricerca su comete, asteroidi ed esopianeti [des planètes hors de notre système solaire]. Sempre più buff consentono di introdurre nuovi oggetti.Xavier Strottner, che sorride mentre evoca, abbonda “Cercatore di adrenalina, cacciatore di tesori”. Come fare gli inviti ?

READ  Phil Spencer sulla potenziale "Carta da gioco" per PlayStation | Xbox Uno