Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Chuck Close, pittore di quadri fotorealistici leggeri, è morto all’età di 81 anni

Chuck Close, noto per aver creato i dipinti fotorealistici più grandi, completi e realistici di se stesso e dei suoi colleghi artisti, è morto all’età di 81 anni.

Il pittore è salito alla ribalta negli anni ’70 e ’80, ritraendo colleghi tra cui Philip Glass e Cindy Sherman. Ma la sua vita è stata afflitta da accuse di molestie sessuali fatte nel 2017, ma non dal 2005.

Nato a Monroe, Washington, USA nel 1940, Charles Thomas Close ha cresciuto l’artista.La madre pianista e il padre idraulico, Chuck, sono morti all’età di 11 anni. Ha lottato con la dislessia a scuola, ma come pittore serio fin dalla tenera età, si è trasferito con altri artisti famosi tra cui Richard Serra e Jennifer Bartlett 196. Ha terminato le migliori mostre d’arte a Yale.

Klose ha realizzato il suo primo autoritratto nel 1968. È uno dei più famosi per lui: l’artista teneva la macchina fotografica con i capelli aguzzi, occhiali dal bordo spesso e un accendisigari tra le labbra. Chiamato il Grande Autoritratto, è stato all’altezza del suo nome a quasi nove piedi di altezza. Indistinguibile da una fotografia, ritraeva Klose come una figura ribelle che si adattava all’astrazione dell’epoca e andava contro il filone della pop art. Il volume del suo lavoro lo distingueva dai suoi colleghi fotosintetici: i critici spesso dicevano che vederli di persona era un’esperienza intuitiva.

Chuck Close è stato fotografato nel 1981 alla sua mostra retrospettiva a Whitney, New York. Foto: Jack Mitchell / Getty Images

Close ha aggiunto colore al suo lavoro negli anni ’70, quando il suo amico, il pittore Mark Greenwold, dipinse dettagli sorprendenti per il marchio di lavoro del 1979. Un anno dopo ha avuto il suo primo grande contraccolpo in Walker Arte Centro a Minneapolis. Commentando la sua pratica, Klose una volta disse: “L’ispirazione è amatoriale; lascia che il resto vada e venga al lavoro”.

Nel 1988, la vita di Klose terminò dopo essere rimasto paralizzato dal collo in giù, a seguito di una rottura dell’arteria spinale. Tuttavia, dopo diversi mesi di riabilitazione, ha imparato di nuovo a dipingere e ha riscoperto il suo stile usando i pennelli incorporati nel suo polso. Si dice che abbia detto agli amici: “Sputerò sulla tela se ne avrò bisogno”. Il suo lavoro successivo ha continuato a ricevere riconoscimenti, compresi i ritratti di Lou Reid e Bill Clinton.

Nel 2017, Klose è stata accusata di cattiva condotta sessuale da diverse donne che hanno posato per i dipinti da sole nel suo studio. Klose si è detto “davvero dispiaciuto” se ha fatto sentire le donne a disagio e ha accettato quello che ha detto con la “bocca sporca” mentre valutava il loro corpo. Ma non ha accettato l’accusa di molestie. Una mostra in programma alla National Gallery di Washington nel 2018 Il risultato è stato annullato.

A Close è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer nel 2013 e poi la demenza nel 2015. Il suo medico, Thomas M. Wisniewski, ha dichiarato al New York Times che la condizione potrebbe aver contribuito alle sue azioni: “[Close] Ha fatto cose molto proibite e inappropriate, che era la sua condizione medica di base. La demenza frontotemporale colpisce la funzione amministrativa. È come un paziente che ha una lobotomia: distrugge quella parte del cervello che controlla il comportamento e blocca gli istinti di base.

Morto in un ospedale di Oceanside, New York, di insufficienza respiratoria. Lascia le sue figlie, Georgia e Maggie e quattro nipoti.

READ  8.600 iniezioni di soluzione salina per sostituire il vaccino governativo: infermiera Vox: polizia