Ottobre 17, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Carlos Puigdemont torna a Bruxelles, ma torna in Italia per l’udienza di estradizione

L’ex presidente della Catalogna ed eurodeputato Carlos Puigdemont, arrestato per breve tempo in Sardegna e liberato, ha annunciato sabato che sarebbe tornato in Belgio dall’Italia lunedì, ma sarebbe tornato in Italia all’inizio di ottobre per un’indagine sulla sua deportazione in Spagna.

“Ho intenzione di tornare a Bruxelles lunedì perché ho una riunione del Consiglio per il commercio estero di cui sono membro dell’Europa”, ha detto in una conferenza stampa ad Alghero, la cultura catalana della Sardegna. Il 4 ottobre sono stato convocato al Tribunale di Sasari (Nord Sardegna). Apparirò davvero perché ogni volta che sono stato convocato dal tribunale, mi sono presentato “, ha promesso.

Appassionato di viaggi

Carlos Puigdemont, 58 anni, eurodeputato dal 2019, è stato arrestato giovedì sera mentre si recava all’aeroporto di Alghero, dove doveva partecipare a una cerimonia catalana Adibok. È stato rilasciato venerdì sera dopo essersi impegnato a comparire in tribunale il 4 ottobre in relazione alla sua deportazione in Spagna.

Carlos Puigdemont ha annunciato che continuerà a viaggiare in Europa a dispetto di Madrid e dei mandati d’arresto europei. La giustizia spagnola lo accusa di “tradimento” e “appropriazione indebita di fondi pubblici”. “Non ci arrenderemo mai, continuerò a viaggiare in Europa”, ha promesso Carlos Puigdemont.

Immunità in sospeso

Entro 24 ore dal suo arresto, la giustizia italiana lo ha “liberato” e la lotta dei separatisti catalani per “la libertà, la democrazia, il diritto all’autodeterminazione, la libertà di espressione, la libertà di movimento”.

Nel marzo 2018, su richiesta della Spagna, è stato arrestato per la prima volta in Germania. Ma è stato rilasciato pochi giorni dopo. L’Indipendent un tempo godeva dell’immunità parlamentare, ma il Parlamento europeo l’ha rimossa a stragrande maggioranza il 9 marzo. Un ricorso confermato dalla Corte di giustizia europea il 30 luglio.

READ  I residenti di Roma erano stremati dall'invasione di cinghiali in città

Tuttavia, la decisione del Parlamento europeo è impugnabile e la decisione finale nel merito deve essere pronunciata dai tribunali dell’UE “in un secondo momento”. I suoi consulenti legali considerano quindi “sospesa la decisione del Parlamento”, l’applicazione del mandato di cattura e il loro assistito ancora da beneficiare della sua immunità.