Giugno 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Atletica: campione a squadre, l’Italia domina la Slesia

Atletica: campione a squadre, l’Italia domina la Slesia

Guidata dal campione olimpico di salto in alto Gianmarco Tamperi, l’Italia ha vinto il suo primo titolo europeo a squadre di atletica leggera, mancato due anni fa al Silesian Stadium domenica (25).

L’uscita in ritardo del Tampere per infortunio nel 2021 ha permesso ai padroni di casa di mantenere il titolo.

  • Risultati completi ICI.

La seconda vittoria italiana della campionessa europea di lancio del peso indoor Jane Weir ha aiutato la squadra a chiudere con 24 punti di vantaggio a 426,50 dopo essere stata sotto di 2,5 punti l’ultima volta.

La Polonia, a caccia del terzo titolo consecutivo, è arrivata seconda in 402.50, concludendo bene in finale quando la medaglia d’argento europea mista 4x400m Natalia Kazmarek ha riportato la staffetta tra gli applausi della folla più numerosa ai campionati.

La corsa a ostacoli femminile di 3000 m si è aggiudicata il punteggio più alto totale da Alija Konicek in condizioni simili.

Dopo una serie di delusioni nei primi due giorni, la Francia è stata una squadra forte con tre vittorie per Ryan Jese nei 200 metri maschili, Hilary Kabatsa nel salto in lungo femminile e Nawal Meniger nel salto in alto femminile. Il totale ha raggiunto 337,50, che li ha collocati al settimo posto.

La Germania è arrivata terza con 387,5 e due vittorie – di Esther Guerrero nei 1500m femminili e Thierry Ndikumenayo nei 5000m maschili – hanno aiutato la Spagna a salire al quarto posto con 352 punti.

La Norvegia con 223 punti e la Turchia con 245 punti sono retrocesse nel Gruppo 2 – grazie a una superba prestazione del lanciatore Jolian Boumkvo – mentre il Belgio 250, 6,50 punti dietro la Grecia.

L’Ungheria, che si è classificata prima, seconda e terza nel Gruppo 2 terminato giovedì sera, sarà affiancata da Ucraina e Lituania nel Gruppo 1 ai Campionati europei di atletica leggera a squadre 2025 a Madrid.

Il Tampere, campione olimpico, ha contribuito a una delle sette vittorie dell’Italia

Il belga Thomas Carmoy è stato costretto a lavorare per la sua prima vittoria in un torneo in nove mesi dopo aver eguagliato il suo record personale.

Tamberi, che ha vinto il salto in alto, ha fatto due tentativi falliti a 2,3 m1 prima di diventare l’MC temporaneo mentre chiedeva alla folla di essere coinvolta e salire a un vantaggio mondiale di 2,34 m per il suo salto finale.

Non era particolarmente vicino. Ma c’è un desiderio di vantaggio e l’istinto di uno showman; E un campione.

“Questi campionati riguardano lo spirito di squadra, non i risultati individuali”, ha detto Tamberi. “Quello che vogliamo ottenere qui è vincere il trofeo per l’Italia. Come capitano della nostra squadra italiana, voglio vedere ogni atleta sul podio e ogni allenatore sostenersi a vicenda.

“Non ho mai visto la nostra squadra così com’è qui, e sono incredibilmente felice di essere il capitano di una forte squadra italiana di atletica leggera. »

Lo sforzo vincente del campione europeo 2018 di 21.59 ha frustrato il lanciatore di casa Michael Haratic per completare la tripletta.

Il britannico Scott Lincoln ha superato i 21,10 m in tempo per portare Haradik al terzo posto.

“Ho faticato un po’ da quando è iniziata la stagione all’aperto”, ha detto Weir. “Sono in ottima forma fisica, ma cerco sempre di lavorare tecnicamente. La stagione è lunga e mancano due mesi ai Mondiali.

“Sto cercando di godermi la competizione. C’è molta pressione e aspettative, ma dovrebbe essere una celebrazione del duro lavoro che ho svolto. È sempre bello ottenere buoni punti, ma sono un po’ deluso la mia distanza oggi. »

La vittoria di Konicek in 9:38.72 ha completato il contributo della famiglia dopo che sua sorella Anetta è arrivata nona nei 5000m femminili venerdì con un record personale di 15:43.35.

“Oggi non ho incantato il campo, ho incantato me stesso”, ha detto Konicek, che due anni fa vinse i 3000 siepi. “Oggi il ritmo era lento, ma i tifosi mi hanno aiutato a finire.

La folla era piena di energia anche nell’ultima gara individuale su pista dei campionati quando l’atleta locale Martina Gallant ha compiuto uno sforzo finale nei 1500 m femminili. in 4:11.77.

L’italiano campione europeo dei 10.000 Yemaneberhan Krippa, che due anni fa stabilì qui il record dei 5.000 in 13:17.23, si è dovuto accontentare del terzo posto in una gara vinta da Thierry Ndikumenayo.

Il 26enne corridore burundese ha annunciato la sua forma attuale a Oslo all’inizio di questo mese quando ha corso in 12:58.60 per finire sesto, battendo Andreas Almgren nel tratto finale nonostante entrambi gli svedesi fossero in svantaggio sul traguardo. Corse a casa.

Ndikumwenayo ha chiuso in 13:25.48, Almgren in 13:25.70 e Crippa in 13:34.29.

Tre vittorie aiutano la causa francese nella terza giornata

Larissa Ipchino, che ha vinto l’argento europeo indoor a Istanbul con un record personale di 6,97 m, ha tenuto l’Italia in carreggiata, così come il salto in lungo femminile.

È stata una vittoria notevole e notevole per Kpatcha, la cui ultima visita allo stadio Silesia si è conclusa con un disastro.

Due anni prima, sulla stessa pista per lo stesso torneo, Kpatcha ha subito un grave infortunio durante il riscaldamento che includeva uno strappo ACL, bicipite femorale, legamento collaterale laterale e un muscolo popliteo.

“È importante per me venire qui, vincere e concentrarmi sul futuro”, ha detto.

Un vivace Ryan Zeze ha ottenuto la prima vittoria della Francia nella competizione con un miglior tempo di 20.29.

Il brusio è aumentato per segnare il secondo posto del velocista locale Albert Komanski in 20.50 davanti all’italiano, che ha vinto l’oro olimpico nella 4x100m maschile ai Giochi di Tokyo 2020, con Filippo Tortu terzo in 20.61.

Novel Meniger ha vinto una battaglia serrata con l’adolescente belga Merel Maes, che ha eguagliato il suo record personale di 1,92 metri, ma ha perso al conto alla rovescia.

L’alta e potente Leigh Claver ha dominato i 200m femminili, respingendo una sfida insistente della britannica Bianca Williams vincendo per appena 0,01 in un record personale di 22,46, stabilito dalla collega olandese Dafne Schippers, campionessa del mondo 2015 e 2015.

Williams ha segnato 22,75 secondi davanti al greco Polyniki Emmanouilidou in 22,85 secondi, che è arrivato terzo.

“Stabilire un record personale di 22,46 è stato fantastico, ma d’altra parte, mi è mancato di ripetere il record del campionato di appena 0,01”, ha detto Claver.

Il campione tedesco di giavellotto maschile Julian Weber 86,26 m. Ha fatto un record lanciando.

Anche la ceca Nikola Okrodnikova ha stabilito il record del giavellotto femminile con un lancio di 61,75 m, respingendo la tedesca Christine Hussang, che ha vinto il titolo europeo a Berlino 5 anni fa, mentre la britannica Becca Walton è arrivata terza con 59,76 m. Il suo record personale è stato di 57,65 m.

Mike Rowbottom versa European Athletics

READ  Vaccine Pass, registrazione al test, Italia வரி Recensione del 6 gennaio