Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Arrivo dei primi astronauti trasportati dalla navicella spaziale Starliner della Boeing alla Stazione Spaziale Internazionale – 06/06/2024 alle 23:05.

Gli astronauti Sonny Williams (in blu, a destra) e Butch Wilmore (al centro) entrano nella Stazione Spaziale Internazionale dopo aver viaggiato a bordo di una capsula Boeing Starliner, il 6 giugno 2024. (NASA/Nicholas KAMM)

I primi due astronauti trasportati dalla navicella spaziale Starliner della Boeing sono entrati giovedì nella Stazione Spaziale Internazionale, segnando un passo decisivo per questa missione attesa da anni, nonostante i problemi verificatisi durante il volo con il sistema di propulsione della capsula.

“Che posto meraviglioso, ed è fantastico essere di nuovo qui”, ha detto con un sorriso l’astronauta della NASA Butch Wilmore. Questo è il suo terzo soggiorno sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), così come il suo collega Sonny Williams.

Questa prima missione Starliner con equipaggio rappresenta una grande sfida per il colosso aerospaziale e la NASA. Ha lo scopo di dimostrare che il veicolo è sicuro per iniziare le operazioni regolari.

Dieci anni fa, l’Agenzia spaziale americana ha ordinato alle società americane Boeing e SpaceX due nuovi veicoli per trasportare i suoi astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Se SpaceX svolge questo ruolo di taxi spaziale già da quattro anni, il programma di Boeing è in ritardo di anni.

Dopo essere decollata dalla Florida il giorno prima, giovedì la navicella spaziale si è avvicinata lentamente alla Stazione Spaziale Internazionale, che si trova a 400 chilometri sopra la Terra e si muove ad una velocità di circa 28.000 chilometri all’ora.

L’attracco è avvenuto alle 17:34 GMT, circa un’ora e venti minuti dopo rispetto a quanto inizialmente previsto.

Problemi con alcuni motori della nave utilizzati per apportare piccole modifiche alla rotta hanno ritardato l’avvicinamento finale.

READ  Questo mobile IKEA, che al momento della sua uscita valeva 37 euro, ora vale più di 2.000 euro - Tuxboard

Le nove persone a bordo della Stazione Spaziale Internazionale dopo l’arrivo degli astronauti della NASA Butch Wilmore e Sonny Williams (in blu), in uno screenshot del video della NASA trasmesso il 6 giugno 2024. (NASA/Nicholas KAMM)

La NASA ha spiegato che cinque di questi piccoli motori, su 28, ad un certo punto si sono guastati. Ma quattro di essi alla fine furono riavviati, fornendo i numeri necessari all’operazione.

La porta della navicella si è aperta circa due ore dopo l’attracco, consentendo agli astronauti Butch Wilmore, 61 anni, e Sonny Williams, 58 anni, di essere accolti dalle altre sette persone già a bordo del laboratorio di volo (astronauti della NASA e cosmonauti russi).

Nel pomeriggio è prevista una conferenza stampa con funzionari della NASA e della Boeing.

– Ero –

I due passeggeri della Boeing dovranno trascorrere poco più di una settimana sulla Stazione Spaziale Internazionale, prima di ritornare sulla Terra a bordo dello Starliner.

Nella notte tra mercoledì e giovedì, la NASA ha annunciato la scoperta di due nuove perdite di elio, oltre a una perdita già nota, durante il volo della navicella spaziale.

Jim May, direttore della Boeing, ha dichiarato in un messaggio trasmesso giovedì mattina dal colosso aerospaziale che queste perdite non rappresentano un “rischio per la sicurezza dell’equipaggio, della nave o della missione”.

Un razzo Atlas 5 della United Launch Alliance (ULA) che trasporta la navicella spaziale Boeing Starliner viene lanciato da Cape Canaveral in Florida il 5 giugno 2024. (AFP/Miguel J. Rodriguez Carrillo)

Prima del decollo è stata individuata una perdita su uno dei motori della nave. Si decise allora di non ripararlo, perché dopo le analisi la NASA lo descrisse come “piccolo” e ritenne che non rappresentasse un pericolo.

L’elio non è un gas infiammabile, ma viene utilizzato nel sistema di propulsione delle navi.

Non è stato immediatamente chiaro se queste perdite fossero legate al problema del propellente riscontrato poco prima dell’attracco.

-Guida manuale-

La navicella spaziale vuota è già arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale una volta nel 2022, ma questa è la prima volta che trasporta astronauti.

Butch Wilmore e Sonny Williams si sono formati per diversi anni per questo compito.

Poche ore dopo il decollo, hanno pilotato temporaneamente manualmente la navicella per testarne le corrette prestazioni.

“La precisione è davvero incredibile”, ha detto Butch Wilmore in una registrazione trasmessa mercoledì dalla Boeing. “Ancora più che nel simulatore.”

Ha aggiunto: “Le prime sei ore sono state assolutamente fantastiche e hanno superato le nostre aspettative”. “È semplicemente una nave fantastica.”

Il programma di sviluppo dello Starliner è stato rovinato da molteplici delusioni che hanno portato a successivi rinvii.

Boeing ha così battuto SpaceX, che già dal 2020 trasporta gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Ma la NASA vuole avere un secondo mezzo di trasporto in modo da poter affrontare meglio eventuali problemi con una delle capsule o situazioni di emergenza.