Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Ai giovani non importa!”  »: Questo esperto di videogiochi fa un’osservazione inquietante sugli adolescenti della Generazione Alpha e sul loro rapporto con le console di gioco

“Ai giovani non importa!” »: Questo esperto di videogiochi fa un’osservazione inquietante sugli adolescenti della Generazione Alpha e sul loro rapporto con le console di gioco

Notizie sulla tecnologia Jvi “Ai giovani non importa!” »: Questo esperto di videogiochi fa un’osservazione inquietante sugli adolescenti della Generazione Alpha e sul loro rapporto con le console di gioco

condivisione :


Negli ultimi mesi, diversi grandi nomi dell’industria dei videogiochi, come Phil Spencer e Tim Sweeney, hanno discusso delle politiche necessarie per garantire la prosperità del settore, evidenziando diversi cambiamenti e insidie ​​da evitare. Recentemente, anche l’ex vicepresidente esecutivo di Square Enix ha condiviso un’utile analisi sulle questioni attuali.

Esperto di videogiochi considera il modello attuale “obsoleto”

Jacob Navok, ex CEO di Square Enix, analizza le sfide legate all’investimento in videogiochi AAA in un’era di dominio dei servizi di gioco. Lo conferma Titoli come Final Fantasy XVI e FF7 Remake avevano budget fissati prima dell’esplosione di Fortnitein un momento in cui l’industria dipendeva dalla continua crescita del pubblico.

Jacob Navok spiega in un post su X che moltiplicare semplicemente il numero di vendite per il prezzo del gioco non riflette il vero profitto dell’editore. Paragona lo sviluppo di giochi all’investimento nel mercato azionario. Se il gioco costa 100 milioni di dollari e ci vogliono 5 anni per produrlo, Per essere redditizia deve generare un rendimento superiore a 201 milioni di dollari (rendimento medio del mercato azionario su 5 anni).

Tuttavia, la realtà è tutt’altro che favorevole. Solo $ 49 dei $ 70 pagati dal consumatore vanno all’editore (al netto delle commissioni della piattaforma). L’aggiunta di commissioni di marketing, sconti e resi riduce l’importo netto a circa $ 40. Per raggiungere il pareggio a 201 milioni di dollari, un gioco AAA dovrebbe vendere più di 5 milioni di copie.

READ  Mise à jour Xbox de mars 2022 : Quick Resume, audio, manettes... les nouveautés | Xbox Uno

L’ex Square Enix si rende conto che i suoi numeri potrebbero essere stati sottostimati. I costi di sviluppo e marketing potrebbero essere due volte più alti, rendendo l’equazione più difficile. Inoltre esso, L’inflazione, l’aumento dei salari e le crescenti aspettative dei consumatori contribuiscono all’aumento dei costi.

In questo contesto, il minimo errore avrebbe potuto essere disastroso per lo studio, soprattutto da allora Nuovi giocatori, come i giochi di servizio, sfidano il modello tradizionale dei videogiochi AAA.


Di fronte alla “Fortnitizzazione” dei videogiochi, gli editori dovranno inevitabilmente aumentare i prezzi

Qualche anno fa, l’arrivo dei giochi di servizio, come Fortnite, ha scosso la scena dei videogiochi attirando giocatori più giovani, abbandonando i tradizionali franchise AAA. Secondo Jacob Navok. I giocatori più giovani non sono più interessati ai giochi AAA come Final Fantasy perché non sono cresciuti con quei franchise E preferisci piattaforme come PC o dispositivi mobili per giocare a titoli come Fortnite, Roblox o Minecraft.

Di fronte a questo disinteresse da parte dei giovani della Generazione Alpha, i grandi nomi dei videogiochi, come Sony, Investe molto nel gioco di servizio, modello economico più redditizio e attraente per i giovani giocatori. I dati di Newzoo indicano che il 25% del tempo di gioco dei giocatori nel 2023 si concentra su soli 5 giochi: Fortnite, Roblox, Minecraft, GTA 5 e League of Legends. Solo l’8% del tempo di gioco viene dedicato a nuovi giochi al di fuori dei franchise annuali.

READ  La giustizia decide di non rivendere videogiochi immateriali

Jacob Navok ritiene che gli studi di videogiochi legacy siano intrappolati tra la produzione di giochi AAA costosi e rischiosi e lo sviluppo di giochi di servizio che devono affrontare una concorrenza feroce.

Per sopravvivere in questo difficile contesto gli studi hanno tre strumenti per lavorare:

  • Ridurre i costi di produzione, cosa difficile in tempi di inflazione e di corsa alla qualità.
  • Aumentare i prezzi dei giochi, una soluzione impopolare ma potenzialmente necessaria per garantire la sopravvivenza dei giochi AAA.
  • Far crescere il pubblico è una sfida enorme in un mercato stagnante.

Secondo Jacob Navok. I prezzi dei videogiochi continueranno inevitabilmente ad aumentare per compensare l’aumento dei costi. Secondo lui non si tratta dell’avidità degli studi, ma piuttosto della necessità di garantire la sopravvivenza dei giochi AAA.