Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Africa: gli archeologi hanno scoperto la struttura in legno più antica conosciuta al mondo, che ha mezzo milione di anni

Africa: gli archeologi hanno scoperto la struttura in legno più antica conosciuta al mondo, che ha mezzo milione di anni

Secondo uno studio pubblicato questa settimana, gli archeologi hanno scoperto in Africa la struttura in legno più antica del mondo, che ha quasi mezzo milione di anni.

Una scoperta che rimescola le carte della nostra conoscenza dei primi esseri umani. Secondo uno studio pubblicato mercoledì scorso, gli archeologi in Africa hanno scoperto uno scheletro di legno ben conservato risalente a circa 500.000 anni fa e più antico del primo Homo sapiens conosciuto.

In effetti, questa complessa struttura è stata scoperta nel sito preistorico di Kalambo Falls, nell’attuale Zambia, e risale ad almeno 476.000 anni fa, prima della presunta comparsa della nostra specie, l’Homo sapiens.

Questa costruzione è costituita da due pezzi di legno ad incastro, collegati trasversalmente da un incavo realizzato appositamente per realizzare una struttura, forse la fondazione di una piattaforma rialzata, una passerella o un habitat, a seconda Lo studio è stato pubblicato su Nature. Nel sito è stata scoperta anche una collezione di strumenti di legno, tra cui un bastone da scavo. Questo ritrovamento è molto raro perché il legno è difficile da conservare nel tempo.

Mentre la più antica struttura in legno conosciuta fino ad oggi ha “solo” 9.000 anni, Larry Parham, professore all’Università britannica di Liverpool e primo autore dello studio, non si aspettava di trovare un simile tesoro mentre scavava il sito preistorico di Kalambo, che si trova in una zona Kalambu. Sulle sponde del fiume omonimo, sopra le cascate alte 235 metri.

Chi ha costruito il tempio?

Soprattutto perché i depositi sono talmente antichi da non corrispondere all’epoca in cui visse l’Homo sapiens, i cui fossili più antichi risalgono a circa 300.000 anni fa. La ricerca però non è riuscita a determinare quale razza umana esistesse, ma l’archeologo Barham non ha escluso l’ipotesi di trattarsi di Homo heidelbergensis, una specie estinta vissuta approssimativamente tra 700.000 e 220.000 anni a.C.

READ  È morto l'astronauta americano Thomas Mattingly, soccorritore dell'Apollo 13

A parte il cranio fossile di Homo heidelbergensis, scoperto in Zambia negli anni ’20, “non ci sono altri ominini conosciuti nella zona”. In ogni caso, questa scoperta “ha cambiato la sua visione” dei nostri primi antenati. “Hanno usato la loro intelligenza per trasformare il loro ambiente e rendere la loro vita più facile, se non altro creando una piattaforma per sedersi sul bordo del fiume”, ha detto l’archeologo.

“Il fatto che fossero in grado di lavorare il legno su larga scala presuppone abilità cognitive come la pianificazione, la visualizzazione del prodotto finale prima di visualizzarlo e lo spostamento mentale degli oggetti nello spazio”, osserva Sophie Archambault de Beaune, professoressa di preistoria e professoressa alla l’Università Jean Moulin Lyon 3. ., che non ha partecipato ai lavori.

Inoltre, secondo gli autori dello studio, la struttura era adatta ad “un’occupazione sostenibile” per la presenza di una fonte d’acqua permanente e di una foresta, il che “mette in dubbio l’idea che questi primi uomini fossero nomadi”.