Settembre 24, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

A Baghdad, Emmanuel Macron si reca in un importante santuario sciita

Questa è la prima volta per un presidente francese. Emmanuel Macron ha trascorso quasi due ore, venerdì 28 agosto, verso mezzanotte, in un famoso santuario sciita a Baghdad, in compagnia del primo ministro iracheno Mustafa Al-Kazemi, Dove ha ricevuto un caloroso benvenuto.

Questa visita notturna ha coinciso con il suo primo giorno in Iraq, dopo una conferenza regionale incentrata sulla lotta al terrorismo. Poco dopo è partito per il Kurdistan iracheno, e da lì sarebbe andato a Mosul, la città sunnita. È stato distrutto dallo Stato Islamico, dove incontrerà anche le comunità cristiane.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Macron a Baghdad per partecipare alla “Conferenza di vicinato” per la stabilità dell’Iraq e della regione

Ma per confermare la sua volontà di rivolgersi a tutte le religioni in Iraq, che condividono il potere, ha deciso di recarsi prima al santuario di Kadhimiya, importante luogo di pellegrinaggio per gli sciiti, che ospita il santuario dove è sepolto il settimo imam dodicenne.

schiacciare

Sabato, verso le 23, un lungo corteo di auto alla guida dei due leader e della loro delegazione è arrivato in una strada trafficata fiancheggiata da display colorati e striscioni illuminati, al termine della quale svettano le maestose cupole dorate del santuario.

I due uomini si stavano dirigendo verso il memoriale, a braccetto, tolti le scarpe come tutti i visitatori, e trovandosi nel cortile in mezzo a una folla molto commovente, che si accalcavano per avvicinarsi al leader iracheno, sciita nativo del quartiere . .

In una folla difficile per i loro due servizi di sicurezza, hanno visitato la sala del mausoleo e la biblioteca che ospita antichi manoscritti. Tra la delegazione francese in particolare c’erano Jacques Lang e Mr.amore Gollnisch che difende i cristiani d’Oriente.

READ  Morto a 84 anni l'ex presidente Abdelaziz Bouteflika
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche In Iraq, Macron ha affrontato l’onda d’urto afghana

combattere l’ISIS

È stato accolto dal presidente francese, l’Ayatollah, che gli ha raccontato la storia della biblioteca, nonché dai funzionari del complesso, che gli hanno ricordato che la lotta allo Stato Islamico, su invito degli sciiti, ha mobilitato Iracheni di tutte le fedi.

Questa visita a un santuario sciita è, “Penso, per la prima volta per un presidente francese”Ha sottolineato Macron, riferendosi al fatto che la Francia è un tradizionale alleato dei leader sunniti.

“È un segno di riconoscimento. È un modo per imparare e capire. Credo umilmente che se dobbiamo essere in grado di agire utilmente in questa regione, lo capiamo meglio, è un mondo di complessità”, ha detto ai giornalisti durante la visita al sito.

“Abbiamo appena tenuto una conferenza importante e la Francia è ansiosa di riconoscere tutte le componenti di questo popolo e domani sarò al fianco dei domenicani, dei sunniti e degli yazidi, ed era importante che anch’io fossi dalla parte della comunità sciita”, è fatta.

Leggi anche Capire l’opposizione tra sunniti e sciiti in Medio Oriente

Il mondo con AFP