Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

18, 24 o 36 GB di RAM: Apple sfrutta la memoria non binaria

18, 24 o 36 GB di RAM: Apple sfrutta la memoria non binaria

Quando è stato annunciato il MacBook Pro M3, alcuni sono rimasti sorpresi dai valori annunciati da Apple per la RAM: 18, 24 o 36 GB in realtà non sono valori classici. Ma se la quantità di RAM è generalmente una potenza di 2 rispetto alla capacità delle strisce, questo non è un impegno e la memoria LPDDR5 utilizzata da Apple porta con sé alcune sottigliezze.

Non è un errore.

Primo punto da considerare: Apple non usa la parola “barre” nel senso classico del termine. L’azienda posiziona i chip di memoria LPDDR5X il più vicino possibile al processore, per semplificare la progettazione delle schede madri. Anche questo è uno svantaggio di questo tipo di memoria: è saldata alla scheda madre da molto tempo.

In pratica, i componenti che potete vedere accanto ai SoC di Apple sono costituiti da più chip di memoria impilati, dotati di un bus a 16 bit. L’organizzazione dipende in parte dal sistema presente sul chip, ma ogni componente può gestire un bus a 64 bit (M1, M2 ed eventualmente M3) o 128 bit (M1 Pro, M1 Max, M2 Max ed eventualmente M3 Max) . La densità può variare: chip M1 Pro accoppiato con due chip sovrapposti a 128 bit (256 bit in totale), chip M2 Pro fatto passare attraverso quattro chip a 64 bit, per la stessa larghezza di banda, come mostrato nell’immagine. iFixit lo dimostra.

A sinistra, due componenti dell’M1 Pro. A destra, quattro componenti dell’M2 Pro. Ma stessa larghezza di banda.

Quindi il numero di componenti dipende dal bus di memoria, che è 128 bit (M1, M2, M3), 192 bit (M3 Pro), 256 bit (M1 Pro, M2 Pro), 384 bit (M3 Max) o 512 bit ( M1 massimo, M2 massimo, M3 massimo). Arriva anche fino a 1024 bit nelle varianti M1 Ultra e M2 Ultra.

READ  il premier smartphone Nothing débarque bientôt avec une interface Nothing OS

Memoria non binaria

Per decenni, l’aumento della capacità della RAM è stato binario: un chip da 16 GB segue un chip da 8 GB, che sostituisce un chip da 4 GB, e così via. Con la memoria DDR5 questo punto viene modificato: sono possibili capacità non binarie. Questo è il caso della Apple ma anche dei bar: lì DDR5 da 24 GBPer esempio.

Nastro da 24 GB.

Nel caso di Apple, i chip M2 e M3 possono ricevere fino a 24 GB di RAM, sotto forma di otto chip da 24 GB (gigabit) impilati in due stack. Stesso discorso per M3 Pro e M3 Max: il modello dotato di 18GB di RAM integra infatti dodici moduli da 12GB, raggruppati in quattro (ovvero un bus a 192 bit). Nei chip M3 Max, Apple utilizza anche moduli da 24 GB per accedere a un totale di 48 GB (su un bus a 512 bit) ma moduli da 32 GB (il primo) per accedere a 128 GB di RAM.

Questa opzione costosa utilizza chipset molto moderni.

Ricordiamo infine che anche se le strip hanno valori che raddoppiano ad ogni salto di generazione prima di DDR5, il totale può essere un valore che non è una potenza di 2. Non è infatti necessario collegare le strip a coppie (si può installare un chip da 4GB e un modulo di memoria da 8GB GB, per un totale di 12 GB) e se il computer ha più di due slot, sono possibili diverse combinazioni (due stick da 16 GB e due stick da 4 GB per esempio). Allo stesso modo, Apple ha integrato da tempo la RAM in alcuni modelli (alcuni Power Macintosh, i primi iBook, ecc.) con la possibilità di aggiungere uno o più moduli. Ad esempio, l’iBook G3 ha 32 o 64 MB di RAM con la possibilità di accedere a 544 o 576 MB in totale.

READ  Abbiamo provato a generare chiavi Windows 10 Pro e 11 Pro utilizzando ChatGPT

La scelta di passare a 18 GB può sembrare insolita, ma nel caso del chipset M3 Pro ha senso: con un bus a 192 bit non possono essere serviti 16 GB in totale.