Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Vero o falso.  È possibile “ridurre l’Iva sull’energia”, come dice Giordano Bardella?

Vero o falso. È possibile “ridurre l’Iva sull’energia”, come dice Giordano Bardella?

Mentre è possibile ridurre l’Iva su gas ed elettricità, questo non è il caso per i carburanti. Per fare questo, il Partito Repubblicano intende chiedere un’esenzione all’Unione Europea.

pubblicato


aggiornare


Tempo di lettura: 5 minuti

Una stazione di servizio a Osh (Gers), 4 ottobre 2023. (JEAN-MARC BARRERE / HANS LUCAS / AFP)

Si tratta di una delle principali misure economiche adottate dal Fronte Nazionale in vista delle elezioni legislative. Durante la presentazione del suo programma, lunedì 24 giugno, Jordan Bardella ha promesso ancora una volta di ridurre l’imposta sul valore aggiunto sui prodotti energetici (elettricità, gas, olio combustibile e carburante) dal 20% al 5,5%, attraverso il disegno di legge finanziaria modificato. “È del tutto possibile ridurre l’Iva sull’energia in Europa, e Germania e Polonia lo hanno fatto”.Lo ha annunciato il capo del Partito del Raduno Nazionale.

Mentre la bolletta del gas è destinata ad aumentare di quasi il 12% a partire dal 1° luglio, il Fronte Nazionale ha promesso che lo farà “Proteggere il potere d’acquisto dei francesi”. Questa riduzione dell’Iva sull’energia è già stata sostenuta da Marine Le Pen nel 2022 e rappresenta un costo per le finanze pubbliche stimato da Bercy in 16,8 miliardi di euro. parigino. Quindi, il National Rally Party può davvero mantenere la sua promessa?

Domanda venerdì 21 giugno da destra a sinistraIl deputato del Partito repubblicano Jean-Philippe Tanguy ha spiegato come il partito intende farlo. Dovrai prima ordinare a “Esenzione temporanea” Dalla Commissione Europea per attuare questa misura “Da quest’estate.” “C’è stata una modifica nella direttiva nel 2022 che consente di riconoscere gas ed elettricità come prodotti essenziali (…) dove è più difficile negoziare è il carburante”., riconosce il deputato uscente del 4° distretto della Somme ed economista della RN. Ha parlato della necessità di istituire un “equilibrio di potere”.

“Ciò che vogliamo chiarire a Bruxelles è che l’energia è una necessità fondamentale”.

Jean-Philippe Tanguy, deputato uscente del Partito repubblicano per la Somme

Su RTL, il 21 giugno

IL Direttiva europea emanata nel novembre 2006 (pdf disponibile) Sull’imposta sul valore aggiunto qualsiasi Stato membro può applicare un’aliquota ridotta non inferiore al 5%. “Per le forniture di gas naturale, energia elettrica e teleriscaldamento”. Specifica inoltre nella sua terza appendice un elenco di beni e servizi che possono beneficiare di questa aliquota ridotta, come la distribuzione di cibo o acqua. “Divieto [d’appliquer une TVA réduite] Generale e si apre il menu Autorizzazioni. Il carburante non è compreso nei permessi“, afferma Guillaume Paticle, dottorando in diritto pubblico all’Università della Piccardia-Jules Verne (UPJV) e giornalista giuridico fact-checking in Evidenziatori. Poiché il carburante non è menzionato in questa Appendice, è illegale ridurre l’IVA oltre l’aliquota “naturale” del 15% determinato dalla stessa direttiva.

READ  Henri Broglio, ex amministratore delegato di EDF, sotto processo per 'nepotismo'

Da allora, queste linee guida si sono evolute, in particolare per affrontare le situazioni di crisi. “Modificato nel 2020, aggiungendo maschere e gel idroalcolici all’elenco dei prodotti ammessi alla riduzione dell’IVA, nel contesto della pandemia di Covid-19.”“, rileva l’avvocato A Ulteriori indicazioni da aprile 2022 Si tratta di rivedere quanto applicato nel 2006, che prevede la possibilità per gli Stati membri di esentare alcuni beni e servizi dall’imposta sul valore aggiunto. “Coprire i bisogni primari”Lui spiega Commissione europea.

L’elenco dei beni e servizi che possono beneficiare dei prezzi scontati è stato aggiornato: ora include “consegna Elettricità, teleriscaldamento e teleraffreddamento e biogas”.. Secondo Guillaume Paticle la crisi energetica è stata causata dalla guerra in Ucraina. IL “Gas naturale e legna da ardere” Anche nella lista, ma fino al 2030. Quindi, Il suggerimento di RN [de baisser la TVA] Su luce e gas non è un problema”.Il dottorando in giurisprudenza crede.

Tuttavia, ai prodotti in esame non verranno applicati sconti ed esenzioni “Danno all’ambiente” Entro il 2030 per i combustibili fossili, ed entro il 2032 per pesticidi e fertilizzanti chimici, la nuova direttiva stabilisce. L’Europa si è posta l’obiettivo del Green Deal Ridurre le emissioni di gas serra nell’Unione Europea del 55% entro il 2030 e raggiungere il livello richiesto Neutralità carbonica entro il 2050.

Tuttavia, ispirandosi all’esempio polacco, il Fronte Nazionale spera di vincere la causa. “Come la Polonia, avremo un’esenzione temporanea (…) Se la Polonia la ottiene, ripetere ancora”, Jean-Philippe Tanguy ha firmato da destra a sinistra. Secondo i rapporti, Varsavia è riuscita a ridurre l’imposta sul valore aggiunto sul diesel e sul carburante dal 23% all’8% nel 2022, come parte di un piano per combattere l’inflazione. Agenzia internazionale per l’energia. Bruxelles ha annunciato che questa esenzione è stata ottenuta, per un periodo di sei mesi, rinnovabile, per tutto il 2023 Sul suo sito web A gennaio.

READ  Stati Uniti: Inflazione rallentata più del previsto a maggio - 13/06/2023 17:15

Ma il contesto polacco può essere paragonato a quello francese? Nella sua recente richiesta di esclusione dall’Unione Europea, la Polonia ha sottolineato questo obiettivo “Per alleggerire parzialmente il peso sociale ed economico” Sui suoi residenti, perché “Il tasso di cambio dell’euro sale rispetto allo zloty”la sua valuta nazionale, avrebbe portato a “Aumentare le tasse sui prodotti in questione”, si legge nella risoluzione. Motivo per cui non può essere trasferito in Francia. Come affermato dal governo polacco A “inflazione galoppante” Associato alla guerra in Ucraina. Si prevede che questo aumento dei prezzi raggiungerà il 13,2% nel 2022 (rispetto al 9,2% in media nell’UE e al 5,9% in Francia)Poi al 10,9% nel 2023, secondo Eurostat.

Il Fronte Nazionale dovrà poi convincere gli altri Stati membri della fondatezza della sua richiesta di esenzione. “Visto che è una questione di tasse, la Francia deve ottenere il via libera del Consiglio dell’Unione Europea, che deciderà il 27, Guillaume Paticle spiega. Mi sembra complicato avere un consenso [des ministres des Etats membres] consiglio.” La verità è che l’articolo 19 del Codice Direttiva 2003 Per quanto riguarda le tasse sull’energia nell’Unione europea lo stabilisce “Il Consiglio può, all’unanimità (…), autorizzare uno Stato membro a introdurre ulteriori esenzioni o riduzioni per ragioni politiche specifiche.”.

“Ciò che è difficile [d’obtenir] Licenziamento definitivo”, ha ammesso Jean-Philippe Tanguy. difficile. Potrebbe addirittura essere impossibile: l’esenzione definitiva sui combustibili non è coerente con la direttiva del 2022, che prevede una scadenza al 2030 per la riduzione delle tasse sui combustibili fossili. In questo caso è necessario adottare una nuova direttiva. “Se l’UE identifica il viaggio come una prima necessità, possiamo negoziare sul carburante, ma anche in questo caso gli altri 26 Stati membri devono essere d’accordo”.Guillaume Paticle avverte.

READ  Aumentano i prezzi del petrolio dopo gli attacchi degli Houthi nel Mar Rosso