Agosto 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Verifica dei fatti: è efficace su Facebook? Dipende da

Poiché Facebook non è molto noto per la sua trasparenza, si sa poco dell’efficacia delle proprie misure. I fact-checker “certificati”, ovvero coloro i cui commenti compaiono accanto a un post di Facebook che è stato ritenuto falso o fuorviante, richiedono regolarmente dati in modo da poter valutare la portata del loro lavoro. Pertanto, due ricercatori francesi dell’Istituto di Scienze Politiche di Parigi hanno tentato di attingere ai dati di “engagement” dei gruppi o delle pagine Facebook oggetto di questa verifica, prestando particolare attenzione ai gruppi o alle pagine che hanno regolarmente condiviso disinformazione nel 2019 e nel 2020.

Di conseguenza, la copertura – il numero di commenti, Mi piace o “condivisioni” pubblicati da questi account – è diminuita in modo significativo dopo che una pagina Facebook è stata contrassegnata come condivisa almeno due notizie. Errore da uno dei supporti supportati. Parliamo di un calo del range del 43% o del 62%, a seconda del database utilizzato dai ricercatori (uno dei due database è quello del sito di verifica Appunti di scienza, uno degli autori della ricerca ne è il fondatore).

Ma sorprendentemente, questa scoperta incoraggiante non si applica ai gruppi di Facebook (le pagine sono pubbliche, mentre i gruppi possono essere pubblici o privati). Certo, a giugno 2020, il tasso di coinvolgimento medio per messaggio per i gruppi che diffondono notizie false è stato dimezzato, ma in cambio questi gruppi hanno raddoppiato il numero di post tra il 2019 e l’estate 2020, quindi il risultato netto è positivo per loro. Notiamo che il COVID è al centro di questa analisi: più i cambiamenti di giugno 2020 possono essere collegati agli sforzi di Facebook – come altre piattaforme – per ridurre l’enorme quantità di notizie false sulla pandemia, più il numero cresce. I post potrebbero essere stati opera dei produttori di fake news che hanno scoperto l’epidemia.

READ  Lo strano comportamento di un metallo superconduttore alle alte temperature

Al massimo, hanno scritto i ricercatori, “la politica di Facebook sembra essere in grado di contenere, piuttosto che ridurre, la crescita della disinformazione condivisa da questi ‘criminali recidivi'”.