Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Vaccini contro il COVID-19: quando si può beneficiare della “super immunità” contro il virus?

primario
Uno studio americano sostiene che in una persona vaccinata contro il Covid-19 che successivamente è stata infettata dal virus, la produzione di anticorpi aumenta di dieci volte. È probabile che questo tragga beneficio dalla “super immunità” al virus.

La protezione dei vaccini contro il Covid-19 è una specie di grande domanda in questo momento. Mentre i ricercatori scoprono costantemente varianti più o meno resistenti ai vaccini attualmente in circolazione, l’efficacia del vaccino rimane una grande incognita. Così una persona sviluppa anticorpi quando viene vaccinata o quando viene contagiata dal virus: acquisendo così una certa immunità contro il Covid-19.

Leggi anche:
Variante Omicron: la protezione del vaccino dopo la terza dose cala bruscamente dopo dieci settimane

Gli scienziati hanno prestato grande attenzione al fenomeno della “superimmunità”: in certi casi, poche persone sono il bersaglio di una protezione ottimale dal virus. Secondo uno studio americano pubblicato giovedì scorso 16 dicembre sulla rivista Giornale dell’Associazione Medica Americana (JAMA), Una persona che è stata vaccinata contro il virus e successivamente infettata acquisirà probabilmente questa “super immunità”.

L’anticorpo è aumentato del 1000%.

In pratica, secondo i nostri colleghi di CNewsI ricercatori hanno esaminato da vicino due gruppi di pazienti: un primo gruppo di persone con un programma di vaccinazione completo che ha contratto il Covid-19 e un secondo gruppo di persone che ha anche completato il programma di vaccinazione, ma non ha mai contratto il virus.

Leggi anche:
Covid-19: HAS raccomanda di ridurre il tempo di potenziamento del vaccino a 3 mesi e di aprirlo agli adolescenti vulnerabili

Il primo gruppo ha sviluppato una quantità di anticorpi particolarmente evidente: “Un aumento del 1.000% e talvolta del 2.000%, e quindi un’immunità davvero elevata. È quasi una super immunità”, ha commentato il professor Vicado J. Tavis, a conclusione dello studio, nella pubblicazione. La scorsa estate, uno studio condotto da Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie Si è concluso che la vaccinazione riduce della metà il rischio di reinfezione nelle persone infette per la prima volta.

READ  Il 'bubble tea' ha successo con i giovani, una buona notizia per la loro salute?