Agosto 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Uragani e cambiamenti climatici: la scienza nel buio”. Storia di Anis Marechal

Quasi 100 persone sono morte nei tornado che hanno spazzato gli Stati Uniti centro-orientali a metà dicembre. Circa 30 tornado hanno percorso più di 350 chilometri, dall’Arkansas al Kentucky. Questa distanza lo rende un evento importante, raramente notato. “Questo non è un evento inaspettato, ma possiamo considerarlo insolito”, osserva Robert Vautard, climatologo presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica e direttore dell’Istituto Pierre-Simon Laplace. La sua origine è dovuta alla grande instabilità atmosferica che ha prevalso all’inizio di dicembre. In questione, un fronte freddo incontra una massa di aria di stagione umida e anormalmente calda proveniente dal Golfo del Messico.

Ma il disastro dovrebbe essere attribuito al cambiamento climatico? Nessuno studio ha ancora permesso di stabilire un legame tra cambiamento climatico e uragani, a differenza di altri eventi meteorologici estremi. In generale, l’impatto del cambiamento climatico sugli uragani non è ben compreso. Alcuni cambiamenti sono stati notati, secondo l’ultimo inventario dell’IPCC: quando si verifica una tempesta che genera uragani, sono più numerosi. Ma il numero di giorni di uragano sta diminuendo: il risultato è un numero annuo di uragani stagnante. Un’altra nota: i tornado sono solitamente raggruppati in Tornado Alley negli Stati Uniti centrali e ora sono concentrati nell’est.

variabilità normale. “Non possiamo determinare se queste tendenze sono legate al cambiamento climatico o alla variabilità naturale”, aggiunge Robert Vattard. Ci vorrebbero almeno cinquant’anni di registrazione degli uragani per rispondere a questa domanda, ma i primi dati risalgono a circa 30 anni. Altrove nel mondo, in particolare in Europa, il numero di uragani è così basso che i cambiamenti sono difficili da rilevare e non vengono fatte osservazioni forti.

READ  les enseignants dénoncent une censure, l'école se défend

Un altro modo per studiare l’impatto del clima: modelli climatici che simulano il futuro. Anche in questo caso, gli scienziati sono relativamente impotenti. I migliori modelli climatici fanno calcoli su aree di almeno un chilometro quadrato… non abbastanza accurati da simulare uragani, che sono molto più piccoli.

Altrimenti, gli scienziati lo stanno ancora usando per simulare il futuro. Monitorano il verificarsi di determinate condizioni meteorologiche, quelle che portano alla nascita degli uragani. Questi sono, ad esempio, alcuni tipi di tempeste note per generare tornado. Andando avanti, negli Stati Uniti, i modelli mostrano che è probabile (ma non certo) che la stagione per queste tempeste si allungherà. È anche probabile che si verifichi nel nord e nell’est. “Anche se le condizioni ambientali simulate fossero favorevoli a queste tempeste, ciò non significa che ci saranno uragani”, spiega Robert Vautard. La nascita degli uragani dipende anche da condizioni specifiche nelle nuvole, che non sono affatto simulate nei modelli climatici. » Il cambiamento climatico influenza gli uragani? Solo quando i modelli climatici saranno in grado di simulare gli uragani e i dati saranno sufficienti, gli scienziati del clima ci risponderanno.