Novembre 27, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Uno studio rileva che almeno 379 persone sono morte facendo selfie dal 2008

Studio epidemiologico spagnolo, di prossima pubblicazione su Le Journal of Travel MedicineGuarda quante persone sono morte fotografando nel mondo. Rivela che almeno 379 persone sono morte in queste condizioni dal 2008 in tutto il mondo, un numero in costante aumento.

Dall’inizio del 2021, una persona muore ogni settimana mentre cercava di farsi un selfie nel mondo. È quanto rivela un recente studio epidemiologico che sarà presto pubblicato su Le Journal of Travel Medicine È stato realizzato dalla iO Foundation, un’organizzazione scientifica spagnola specializzata nello studio delle malattie tropicali e legate ai viaggi.

questo studio, il primo del suo genere, è stato realizzato da un gruppo di sette scienziati spagnoli. Rivela che almeno 379 persone sono morte in tutto il mondo tra gennaio 2008 e luglio 2021 mentre si scattavano un selfie. Secondo questi dati, la tendenza è stata particolarmente al rialzo negli ultimi sette mesi, con 31 incidenti mortali dal gennaio 2021.

Cadere nel vuoto o in un incidente automobilistico o ferroviario

Durante questo periodo, “questo rappresenta una morte ogni 13 giorni”, ha detto a BFMTV.com Christina Josas, uno degli autori dello studio. “Si tratta di un numero che tende ad aumentare ogni anno, tranne nel 2020 quando c’era molto meno turismo di massa a causa del Covid-19. Infatti dallo scorso anno sono state imposte restrizioni al traffico in molti Paesi”, riducendo il numero di viaggi.

Molte di queste vittime, secondo lo studio spagnolo, sono turisti che si sono avventurati in luoghi del mondo che non conoscevano bene. Infatti, la iO Foundation riferisce che una vittima su tre era in viaggio al momento della sua morte e che le tre principali cause di queste morti sono state: caduta nel vuoto, trasporto (incidenti ferroviari o automobilistici) e annegamento.

READ  Il CEO di Samsung condannato per uso illegale di droga

Secondo lo studio, nel dettaglio, 216 decessi (su 379 decessi registrati in 13 anni) sono stati causati da cadute. Persone che hanno scalato cascate, scogliere o persino tetti per scattare foto. Inoltre, 123 persone sono morte in incidenti legati ai trasporti e 66 sono annegate. Altri 24 sono morti in incidenti legati alle armi (incluso il suicidio) o per elettrocuzione, e 17 sono morti per ferite legate ad attacchi di animali selvatici.

Christina Josas, co-firmatario del Selfie Death Study.
Christina Josas, co-firmatario del Selfie Death Study. © BFMTV

L’India stabilisce il record di morti per selfie

“C’è motivo di preoccupazione”, afferma il ricercatore, “dal punto di vista medico e dal punto di vista sanitario, perché in alcuni paesi occidentali come la Francia o la Spagna, il numero di persone che muoiono in un selfie supera il numero di morti per malaria”.

Lo studio rileva che dei circa 50 paesi che hanno registrato la maggior parte di questi decessi, l’India è al primo posto, con 100 decessi dal 2008, gli Stati Uniti al secondo con 39 e la Russia al terzo con 33 decessi. “I numeri per l’India sono in parte spiegati dal fatto che molte persone nel paese si fanno selfie mentre i loro corpi vengono tirati fuori dal finestrino o dalla porta del treno”, afferma Christina Josas.

“Negli Stati Uniti o in Russia, questo è più spiegato dalle dimensioni dei paesi, dall’enormità di alcune delle loro aree turistiche. Molte persone viaggiano da sole e alcune possono trovarsi in situazioni in cui mettono in pericolo la vita”.

La Francia non è uno dei dieci paesi con il maggior numero di vittime. Ma lo studio rileva la morte di Wang Jian, il miliardario cinese di 57 anni morto il 4 luglio 2018 a Bonnieux nel Vaucluse, dopo una caduta accidentale mentre “si arrampicava su un’alta barriera in cui cadere. Foto”.

READ  I repubblicani accusano Barack Obama di minacciare la democrazia
Un giovane si fa una foto davanti alla diga del Glen Canyon negli Stati Uniti nel 2011, uno dei luoghi turistici più pericolosi per fare selfie (illustrazione).
Un giovane si fa una foto davanti alla diga del Glen Canyon negli Stati Uniti nel 2011, uno dei luoghi turistici più pericolosi dove farsi selfie (illustrazione). © Flickr – CC Commons – Ethan Trewhitt

Christina Josas sottolinea inoltre che i luoghi “più pericolosi” in cui indulgere nella pratica dei selfie sono le cascate del Niagara al confine tra Stati Uniti e Canada, la diga di Glen Canyon negli Stati Uniti, Charco de Puro in Colombia e Penha Beach in Brasile. Mlango si trova in Kenya, gli Urali in Russia, ma anche il Taj Mahal o Doodhpathri Valley in India.

I giovani sono più a rischio di incidenti

Il ricercatore rileva inoltre che “l’età è un fattore di rischio, in quanto l’età media delle vittime identificate è di 24,4 anni”. Inoltre, ricorda che “il 41% di queste vittime sono giovani adulti di età inferiore ai 19 anni e il 37% sono ventenni”. Secondo lei, due terzi delle vittime sono uomini.

Per condurre questo studio, i ricercatori hanno raccolto quanti più dati possibili utilizzando uno strumento di intelligence epidemica chiamato Project Heimdllr. Quest’ultimo ha permesso loro di compilare tutti gli eventi (informazioni trasmesse a mezzo stampa o tramite comunicati stampa) pubblicati dal 2008 nelle sei lingue più utilizzate al mondo, ovvero inglese, spagnolo, francese, tedesco, portoghese e italiano.

Così Christina Josas sottolinea i limiti di questo studio, che di fatto include solo casi di morte per selfie noti alla stampa. Lo studio esclude anche i decessi che potrebbero essersi verificati in paesi di lingua diversa da quelli studiati, nonché gli incidenti gravi ma non mortali verificatisi.

READ  Covid-19 - Affronta un virus, l'Europa in sé

Infine, il ricercatore e portavoce della fondazione ritiene che sia “tempo” per gli operatori sanitari di mettere in guardia viaggiatori e turisti sulle loro pratiche di selfie. “È una questione di prudenza e di educazione”, insiste Cristina Josas. “Essere in grado di riconoscere quando ci si trova in luoghi rischiosi, come vicino a una scogliera, dove il rischio di caduta è alto.”

Jane Polant Reporter BFMTV