Novembre 29, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Uno studio ha scoperto che bere caffè riduce il rischio di malattia di Alzheimer

Si dice che bere caffè abbia un effetto positivo sulla funzione cognitiva ed esecutiva. Una soluzione per ridurre il rischio di sviluppare questa malattia neurodegenerativa.

Per ridurre il rischio di malattia di Alzheimer, il trattamento potrebbe essere… nella tua cucina. secondo Un recente studio australianoBere più caffè può ridurre le probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Come parte di questo studio, i ricercatori della Edith Cowan University hanno studiato se il consumo di caffè ha influenzato il tasso di declino cognitivo. “Abbiamo scoperto che i partecipanti senza problemi di memoria che avevano un consumo maggiore di caffè all’inizio dello studio avevano meno probabilità di passare a un lieve deterioramento cognitivo – che spesso precede l’Alzheimer – o di sviluppare la malattia durante lo studio.‘”, ha riassunto l’investigatore principale, la dottoressa Samantha Gardner.

Video – Health Book – Dott. Christian Recchia: “Per evitare l’Alzheimer ci sono una serie di cose che possiamo controllare e che possiamo fare”

Secondo i ricercatori, bere caffè ha un effetto positivo sulla funzione cognitiva ed esecutiva. In particolare, questa bevanda calda rallenterebbe l’accumulo di proteina amiloide nel cervello. Questo perché l’accumulo anomalo di questa proteina – chiamata peptide beta-amiloide (peptide Aß) – al di fuori delle cellule nervose è ciò che causa la comparsa della malattia. Se confermati, questi risultati sarebbero un modo semplice per ritardare l’insorgenza di questa malattia neurodegenerativa.

Con o senza caffeina?

Al momento, i ricercatori non hanno determinato quante tazze sono necessarie per avere un effetto benefico. Inoltre, questo studio non ha identificato una differenza tra caffè con o senza caffeina, caffè con o senza zucchero, con o senza latte, ecc. “Se la tazza media di caffè fatto in casa è di 240 grammi, è probabile che il passaggio a due tazze al giorno riduca il declino cognitivo dell’otto percento dopo 18 mesi.Questa quantità ridurrà del 5% l’accumulo di amiloide nel cervello”, conferma lo studio.

READ  Crea la tua cometa alla Fête de la science a Marsiglia

Questo primo studio non è stato in grado di identificare i componenti del caffè responsabili degli effetti positivi sulla salute del cervello. Se la caffeina sembra avere un effetto, non sarà l’unico ingrediente benefico. Questi risultati sono stati pubblicati in I limiti dell’invecchiamento neuroscienze.

Video – “Lo studio rivela che può portare all’Alzheimer”: tutto ciò che devi sapere per scegliere la bottiglia giusta