Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Uno studio dimostra che il lungo virus Covid non durerà più di un anno

Dall’inizio della pandemia, milioni di persone in tutto il mondo hanno descritto sintomi persistenti dopo aver contratto il Covid-19. Con stupore di medici e scienziati, di fronte all’ampia gamma di effetti di questo nuovo virus su cui tutto era da scoprire. Ma Un covid lungo, quanto tempo è? Qualche settimana, qualche mese o più? Tre anni dopo la scoperta del coronavirus, gli scienziati stanno iniziando a raccogliere una prospettiva sufficiente per farsi un’idea.

Secondo uno studio pubblicato giovedì sul British Medical Journal (BMJ), “la maggior parte dei sintomi o delle condizioni che si sviluppano dopo una lieve lesione al COVID-19 Dura diversi mesi, ma torna alla normalità durante l’anno »dopo la contaminazione.

“La stragrande maggioranza dei pazienti starà bene dopo un anno”.

In pratica, il Covid prolungato porta alla persistenza dei sintomi o alla comparsa di nuovi sintomi, più di quattro settimane dopo l’infezione iniziale. “Secondo un precedente studio pubblicato lo scorso anno sul lungo Covid e le conseguenze del virus, più di un anno fa, più di un terzo dei pazienti presentava ancora sintomi associati al Covid-19”, ricorda il dott. Benjamin Davido, specialista in malattie infettive e medico di crisi Covid-19 presso l’ospedale Raymond Poincaré di Garches (Hauts-de-Seine).

E di pazienti con Covid lungo, l’infettivologo ne ha ricevuti tanti all’inizio della pandemia. Prime consultazioni nel 2020 per Sintomi persistenti Comprendeva pazienti che non potevano essere testati, ricorda, perché i test non erano universalmente disponibili all’inizio della pandemia. Abbiamo ricevuto pazienti che erano preoccupati per l’insorgenza dei sintomi dopo sei settimane e che erano ansiosi. I pazienti sono stati rivisti regolarmente e «a sei mesi un certo numero stava meglio, a un anno, in genere, erano guariti o avevano sintomi residui», conferma l’infettivologo.

READ  Vino Quebec: le note incerte del bouquet climatico

Mittal Biphas Benita, ricercatrice presso il KI Research Institute israeliano e coautrice dello studio, si è detta “incoraggiata” dai risultati, tra le preoccupazioni sulla durata dei sintomi. “La stragrande maggioranza dei pazienti starà bene dopo un anno, e penso che sia una buona notizia”, ​​ha detto.

Meno Covid lunghi con Omicron

Questi risultati indicano che sebbene il lungo fenomeno Covid sia stato temuto e discusso sin dal suo inizio EpidemiaSpiegano i ricercatori, che hanno esaminato un database di record elettronici del secondo fondo di assicurazione sanitaria israeliano, Maccabi Healthcare Services, di cui quasi due milioni di membri sono stati testati per Covid-19 tra il 1° marzo 2020 e il 1° ottobre 2021.

Inoltre, “con nuove varianti e sottovarianti dell’era Omicron, i Covid lunghi sono presenti la metà rispetto ai ceppi precedenti, secondo la maggior parte degli studi di prevalenza”, osserva il dottor Davido.Forse perché Omicron inizialmente genera forme spesso meno sintomatiche , o addirittura asintomatico. Quindi ha perfettamente senso.”

Pertanto, in consultazione, “siamo ancora meno attratti da questo problema da molto tempo dall’arrivo di Omicron. E forse anche, come mostra questo nuovo studio, perché un certo numero di casi risalenti all’inizio della pandemia alla fine si sono ripresi da questi sintomi persistenti. Anche se c’era sicuramente un gruppo solido “di malati gravi a distanza dal contagio. D’altra parte, non avevamo questo afflusso di pazienti con Covid da così tanto tempo da Omicron”.

L’effetto protettivo della vaccinazione

Ma non è solo Omicron a spiegare questo fenomeno. I risultati mostrano anche che “le persone vaccinate avevano un minor rischio di difficoltà respiratorie – l’effetto più comune nei casi di malattia lieve – rispetto alle persone non vaccinate”, specificano gli autori dello studio.

READ  Il riconoscimento facciale sostituisce la chiave di questa macchina elettrica!

È stato dimostrato: Vaccinazione Riduce la possibilità di contaminazione fino al 45% e riduce il rischio di Covid a lungo termine del 30%, il che è molto positivo, accoglie con favore il dottor Davido. Il vaccino avrà anche un effetto terapeutico in alcuni casi: si stima che la vaccinazione, stimolando la produzione di anticorpi neutralizzanti a livelli molto elevati, consenta la rimozione della proteina spike. Chiaramente: permetterà all’organismo di sviluppare la sua capacità di eliminare il virus presente nelle cellule, Alleviare il paziente dai sintomi cronici.

Tempi incerti davanti

Quindi, con il tasso di ritiro del vaccino in caduta libera in Francia, dovremmo temere un rimbalzo con l’aumento dell’inquinamento e una nuova esplosione di casi lunghi di Covid? Il dottor Davido teme che “l’attuale scenario cinese, con un numero enorme di contagi tra una popolazione scarsamente vaccinata, aumenti il ​​rischio che appaia una nuova variante. E lì, il pericolo è a cascata, è una nuova ondata molto forte in Francia, in una società che non ha chiesto un vaccino e manca la sua immunità. Matematicamente, questo genererebbe nuovi casi di Covid lungo. Tendiamo a dimenticare l’utilità del vaccino: dal suo arrivo, il volto dell’epidemia in Francia non è più la stessa, ma nessuno vuole ripagare il peso di un lungo modello che può durare mesi o più”.

A settembre, almeno 17 milioni di persone in Europa avevano sofferto di Covid a lungo termine nei primi due anni della pandemia, secondo i modelli dell’Organizzazione mondiale della sanità.