Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un ricercatore si è rallegrato del fatto che una cura senza trattamento per un paziente affetto da HIV “dà leadership e speranza”

Una delle chiavi per il trattamento dell’HIV verrà dal nome Esperanza appropriato? Una giovane donna argentina, risultata positiva all’HIV nel 2013, è guarita dal virus senza cure, hanno detto i ricercatori dell’Università di Buenos Aires, di Harvard e del Massachusetts Institute of Technology (USA), in uno studio pubblicato martedì 16 novembre. . dalla rivista Annali di medicina interna (in inglese). Hanno spiegato che questa paziente sconosciuta non aveva più alcuna traccia di HIV nel suo corpo. Ha ricevuto ART solo per pochi mesi nel 2017, durante la gravidanza.

Finora è stato segnalato un solo caso di trattamento naturopatico, quello di una donna di 67 anni a San Francisco nel 2020. Gli autori di questo nuovo studio sperano che aiuti il ​​sistema immunitario del paziente a capire meglio come combattere la malattia . Il virus responsabile dell’AIDS, che ora sappiamo contiene un virus, ma non per eliminarlo. Per comprendere la portata di questa scoperta, franceinfo ha intervistato Moncef Benkirane, direttore del Laboratorio di virologia molecolare dell’Istituto di genetica umana dell’Università di Montpellier, impegnato nella ricerca su nuove cure contro l’HIV.

Franceinfo: Sei convinto di questo studio? Questo paziente si dimostra davvero guarito?

Moncef Benkirane: Lo studio è molto serio. Tutti i team partecipanti sono leader del settore. Hanno appena pubblicato un articolo sulla rivista temperamento natura Su quella che chiamiamo “l’élite del controllo”, questi sono i pazienti che controllano il virus [sans être guéris] spontaneamente senza alcun trattamento. Li conosciamo e sappiamo che rappresentano circa lo 0,5% della popolazione.

I ricercatori hanno voluto studiare la quantità di HIV nel corpo di questi pazienti. Così hanno notato questa donna che, cercando la presenza del virus in 1,1 miliardi di cellule, non è riuscita a rilevarlo. Nei pazienti che controllano l’infezione, il virus è ancora presente. A casa, assolutamente niente. Poi gli hanno prelevato 150 milioni di linfociti TD4 (il tipo di globuli bianchi infettati dall’HIV) e hanno cercato di eliminare il virus in laboratorio, che di solito è molto facile, ma non ci sono riusciti. L’analisi che hanno eseguito su questo paziente è semplicemente impressionante.

READ  Video Antivax: YouTube intensifica la sua lotta contro la disinformazione e rimuove molti canali popolari

Questa donna non stava ricevendo cure, ma stava ancora ricevendo una tripla terapia per alcuni mesi nel 2017 mentre era incinta. Questo non potrebbe spiegare la sua guarigione? Come ti assicuri che sia davvero spontaneo?

Dal momento in cui questa donna riceve un trattamento, non si può dire il contrario, la scienza è obbligata a tenerne conto. Ma anche nei pazienti che sono stati in tripla terapia per trenta o quarant’anni, se interrompi il trattamento, vedrai un recupero in poche settimane. Non credo proprio che la triplice terapia che ha ricevuto abbia contribuito a quella guarigione.

Sappiamo come si spiega questa guarigione spontanea?

Nell'”élite dei controllori”, quei pazienti che riescono automaticamente a controllare l’infezione, sappiamo di vedere una risposta immunitaria molto forte da parte dei linfociti T CD8. [un autre type de globules blancs], che non si riscontra in altri pazienti. Circa il 50% di loro porta un gene che migliora anche la loro risposta immunitaria.

In determinate condizioni, questo annulla ogni traccia di virus in grado di riprodursi? Lo si può immaginare. Forse una volta che una cellula infettata da un virus in grado di replicarsi inizia a produrlo, anche solo in minima parte, verrà uccisa. Quello che possiamo anche pensare è che le cellule del serbatoio del virus in questo paziente hanno una durata di vita relativamente breve.

Sono comunque convinto che se riusciremo a fare un lavoro di questa portata con tutti i “controller d’élite” troveremo altri casi di guarigione spontanea. Sarà ancora raro, ma permetterà di costruire un gruppo di pazienti che potremo seguire per capire cosa è successo.

READ  La NASA propone una nuova scala per confermarlo

In che modo lo studio di questi casi specifici può aiutare la ricerca sull’HIV?

Dobbiamo comprendere questa guarigione, ma dà leadership e speranza. Sappiamo che il contatto con l’HIV non porta alla protezione. Possiamo infettarci, infettarci ulteriormente… Per trovare un vaccino contro questo virus, dobbiamo riuscire a insegnare al sistema immunitario a fare ciò che non può fare naturalmente di fronte all’HIV. Comprendere come ciò avvenga in questo paziente avrà inevitabilmente un impatto sulle strategie da seguire nella progettazione del vaccino. Senza dimenticare che i progressi della ricerca contro l’HIV consentono di acquisire conoscenze che verranno utilizzate contro altri virus: senza di esso, non avremmo avuto un vaccino contro la SARS-CoV-2 così rapidamente.