Ottobre 17, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un noto antibiotico che può ucciderlo “alla fonte”

Malattia di Lyme, che è causata da un batterio chiamato Borrelia (Borrelia garinie NS. afzelie NS. burgdorferiecc.) e trasmesse dalle zecche, possono essere persistenti e pericolose se non trattate in tempo. Finora, gli sforzi si sono concentrati sullo sviluppo o sul miglioramento dei trattamenti, ma un team di ricercatori ha recentemente scoperto che un noto antibiotico ha in realtà un raggio d’azione “mirato” sufficiente per uccidere batteri specifici senza danneggiare animali o piante. È prevalente in natura e quindi potrebbe consentire di sradicare la malattia di Lyme direttamente alla fonte, secondo i ricercatori. Le prime prove sul campo si svolgeranno la prossima estate.

La malattia di Lyme è un problema crescente in Europa, Nord America e Asia. Prima provoca una caratteristica eruzione cutanea a occhio di bue e una sindrome simil-influenzale. Se non trattata, può portare a gravi problemi a lungo termine, come l’artrite di Lyme o disturbi neurologici.

« La malattia di Lyme è in una buona posizione per sradicarla dice Kim Lewis della Northeastern University di Boston. ” Ci stiamo preparando, la prima prova sul campo si svolgerà la prossima estate La malattia di Lyme è causata da batteri chiamati . Borrelia burgdorferi che si nascondono nei topi selvatici. Le zecche che si nutrono di questi topi sono infette e possono infettare altri animali, compreso l’uomo.

Igromicina A: un danno bersaglio studiato da anni

Attualmente è trattata con antibiotici ad ampio spettro come la doxiciclina, che uccide una vasta gamma di batteri. Tuttavia, interrompe il microbioma intestinale, causando sintomi come la diarrea (a volte per un lungo periodo di tempo) e può anche portare a una maggiore resistenza agli antibiotici.

READ  Demistificazione della sezione aurea - Scienza e vie

Il team di Lewis ha scoperto che un noto composto, l’igromicina A, è completamente innocuo per gli animali e ha scarso effetto sulla maggior parte dei batteri, ma è altamente letale per i batteri spirochete come NS. burgdorferi. I batteri spirochete hanno una forma a spirale che consente loro di scavare nei tessuti. Sono anche la causa di malattie come la sifilide. ” Sono patogeni duri dice Lewis.

Nei test sugli animali del composto igromicina, il team non ha osservato effetti avversi a nessuna dose. ” È eccezionalmente sicuro dice Lewis. FlightPath chiede agli Stati Uniti il ​​via libera iniziale necessaria per testare l’antibiotico a spettro ristretto negli esseri umani.

L’igromicina può essere utilizzata anche come trattamento per la sifilide, soprattutto perché questa infezione batterica sviluppa resistenza ai trattamenti standard. Inoltre, il team di Lewis ha dimostrato che nutrire i topi con un’esca contenente igromicina può eliminare l’infezione NS. burgdorferi. In teoria, rilasciare un’esca del genere in natura potrebbe eliminare la malattia di Lyme da intere regioni, se non da interi paesi.

Alto rischio di diffusione di super batteri

Secondo Lewis, un test sul campo condotto dieci anni fa con un’esca a base di doxiciclina ha avuto successo. Ma l’uso diffuso di questo prodotto per questo scopo è indesiderabile, poiché può portare molti microbi a sviluppare resistenza agli antibiotici.

Al contrario, gli studi di Lewis indicano che è molto difficile NS. burgdorferi Sviluppo della resistenza all’igromicina. Questo perché questo antibiotico è simile ai nutrienti essenziali che le spirochete non possono produrre da sole e che assorbono utilizzando un vettore specifico, quindi le mutazioni che bloccano l’assorbimento dell’igromicina priveranno anche le spirochete di questi nutrienti.

READ  L'ex tennista di Dieppe, Sophie Patel, è diventata un ingegnere di scienze dello sport

Lewis afferma che il suo team non è il primo a scoprire il potenziale dell’igromicina. È stato studiato come potenziale trattamento per la malattia dei suini negli anni ’80, ma la ricerca è stata abbandonata. Anche i vaccini contro la malattia di Lyme sono in fase di sviluppo, ma l’eradicazione della malattia sarebbe un’opzione migliore.

Fonte : cella di prigione