Luglio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un efficace antibiotico e vaccino per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili

Un efficace antibiotico e vaccino per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili

La prevenzione è stata sotto i riflettori durante gli anni ’30H Edizione della Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche, tenutasi dal 19 al 22 febbraio a Seattle (USA). In particolare la prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST). Sono state presentate due strategie efficaci. Uno studio francese ha confermato l’interesse per una dose preventiva del noto antibiotico, la doxiciclina, da uno a tre giorni dopo un rapporto senza preservativo. Questo antibiotico è raccomandato per il trattamento delle infezioni dell’uretra, della cervice, delle tube di Falloppio o dell’ano. È inoltre indicato nella cura della sifilide, della malattia di Lyme, di alcune malattie della pelle (rosacea, acne, ecc.), delle infezioni dentali e della diarrea di origine batterica, nonché nella prevenzione della malaria.

Il concetto di profilassi dopo l’esposizione alla doxiciclina è emerso alla fine del 2017, durante lo studio Ipergay, condotto dall’Agenzia nazionale per la ricerca sull’AIDS e le epatiti virali (ANRS). Se usato tra le ventiquattro e le settantadue ore dopo il rapporto sessuale, questo antibiotico ha ridotto di circa il 70% il rischio di contrarre infezioni da clamidia e sifilide.

Allo stesso tempo, diversi studi epidemiologici negli ultimi anni hanno riportato che le persone vaccinate contro il meningococco B (con il vaccino Bexsero di GSK) possono vedere una riduzione del rischio di sviluppare un’infezione gonococcica di circa il 30%. Esistono antigeni comuni tra meningococco B e gonococchi.Da qui la protezione completa offerta dal vaccino contro il meningococco contro queste malattie sessualmente trasmissibili, spiega Jean-Michel Molina, responsabile delle malattie infettive e tropicali dell’ospedale Saint-Louis e Lariboisiere (Università della città di Parigi).

Non ci sono gravi effetti avversi

Lo studio DoxyVAC, coordinato da Jean-Michel Molina, è stato promosso e finanziato dall’ANRS. Tra gennaio 2021 e luglio 2022, i ricercatori hanno reclutato 502 volontari maschi (età media 39 anni) che hanno avuto rapporti sessuali con uomini (una media di dieci partner sessuali negli ultimi tre mesi) e che vivevano nella zona. Erano tutti in profilassi per l’HIV (PrEP) e avevano una storia di malattie sessualmente trasmissibili nell’anno precedente. Sono stati divisi a sorte in quattro gruppi secondo le regole delle prove « randomizzazione.” Il primo ha beneficiato della profilassi dopo l’esposizione alla doxiciclina (entro ventiquattro a settantadue ore dopo un rapporto non protetto), il secondo della vaccinazione meningococcica B, il terzo da una combinazione di questi due interventi e l’ultimo non ha avuto interventi.

READ  Albee. Notte dei ricercatori: per condividere la conoscenza

Hai ancora il 47,62% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.