Novembre 27, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un buco nero è stato scoperto per la prima volta in un ammasso stellare

Gli astronomi hanno rilevato per la prima volta un buco nero in un piccolissimo ammasso stellare al di fuori della nostra galassia, grazie a un metodo che promette nuove scoperte di questi oggetti di difficile accuratezza, secondo uno studio rivelato giovedì 11 novembre.

“Ci sono molti buchi neri nell’universo, ma non li conosciamo perché non possiamo vederli”ha spiegato Sarah Saracino, astrofisica dell’Astrophysical Research Institute dell’Università di Liverpool, nel Regno Unito. Il colore nero loro attribuito riflette solo il fatto che queste stelle sono, per definizione, invisibili. La sua forza gravitazionale è così forte che nemmeno la luce può sfuggirgli.

Possono essere rilevati indirettamente, dalla radiazione emessa al loro confine quando la materia viene assorbita, o dalle onde gravitazionali risultanti, ad esempio dalla fusione di due buchi neri. Anche se non più direttamente, quando la vicinanza del buco nero a una stella vicina interrompe l’orbita di quest’ultima.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Scienza: un buco nero senza precedenti ha rivelato le cospirazioni collettive dei ricercatori

Un “piccolo” buco nero di undici masse solari

Grazie a questa ultima tecnologia, il team guidato da Mr.io Sarasino ha scoperto un buco nero con una massa di circa undici soli, situato nell’ammasso stellare NGC 1850 della Grande Nube di Magellano, una galassia vicina alla Via Lattea, distante circa 160mila anni luce. Questo “piccolo” buco nero distorce leggermente la sua stella vicina, che pesa cinque masse solari. “Questa è la prima volta che questa tecnologia viene scoperta in un gruppo molto piccolo”., al di fuori della nostra galassia della Via Lattea, dice lo scienziato, il cui studio appare in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

Per trovarlo, gli scienziati hanno utilizzato il MUSE, uno spettrometro a campo ampio, installato solo pochi anni fa sul Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale (ESO) in Cile. consentito“Monitoraggio di un’area densamente popolata”Secondo Sebastian Kammann, coautore dello studio, citato in un comunicato stampa dell’ESO, “Con informazioni su migliaia di stelle contemporaneamente, dieci volte più di qualsiasi altro strumento.”.

La relativa giovinezza del gruppo – meno di 100 milioni di anni – è una risorsa, perché “Abbiamo trovato un tipo di buco nero molto diverso, nel senso che si è formato molto di recente”Sarah Saracino spiega. Non hanno avuto il tempo di espellere, “Come con costellazioni molto antiche”Né per interagire privatamente tra loro.

READ  Un oggetto sconosciuto si è scontrato con Giove
Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Sblocca il mistero dell’occhio rosso di Giove

Il fatto che sia ancora giovane “leggero” Di particolare interesse per gli scienziati che cercano di caratterizzare l’intera gamma di buchi neri. Da quelli con masse “stellari”, come quella individuata dal team di Sarah Sarachino, a masse enormi fino a diversi milioni di masse solari, compresi gli “intermediari”, la cui esistenza è ancora contestata.

Il mondo con AFP