Maggio 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un anno dopo la creazione di Stellantis, l’atmosfera è diventata elettrica

Questa domenica, 16 gennaio, Stellantis spegnerà la sua prima candelina. Il tempo per la valutazione non è ancora finito, mentre il tempo per Presentazione della strategia decennale di Carlos Tavares (Direttore generale) entrerà solo in 1è essere il prossimo marzo. L’aspettativa di parole portoghesi è alta, soprattutto nei workshop visiera o Socho. Tuttavia, i primi dodici mesi di Grande potenza per auto con 14 marche , nata dalla fusione di PSA e Fiat Chrysler, ha segnato una tendenza comune a tutto il settore automobilistico. Il mercato si elettrizza in una marcia forzata.

La Renault ha annunciato giovedì che produrrà auto elettriche al 100% entro il 2030. Anche se Luca de Meo, direttore generale del marchio Diamond, stabilisce questo obiettivo sulla distribuzione di un’infrastruttura di ricarica in tutto il Nord Europa, “Renaulution” è in arrivo. Da parte di Stellantis, siamo preoccupati per una transizione molto rapida dettata dalla politica: l’Europa vieterà dal 2035 la vendita di veicoli nuovi a trasmissione termica (benzina o diesel).

In precedenza, Nel maggio 2021 in “L’Est Républicain”, Arnaud Debuff (Direttore industriale e filiera di Stellantis) Ha notato gli “enormi vincoli” che gravano sul suo settore. “Quando esaminiamo determinati criteri, l’uscita dovrebbe essere più pulita dell’ingresso. Anche Carlos Tavares ha lanciato l’allarme: “Quello che è stato deciso è stato di imporre l’elettricità all’industria automobilistica, che aggiungerebbe il 50% di costi aggiuntivi alle auto convenzionali. Per noi è impossibile passarlo al consumatore finale, perché la maggior parte della classe media non potrà pagare. »

Oltre alla necessaria transizione energetica, è tempo di esaminare l’impatto di questa rivoluzione elettrica sull’occupazione e sul potere d’acquisto delle famiglie. Peccato, questa non è una priorità per i nostri candidati alla presidenza.

READ  Pazzi per i maglioni natalizi di Lidl, che online vendono da tre a quattro volte di più