Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tre dei 49 soldati ivoriani detenuti in Mali sono stati rilasciati

Pubblicato in:

Il 10 luglio sarebbero state rilasciate tre donne appartenenti a un gruppo di 49 soldati della Costa d’Avorio arrestati in Mali. Lo ha affermato sabato sera in conferenza stampa Robert Ducey, capo della diplomazia togolese. Un caso in cui il Togo ha svolto il ruolo di mediatore tra Bamako e Abidjan.

L’annuncio ufficiale è arrivato sabato sera a Lomé, in Togo, nel corso di una conferenza durante la quale sono apparse sui banchi le tre bandiere del Togo, del Mali e della Costa d’Avorio. La breve conferenza stampa si è tenuta alla presenza del ministro degli Esteri maliano Abdallah Diop. Il primo a parlare è stato Fidel Sarasorro, capo di stato maggiore del capo di stato ivoriano.

« Quarantanove soldati della Costa d’Avorio sono stati arrestati il ​​10 luglio 2022 all’aeroporto di Bamako con la motivazione che il loro arrivo in territorio maliano non era soggetto a notifica o autorizzazione preventiva. La Repubblica della Costa d’Avorio si rammarica che alla base di questo spiacevole evento ci siano state carenze e incomprensioni. La Repubblica della Costa d’Avorio, desiderosa di mantenere relazioni di buon vicinato con il Mali, si impegna a rispettare le procedure delle Nazioni Unite, nonché le nuove regole e disposizioni finanziarie che sono state emanate in relazione al dispiegamento di forze militari in Mali. »

Quindi è stato il ministro degli Esteri del Togo Robert Dossey ad annunciarlo, secondo quanto riferito Il nostro corrispondente a LoméE il Peter Sassou Dugby. « Il Presidente della Repubblica del Togo è lieto che il Presidente Assim Guetta abbia accettato di rilasciare tre dei 49 prigionieri come gesto umanitario. Quindi tre soldati ivoriani sono stati rilasciati e le discussioni sono in corso. »

READ  le "point de bascule", qui pourrait transformer la forêt en savane, approche plus vite que prévu

I tre soldati, accompagnati dal capo di stato maggiore delle forze armate ivoriane, sono rientrati sabato sera ad Abidjan, in attesa del rilascio di altri 46 soldati. Questa versione, tuttavia, ha fallito quasi all’ultimo minuto. All’inizio, le autorità maliane non volevano lasciare il Mali in uniforme. Era la fine del rifiuto ma alla fine tutto è tornato alla normalità.

Il principale mediatore nel caso, il presidente Faure Gnassingbe ha camminato sui gusci d’uovo durante i colloqui, lasciando il posto ad altre parti interessate nel caso, come Algeria, Marocco, Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale e, secondo le nostre informazioni, persino Guinea. ” Era inoltre necessario trovare una chiave legale nel fascicolo “, ammette una fonte giudiziaria. A tal proposito, la Procura della Repubblica ha confermato in un comunicato stampa, che il gip, sentita l’accusa, ha accettato di rilasciare le tre donne.

Di conseguenza, i restanti 46 soldati, tutti uomini, rimangono in detenzione. Finanziario accusato di essere mercenari ». Abidjan, che ne chiede la liberazione, dal canto suo, conferma che erano in missione presso le Nazioni Unite, nell’ambito delle operazioni di supporto logistico alla MINUSMA.

Leggi anche: Mali: 49 soldati della Costa d’Avorio accusati e imprigionati per “minamento alla sicurezza dello Stato”