Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tesla celebra la sua nuova fabbrica a Berlino, nonostante le polemiche

Inserito il sabato 09 ottobre 2021 alle 12:04

Seduzione vicino a Berlino: sabato il produttore Tesla ha salutato diverse migliaia di persone per celebrare la “giga-fabbrica” ​​tedesca, con una cerimonia che ricorda un’inaugurazione, mentre l’azienda non ha ancora ricevuto un permesso di costruzione e alcuni residenti si oppongono al progetto.

Dalle 10:00 ora locale (8:00 GMT), i partecipanti sono stati portati a Grünheide con speciali bus navetta, formando lunghe code per raggiungere la prima fabbrica europea del gruppo, davanti alla quale ci sono decine di padiglioni bianchi, una ruota panoramica e corse. È installato.

“Volevo dare un’occhiata. Tesla è una casa automobilistica molto innovativa”, ha detto all’AFP Dominic, 25 anni, un ingegnere della regione.

In programma: concerto elettrico, tour della fabbrica e “food truck” vegetariani, per un giorno il gruppo americano vuole a immagine di Berlino, capitale europea dei concerti.

“Il Giant Factory Party a Berlino è oggi!” Rallegrati su Twitter il capo simbolico del gruppo Elon Musk, che sarà presente.

– ‘Nessuna data’ –

Attraverso queste “porte aperte”, il produttore americano vuole mostrare ai residenti le sue zampe bianche, dopo diversi mesi di polemiche dopo aver smaltato il sito.

Tesla ha già beneficiato di un’eccezionale e controversa misura di pre-licenza, che le ha permesso di iniziare i lavori nel 2019, ancor prima di ottenere il permesso di costruire.

Tuttavia, da allora non è stata rilasciata alcuna autorizzazione definitiva da parte delle autorità locali, che stanno ancora valutando l’impatto dell’impianto sull’ambiente, anche se i lavori sono quasi terminati.

Questo straordinario sistema – e la spaventosa situazione che ne è derivata – ha fatto arrabbiare alcuni residenti, preoccupati per un attacco alle risorse idriche e alla biodiversità della zona.

READ  Dacia Sandero ha abbandonato il golf ed è diventata l'auto più venduta in Europa

“Stop Tesla”, “Acqua e foreste non sono a scopo di lucro”: alcuni residenti locali si sono radunati sabato mattina a circa un centinaio di metri dall’impianto per esprimere il loro rifiuto al progetto.

“È incredibile poter costruire una fabbrica del genere senza permesso!” Gordron Lubecca, attivista locale da 69 anni, afferma:

Dimostrazioni, azioni legali, lettere aperte… oppositori sostenuti dall’Associazione si sono mobilitati negli ultimi mesi per ritardare il progetto.

L’anno scorso, la giustizia ha persino costretto Tesla a sospendere il cantiere per il rischio di distruggere gli habitat naturali di specie protette di lucertole e serpenti.

Una consultazione pubblica, prevista nell’ambito della procedura di autorizzazione, è aperta fino al 14 ottobre.

Non dovrebbe essere concessa alcuna licenza finale, necessaria per l’avvio della produzione dell’impianto.

Il ministero dell’Ambiente del Brandeburgo, regione in cui si trova l’impianto, ha confermato ad AFP che “nessuna data è stata ancora fissata” per il rilascio di questa licenza.

– ritardo –

Tra gli ospiti della festa, per la maggior parte dei residenti della regione, troviamo non solo il sostegno incondizionato dell’azienda.

“In un certo senso sono un critico”, ha detto la trentacinquenne Marilyn Winkler. “Qui non ci sono abbastanza strade e spazio per una fabbrica del genere”.

Annunciato in pompa magna a novembre 2019, lo stabilimento si trova a Grünheide, alla periferia di Berlino, e coprirà 300 ettari e produrrà 500.000 auto elettriche all’anno.

Ma molti temono che non ci siano infrastrutture sufficienti per ospitare una struttura del genere in questa ex regione della Germania dell’Est.

L’impianto dovrebbe in ogni caso beneficiare delle ultime tecnologie, tra cui “la più grande macchina per lo stampaggio di pezzi di ricambio al mondo”, osserva Ferdinand Dudenhofer, esperto automobilistico e direttore dell’Istituto tedesco per la ricerca automobilistica.

READ  CAC40: apparso nel verde dopo Powell, e il Nasdaq è al suo apice

“Ciò ridurrà significativamente i costi di produzione e renderà i prodotti di migliore qualità”, ha affermato.

Elon Musk prevede anche di costruire lì la “fabbrica di batterie più grande del mondo”.

Il gruppo dovrà provvedere a proprie spese allo smantellamento dell’impianto in caso di mancato rilascio della concessione edilizia.

Un esito che Ferdinand Dudenhofer ha giudicato “improbabile” a causa del “sostegno politico” del progetto. “Tutti i partiti politici sono favorevoli”, ricorda l’esperto.

Ma è possibile richiedere “modifiche all’edificio”, che ritardano l’apertura. Questo, programmato provvisoriamente per luglio, è stato posticipato alla fine del 2021/inizio 2022.