Agosto 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sul fondo del Mediterraneo, ‘BathyBot’ darà la caccia ai misteri dell”oceano oscuro’

Inserito venerdì 14 gennaio 2022 – 20:32

La gru deposita delicatamente il piccolo ‘rover’ bianco e giallo montato sulle larve sul fondo della vasca di prova presso l’Evermer Center di La Seine-sur-Mer (Var).

Sui loro schermi, ingegneri e scienziati controllano il funzionamento delle telecamere BathyBot, che presto sarà il primo veicolo subacqueo al mondo montato in modo permanente a 2.500 metri, per svelare i misteri dell’abisso.

“Sappiamo meno dell’oceano profondo della luna”, spiega Christian Tamborini del CNRS, ricercatore presso l’Istituto Mediterraneo di Oceanografia. “Non sappiamo cosa sta succedendo lì, o gli organismi che ci vivono”.

Va detto che l’ambiente è ostile. La profondità media degli oceani che coprono il 70% della superficie terrestre è di 3800 metri. Da 180 metri c’è buio. E a un’altitudine di 1.000 metri c’è l’oscurità completa, l'”oceano oscuro”.

Di conseguenza, la maggior parte della ricerca scientifica viene condotta negli strati vicino alla superficie, dove si concentra la vita.

Ma in un periodo di crisi climatica, è essenziale comprendere i cambiamenti che il riscaldamento degli oceani sta causando e come influenzeranno i pozzi naturali di carbonio, che sequestrano quasi un terzo dell’anidride carbonica emessa dall’uomo.

Grazie in particolare a BathyBot, “potremo studiare cosa si produce in superficie e cosa sta accadendo in fondo”, afferma con entusiasmo Christian Tamburini.

Un altro obiettivo primario è comprendere la biodiversità dell’Abisso, un serbatoio di vita poco compreso, anche se gli scienziati ritengono che la “sesta estinzione di massa” sia iniziata.

– Vedere nel buio –

Pertanto, il Centro nazionale per la ricerca scientifica, nell’ambito di un progetto europeo, e in collaborazione con l’ente pubblico Ifremer, dispiegherà a 40 chilometri dalla costa di Tolone, la piattaforma di osservazione permanente più profonda del mondo. C’è solo un’altra persona, un canadese, a un’altitudine di “soli” meno di 800 metri.

READ  un objet va s'écraser sur la Lune et on ne sait pas esattoment ce que c'est

Il progetto francese ha sfruttato la presenza nella regione di un “telescopio subacqueo” che caccia le particelle cosmiche. È già servito da un cavo permanente per l’alimentazione e i dati da innestare su di esso.

Questo nuovo osservatorio sarà schierato dal 31 gennaio al 14 febbraio da Pourquoi Pas, ammiraglia della flotta oceanografica francese, con il sottomarino Nautile.

Avrà quindi come avatar, dotato di un account Twitter @bathybot per pubblicare le sue scoperte, il piccolo “rover”. Un metro di lunghezza, un metro di larghezza e 90 centimetri di altezza.

È molto simile alle sue controparti per l’esplorazione spaziale: invece dei pannelli solari è alimentato da cavi, un “guinzaglio” che raccoglie anche i suoi dati, ma limita la sua portata a 50 metri. , che si muove molto lentamente.

Una distanza che potrà essere aumentata in seguito, con la speranza che un giorno sia indipendente. A condizione che tu risolva le tue difficoltà di guida, perché non c’è GPS sotto i 2500 m! Una possibilità sarebbe quella di impiantare paletti con codici QR che gli dicano dove si trova.

Sarà accompagnato da apparecchiature fisse che verranno contestualmente abbassate: un radiometro (radioattività), una biocamera per catturare in particolare fenomeni di bioluminescenza, un sismografo e un reef artificiale “Pathereef”.

Questa struttura in cemento, lunga poco più di 4 metri e larga 2,5 metri, si eleva dolcemente fino ad un’altezza di 1,5 metri. Darà a BathyBot un punto su cui arrampicarsi per espandere il suo campo visivo.

La sua struttura semiaperta, con molte tacche, permetterà alle forme di vita di stabilirvisi, studiando le reazioni degli altri a questo ostacolo.

READ  Applicazioni Ces sur votre téléphone mobile contiinent des virus caches, désinstallez-les

– Settore energetico –

Un’altra parte essenziale del dispositivo, la “scatola di giunzione scientifica”. Una sorta di presa multipla intelligente (grande) che consente di risparmiare energia elettrica, si collega ad alta velocità e controlla tutti gli strumenti della stazione.

“Saremo in grado di collegare le apparecchiature al fondo dell’acqua e rimuoverle, il tutto può essere controllato da terra”, spiega Jan Obderbeek, capo dell’unità dei sistemi sottomarini per la flotta Ifremer.

BathyBot verrà rimontato ogni due anni dopodiché potrà ricevere nuovi strumenti, ad esempio per consentire la “micro-perforazione” nel terreno sedimentario su cui si svilupperà.

La vita utile prevista è di almeno cinque-dieci anni. Qualcosa per far luce sull’Oceano Oscuro.