Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sudore: 20 deodoranti senza sali di alluminio per ridurne i rischi

Mentre un nuovo studio ha appena indicato il legame tra sali di alluminio e cancro al seno, ingrandisci i prodotti per usarli in sicurezza.

In questo mese diottobre rosaIl cancro al seno, in particolare, è nelle notizie. L’importanza dell’autoesameDa controllare regolarmente… Ci sono molti consigli per rilevare la malattia il prima possibile.

Ma può anche sembrare importante vietare nel bagno le sostanze pericolose che possono favorire lo sviluppo del cancro. Regolarmente indicati, sali di alluminio, presenti nella composizione di molti deodoranti, si sono richiamati sul molo. Uno studio* condotto da due ricercatori del Laboratorio svizzero di cancerogenesi ambientale della Fondazione Grangettes, Stefano Mandriotta e André Pascal Sabino, Sottolinea ancora una volta la connessione tra i due. Così, i sali di alluminio inducono nelle cellule della ghiandola mammaria cambiamenti marcati simili a quelli identificati in alcuni casi di cancro. Ancora più allarmante, i due scienziati sottolineano che l’effetto sui geni si verifica anche con una quantità molto piccola.

Se uno studio a lungo termine consentirà di concludere che questa sostanza è davvero pericolosa, allora è meglio praticare il principio di precauzione secondo l’oncologo e il biologo ricercatore.

Da ascoltare: il podcast editoriale

Ciò che ci convince a fuggire da questa sostanza all’interno del nostro quotidiano alleato contro la razza. Per orientarci, preferiamo i deodoranti organici e quelli etichettati “senza sali di alluminio”. E in caso di dubbio, l’elenco degli ingredienti utilizza i termini cloruro di alluminio, cloridrato di alluminio, cloruro di alluminio, sesquicloridrato di alluminio o zirconio di alluminio. Avvolgendo, spruzzando o addirittura balsamo, è del tutto possibile trovare la felicità… e soprattutto ridurre i rischi.

* Pubblicato in Giornale internazionale di scienze molecolari.

La redazione ti consiglia

READ  Grazie alle donazioni, Adrien, che soffre di una malattia degenerativa della vista, sta ritrovando la speranza