Novembre 27, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Strada notturna – Logo Renault, dal secolo alla prova

È stato il suo soprannome per secoli. Si chiama affettuosamente “Diamond”, Peugeot si chiama “Lion” e “Citroen” si chiama “Chevron”. Ma per quanto riguarda la Renault, questa geometria non è sempre stata quella che conosciamo. Fino al 1922, il contrasto grafico della casa era piuttosto richiesto. Da bambola degna di un vagone degli esordi, sul muso di un’auto stilizzata passando accanto a un carro armato della Grande Guerra, il logo Renault è durato solo pochi anni. Fino al 1922. In quell’anno divenne circolare e aveva al centro le sette lettere del segno. Ma perché la rete è in cerchio?

Logo del tappo del corno

In effetti, questo nuovo logo aveva soprattutto un aspetto pratico. Il clacson copriva i modelli Renault e la griglia ventilata lasciava passare il clacson. Ma nel 1925 avviene un cambio di strategia: è la moda degli stemmi installati al centro delle griglie, e non più semplicemente sul clacson nell’angolo. Le griglie Renault sono a forma di diamante? Anche il logo avrà questa forma. Ma Louis Renault ha deciso di mantenere la griglia, anche se ora è chiusa. È scomparso nella forma in cui lo conosciamo ancora oggi, o quasi.

Il logo del Kent Group negli anni ’70.
Logo Renault del 1971.
Logo Renault del 1971.

Il logo si è evoluto silenziosamente per 46 anni. Ma nel 1971 era il momento della modernità. Che un controllo nazionalizzato introduca R15, 17 e presto a Renault 5 Che dovrebbe rivoluzionare la mobilità (già). Quindi hai bisogno di un logo che rifletta questo nuova era RNUR (Régie Nationale des Usines Renault). Il marchio stesso scompare completamente dal logo, che diventa più astratto. Sfortuna, sembra che un gruppo chimico americano lavori specificamente per le auto. Kent, questo è il suo nome, produce, tra l’altro, colla per parabrezza. Solo qui il suo logo è simile a quello della Renault, solo che è orizzontale, mentre quello francese è verticale.

READ  "Pianeta 9" potrebbe nascondersi nelle note fatte 40 anni fa

Battaglia legale per rombo verticale o orizzontale

Gli americani hanno più familiarità con la magistratura, e Kent manda il suo battaglione di avvocati a inseguire la Renault che all’inizio sorride per il tumulto. Ma il sorriso si congela quando Kent vince la sua causa e prende il controllo della rimozione di tutti i suoi emblemi da tutte le sue auto. Un massiccio richiamo è stato effettuato nel 1972. Tutte le auto prodotte nel mondo per un anno con il logo vietato sono state richiamate. Il segno vergognoso viene rimosso dalla griglia, dal volante e persino dall’autoradio. È stato sostituito da un emblema completamente nuovo, che è stato urgentemente ordinato dalla star del genere: scultore, pittore e artista plastico Victor Vasarely. Ma in realtà, sarebbe stato suo figlio Jean-Pierre a dipingere il nuovo diamante e a firmarlo con il suo pseudonimo: Evaral. Resta il fatto che la storia conserverà il nome del padre e ne garantirà la paternità.

Yvaral, il cui vero nome è Jean-Pierre Vasarely, è il vero autore del logo.
Yvaral, il cui vero nome è Jean-Pierre Vasarely, è il vero autore del logo.

Vasarely durerà vent’anni e nel 1992 prenderà forma per poi essere nuovamente modificata all’inizio di quest’anno. Il nuovo logo Chi vorrebbe la casa Renault più semplice, più raffinata e molto simile a quella di Vasarely? Quando la casa sta per ripartire R5 E così via R4, un ritorno alle fonti grafiche è essenziale.