Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Sopravvivo ma questa non è vita”: attivi o in malattia… raccontano alla cucina il lungo covid

A tre anni dalla comparsa dei primi casi ufficiali di Covid, il 24 gennaio 2020, a Parigi e Bordeaux, l’epidemia è passata sullo sfondo della cronaca. Non per chi ha una forma grave di Covid lungo. Come Claire, 43 anni, direttrice di una scuola dell’Occitania occidentale e Sylvie, 58 anni, badante della clinica Pic-Saint-Loup nell’Hérault, due vittime a lungo termine della malattia. Nel distretto sono 400: in maggioranza donne (70%), 47 anni in media, attive 70%, ancora in malattia al 45%, o ridotte (27%).

“Mi sembra di essere nel corpo di una donna di 80 anni” : Versare Silvia C. Ancora disponibile per Midi Libre, nulla è cambiato davvero da ottobre 2020, gli effetti collaterali del Covid si sono contratti e poi sono proseguiti. Due anni la badante di 58 anni che risiede presso la clinica Pic-Saint-Loup nell’Hérault non ha lavorato.

“Il 1° febbraio sarà il mio compleanno tutto l’anno a causa del covid”lui dice ChiaraChi ha catturato la sua disperazione lo scorso novembre: “Niente dice che finirà mai.”.

Leggi anche:
Covid-Long: gli scienziati di Montpellier hanno risolto il mistero della malattia?

Le due donne sono i volti di 400 vittime di forme gravi del Covid di lunga data. Il dato è il risultato di un’indagine sui pazienti in Occitania, frutto di un lavoro di coordinamento assistenziale con 24 istituti di cura ordinati su un anno. Impara le sue prime lezioni mentre la Francia entra nel suo quarto anno di vita con l’epidemia: i primi casi del “virus cinese”, come si chiamava allora, furono ufficialmente segnalati all’ospedale universitario di Bordeaux e Parigi.

Oggi l’epidemia non è ancora finita, la crisi acuta sì. La malattia cronica è prolungata.

“Sopravvivo ma questa non è vita”

“Si stima che un paziente su dieci abbia il Covid lungo, cioè due milioni di francesi. In Occitania, 1.000 persone hanno contattato la rete, ora sono inclusi 400 pazienti con una forma complessa di Covid lungo”Il dottor Jerome Larchie, coordinatore e revisore del sistema regionale, sottolinea un problema “Un po’ poco appariscente”, la “parete nord” della montagna. Una volta che l’epidemia ha superato il suo picco, ha un effetto medico, comunitario, sociale.

READ  Fantascienza: Syfy recherche l'élu avec BETC

Cifre e prospettive… Dov’è l’epidemia?

Ogni giorno muoiono ancora 50 persone di Covid in un ospedale in Francia. I numeri dell’epidemia sono in calo: in Francia il tasso di infezione (numero di casi a settimana per 100.000 abitanti) è ora di 56, poco sopra la soglia di allerta (50), e di 59 in Francia. Occitania. Nella regione, solo Lozère (35) e Hérault (47) mostrano una cifra inferiore a 50. Il tasso di positività al test è 6,8, e la “R”, il segno della dinamica epidemica, è a 0,54. Lo stress ospedaliero è diminuito del 20,7%.

Le persone più colpite possono ora essere profilate: “La maggior parte sono donne. La loro età media è di 47 anni, il 70% è attivo. Quando entrano nel sistema, il 45% è senza lavoro, il 27% dichiara di essere ridotto a esercitare la propria professione”.

su 200 I sintomi elencati, ogni paziente presenta circa dieci, tre dei quali sono mal di testa, affaticamento, dispnea (dispnea) e disturbi neurocognitivi.

“Sopravvivo ma questa non è vita”Claire, preside, sposata e madre di due figli, di 14 e 17 anni, che hanno avuto i primi sintomi dopo aver contratto il secondo virus covid, testimonia nel gennaio 2022. Dopo aver seguito la riabilitazione classica, dalla riabilitazione allo sforzo, ha esplorato molte tematiche. ha seguito una nuova traccia per cinque settimane, “estrema comodità”al buio, senza lettura né schermo, appena ti senti giù: “Ho avuto molti fastidi post allenamento, ‘crash’ che mi hanno lasciato frastornato per giorni. Oggi, appena mi stanco, fermo tutto”. Picnic, pasto, pulizia…

risultato: “Se non posso salire il pendio, non scenderò più”.Gli anni quaranta sono osservati da coloro che non hanno trovato una vita sociale o familiare. “A Natale sono andato a dormire tra tutti gli allenamenti e ho tenuto la maschera sul tavolo, quindi ero terrorizzato al pensiero di prendere di nuovo il Covid”.Ti ricordi.

READ  Variante Omicron: Inefficacia del divieto di viaggio

il disagio può portare a disagio, Smetto di respirare quando sento cattive notizie.. Non le manca: un affetto di lunga data per lei è stato rifiutato il riconoscimento: “Non c’è molto nel tuo fileGlielo disse il medico esperto.

“Sa, signora, la stanchezza è di tutti.”

“Fortunatamente i miei figli sono cresciuti”.Sylvie Sinatempo, una badante, respira una pausa di due anni. Due lunghi anni punteggiati da molteplici problemi di salute, schiena bloccata, memoria che le manca, prurito corporeo, mal di testa che la invadono e ne esce con seri problemi intestinali… “Non vado più a vedere i miei compagni, è straziante. Non voglio finire la mia carriera in questo modo. Ma oggi mi sento esausto quando faccio delle faccende o quando lancio una palla al mio cane. Ho amato cantando e ridendo e scherzando, è finita”.

A chi dare la colpa “Non faccio niente, per entrare negli ingranaggi”, risponde, ora che è pronta a “scambiare il suo corpo”.. Quel giorno, il sostituto del suo medico le disse: “Sa signora, la stanchezza è di tutti…”

Sylvie Sinatempo è in un affetto a lungo termine fino a marzo.

“Il Long Covid non è stato ancora riconosciuto come una malattia cronica e non esiste una condizione specifica a lungo termine… È possibile riconoscerlo, ma è complesso”.afferma Jerome Larcher.

“Lo studio regionale è in corso fino a maggio 2023. Il follow-up dovrebbe consentire di migliorare i risultati e valutare in particolare l’impatto della riabilitazione”.dice il dottore. Sapendo che tra i primi sintomi e le cure bisogna aspettare dai sei ai nove mesi e la domanda non si affievolisce: “Sembra che ci siano meno Covid lunghi con la variante Omicron che con la Delta, ma bisogna ricordare che ci sono più persone vaccinate, e la vaccinazione rende la probabilità di Covid lungo del 20% ma allo stesso tempo l’Omicron è mutato molto. , e ci sono casi di reinfezione… casi, conclude il dottore, Diventa più complicato. La sfida è la stessa, si tratta di non essere inquinati anche oggi, perché la realtà non se ne va quando non sei in prima pagina.

READ  Depressione grave curata con un innovativo dispositivo di stimolazione cerebrale

Mircea Sofonia, epidemiologo: “Temo che perderemo l’opportunità di rimettere le cose al loro posto”

Mircea Sofonia è docente di Epidemiologia ed Evoluzione delle Malattie Infettive presso l’Università di Montpellier.

Ho seguito passo passo l’epidemia di Covid per tre anni, a che punto siamo oggi?

Stiamo cercando di sfruttare questa esperienza per prepararci al futuro e alle nuove epidemie. Ma temo che andremo avanti e perderemo un’opportunità per mettere le cose in chiaro.

Sul Covid, è ora di voltare pagina?

La questione delle variabili rimane preoccupante e oggi sappiamo che ci saranno diverse ondate di Covid ogni anno. Gli indicatori ospedalieri non sono più allarmanti. E non abbiamo più motivo di soffermarci sul rilascio del passaporto sanitario, ad esempio. Ma avremmo potuto programmare a lungo termine, perché conosciamo la rigidità delle organizzazioni in caso di crisi.

La questione sarebbe stata un argomento importante nelle elezioni presidenziali e legislative. Ma c’era la guerra in Ucraina… Abbiamo avuto la possibilità di fissare un appuntamento con il futuro, di avviare una ristrutturazione per evitare di commettere gli stessi errori. Cosa fai con la strategia di screening, ad esempio in Francia? Non guardiamo più le acque reflue, non espelliamo più … più passa il tempo, più si diffonde. Siamo pronti domani a ridistribuire le mascherine? Far rispettare il distanziamento e chiudere le frontiere?

Abbiamo visto, con la crisi del vaiolo delle scimmie fortunatamente rivelarsi meno allarmante di quanto avrebbe potuto essere, che le cose possono ancora essere migliorate.

Non abbiamo imparato fino in fondo le lezioni di questa crisi, quindi rifaremo gli stessi errori in caso di una nuova pandemia?

Tuttavia, è stato costituito il Comitato Covars (Comitato per il monitoraggio e l’anticipazione dei rischi per la salute). La sua missione è anticipare, non deve essere solo un comitato, deve essere parte di una dinamica.