Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sony si prepara per il Metaverse con uno straordinario prototipo di visori per realtà virtuale

Sony ha presentato un nuovo prototipo di visore per realtà virtuale che promette di essere davvero eccezionale se il prodotto finale corrisponde alla presentazione.

In occasione del Technology Online Day, Sony ha presentato il suo nuovo prototipo di visore VR, che promette di portare la tecnologia a un livello superiore.

La scheda tecnica non contiene assolutamente nulla da sognare, con due in particolare”piccoli schermi“OLED 4K. Questa è davvero una piccola impresa di per sé, in quanto sono pochissimi i modelli che possono vantare una tale risoluzione, per non parlare di sfruttare la tecnologia OLED. Al giorno d’oggi, il prodotto più vicino ad esso è sicuramente Pimax Vision 8K Plus, Che integra i pannelli QLED.

Ma ciò che distingue questo prototipo dalle altre offerte sul mercato è il modo in cui Sony vuole sfruttare la tecnologia OLED. L’azienda giapponese si sforza di rimuovere completamente il pixel, che è ancora uno dei principali ostacoli all’immersione. Per raggiungere questo obiettivo, Sony ha sviluppato una tecnologia di miniaturizzazione proprietaria che raggiunge “Più del doppio di punti rispetto allo schermo di uno smartphone OLED“.

latenza impercettibile

Sony ha anche affrontato il problema della latenza. Ciò rappresenta un ostacolo significativo, perché visualizzare un’immagine nella realtà virtuale non è facile come visualizzarla su uno schermo standard. Prima di tutto, devi sintetizzare una variante della stessa immagine per ciascun occhio, che in realtà raddoppia il tempo di calcolo. È quindi necessario garantire la loro completa sincronizzazione.

Per questi motivi, anche le migliori cuffie di oggi raramente riescono a tagliare un decimo di secondo per fotogramma. Potrebbe non sembrare un grosso problema, ma contribuisce notevolmente alle vertigini e al mal di mare che possono verificarsi con l’uso prolungato. Per risolvere questo problema, Sony vuole dividere il tempo di calcolo per 10 a meno di un centesimo di secondo.

READ  LG inciampa duramente sul suo PC da gioco numero uno

Un campo visivo più grande della vita

L’altra parte importante è ricostruire il campo visivo. Questo dispositivo dovrebbe essere il più perfetto possibile, perché se le informazioni inviate dall’occhio non corrispondono alle informazioni dall’orecchio interno, l’utente si sentirà come se fosse accanto alle sue scarpe da ginnastica. Nausea assicurata! Con una serie di obiettivi sottilmente disposti, il team di Sony dimostra che il suo prototipo è effettivamente in grado di presentare un’immagine senza alcun “sfalsamento” rispetto al campo visivo reale.

Questi due miglioramenti cambieranno il gioco. Se il casco mantiene le sue promesse, il tempo di risposta dello schermo e la differenza con il campo visivo reale saranno minimi; La promessa di movimenti fluidi e organici che ancora non esistono nell’ecosistema della realtà virtuale.

Il futuro re dei metaversi?

Tutte queste qualità le rendono cuffie assolutamente ideali per applicazioni come giochi o eventi virtuali. Ma Sony vede oltre e spera di andare oltre l’intrattenimento. Abbassando gli ostacoli per un uso prolungato, Sony specifica inoltre che questa tecnologia sarà particolarmente adatta per la collaborazione remota e promette “un senso di incredibile immersione”.

Ma non è tutto. L’azienda spera anche di offrire un prodotto adatto a “un’ampia gamma di aree”. La presentazione cita ad esempio i mestieri che possono sfruttare la precisione e l’interattività di questa nuova tecnologia. Pensiamo, tra gli altri, a designer, ingegneri, artisti, urbanisti, o anche a tirocinanti medici che vogliono affilare il proprio bisturi.

Se il metaverso è ancora un concetto relativamente astratto, la tecnologia che gli consentirà di esistere si sta comunque avvicinando rapidamente. A questo punto, potremmo non essere troppo lontani dalla vera realtà virtuale… almeno, per quelli con la macchina da guerra di cui hanno bisogno per gestire un simile mostro.

READ  iPhone 13, iPad Mini, Apple Watch... Annunci Keynote per Apple Keynote