Agosto 8, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sintomi diversi a seconda delle variabili?

E se i sintomi, o almeno l’ordine della loro comparsa, cambiassero a seconda del tipo che aveva il paziente? Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Biologia Computazionale PLOS Ho seguito questo percorso. I ricercatori della University of Southern California hanno scoperto che i sintomi di Covid-19 nei pazienti in Cina e negli Stati Uniti durante la prima ondata erano diversi. Infatti, la popolazione cinese studiata è stata colpita dal ceppo originario del virus, apparso a Wuhan alla fine del 2019. Ma l’altra parte, soprattutto quella americana, è stata infettata da un virus modificato con la mutazione “D614G”. Questa mutazione è l’origine delle varianti più conosciute che hanno invaso il pianeta: alfa, beta, gamma…

Febbre e tosse si sono trasformate in tosse e febbre

Febbre, poi tosse e infine nausea e vomito: questo era l’ordine di insorgenza dei sintomi di COVID-19 durante la prima ondata per il 77% dei cinesi, secondo lo studio statunitense basato sui dati di febbraio 2020. Di questi, il 98% di i pazienti hanno contratto il primo ceppo del virus. Sono stati studiati i dati di oltre 300.000 pazienti.

Tuttavia, gli scienziati hanno notato che l’ordine di insorgenza dei sintomi non era lo stesso nel 47,5% degli americani, così come nei pazienti giapponesi o brasiliani: prima la tosse, poi la febbre, la diarrea, la nausea o il vomito. Anche lì, durante la prima metà del 2020, sono state decifrate informazioni su 300.000 pazienti americani. Grazie a un modello matematico, gli scienziati hanno escluso che le caratteristiche geografiche, l’età o le comorbilità potessero spiegare questo cambiamento.

In effetti, si preferisce che il virus mutato ‘D614G’ sia la fonte di questi cambiamenti. Il boom potrebbe essere apparso quando il Covid-19 è stato esportato in paesi stranieri, come il Giappone. Le persone con queste nuove varianti, negli Stati Uniti e altrove, avevano visto i loro sintomi apparire in un ordine diverso rispetto alla popolazione cinese.

READ  Covid-19 - Ammissione in terapia intensiva: sempre più persone sono completamente vaccinate ma i non vaccinati sono ancora la maggioranza

Tosse, un sintomo che diffonde il virus più della febbre

Questo primo tipo ha già colpito la proteina spike del Covid-19, aumentandone la velocità di trasmissione. Nell’estate del 2020, “D614G” è diventata la forma mutata più comune del virus nel mondo. Inoltre, la comparsa della tosse nei pazienti in primo luogo non ha nulla a che fare con la sua diffusione, che è considerata più veloce. Gli autori dello studio hanno spiegato: “Questi risultati aumentano la possibilità che la variante ‘D614G’ sia più trasmissibile, perché le persone infette hanno maggiori probabilità di tossire in pubblico prima di diventare incapaci di febbre”.

Questo è il primo studio sull’argomento: si raccomanda quindi di rimanere cauti prima di fare generalizzazioni. Tuttavia, i ricercatori incoraggiano ulteriori ricerche per saperne di più sulle variabili che attualmente occupano il panorama internazionale: la variabile delta e la variabile Omicron.

Sudorazioni notturne, privacy omicron?

Secondo un medico in Sud Africa, dove la variante Omicron si è sviluppata prima che si diffondesse in tutto il mondo, un sintomo potrebbe anche essere specifico di questa mutazione altamente contagiosa. In una conferenza ospitata dal ministero della salute del paese, Unben Pillay ha confermato che un numero significativo di pazienti ha sperimentato sudorazioni notturne nel paese. Questi sono attacchi di sudorazione intensa che si verificano durante la notte.

Finora, anche la sudorazione notturna può essere un sintomo della variante delta, ma appare meno frequentemente. Abbiamo visto un forte aumento del numero di casi negli ultimi 10 giorni. Finora si trattava principalmente di casi molto lievi, con pazienti che mostravano sintomi simili a quelli dell’influenza: tosse secca, febbre, sudorazione notturna e numerosi dolori muscolari”, spiegano gli esperti e riferiscono indietro gratis.

READ  Quante persone sono effettivamente contagiate da COVID tra i casi positivi? - lanciare

Ricordiamo che i classici sintomi del Covid-19, in particolare la variante delta, sono i seguenti: mal di testa, febbre, prurito alla gola, tosse, dolori muscolari, stanchezza e, nei casi più gravi, problemi respiratori.

Il medico conferma inoltre che nella sua esperienza Omicron viaggia più velocemente ma non provoca condizioni più gravi. Tuttavia, la quinta ondata installata in Francia dall’autunno potrebbe trasformarsi in una sesta ondata durante le vacanze di fronte alla rapida diffusione di questa variante in Europa.