Dicembre 2, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Senza “a qualunque costo”, le finanze pubbliche si sarebbero ulteriormente deteriorate

Uno studio ha mostrato che le misure prese dalle autorità pubbliche francesi per proteggere l’economia durante la crisi sanitaria erano certamente costose, ma la loro assenza avrebbe potuto essere peggiore.

è la verità:Qualunque sia il costoPresumibilmente di Emmanuel Macron Gli è costato la cara Francia, così cara, perfino. La serie di misure adottate dalle autorità per avvicinarsi all’economia durante la crisi sanitaria ha messo a dura prova i conti pubblici per molto tempo. Ma senza queste misure – fondi di solidarietà, microattività e prestiti garantiti dallo Stato, solo per citarne alcuni – la situazione sarebbe stata peggiore, secondo uno studio. Quindi avrebbero potuto essere un male necessario per evitare una catastrofe ancora più terribile.

annunciato martedì, un report Dall’Istituto per le politiche pubbliche e dal Centro per la ricerca e le applicazioni economiche (Cepremap) esamina l’aspetto macroeconomico della crisi sanitaria e in particolare simula il modo in cui l’attivismo francese avrebbe potuto svilupparsi in assenza di una risposta forte da parte del paese che lo affronta con le conseguenze economiche dell’epidemia. La Francia è stata particolarmente resistente di fronte alla crisi, soprattutto se confrontiamo lo sviluppo dell’attività rispetto allo shock del 2008, come sottolineato dal professore di economia Francois Langot, durante una delle conferenze.

senza misure governativeIl calo del Pil al culmine della crisi non sarà 17, ma 37Pil punti, ha osservato il professore all’Università di Le Mans. Successivamente, il ritorno del Pil ai livelli pre-crisi avrebbe preso”Nazioni Unitedi più, o 5,5 quarti. Tali misure hanno quindi consentito di ridurre l’impatto della crisi sulla crescita, accelerare la ripresa e rafforzare l’attività nel medio termine.

READ  CAC40: La sessione "Quattro streghe" è fallita, dal 18 giugno

E dal punto di vista del budget vincerà anche la Francia, secondo lo studio: per quanto costose siano,”Qualunque sia il costoHa permesso di evitare un calo più marcato del PIL che avrebbe comportato un aumento ancora maggiore del debito pubblico. In uno scenario senza aiuti di Stato, il rapporto debito/PIL”Enorme aumento», sale brevemente a oltre il 140%, per poi assestarsi sopra il 120%. Potrebbe anche aver indebolito il margine di manovra delle autorità pubbliche per gli investimenti. “L’uso estensivo del lavoro a breve termine sembra aver dato i suoi frutti ed è in definitiva meno costoso della strategia con cui il governo ha deciso di consentire l’aumento della disoccupazione.“,” nota l’IPP.

Guarda anche – “Qualunque sia il costo era più efficiente e meno costoso di altri paesi”, secondo Alan Mink

Più soddisfacente

Nonostante il forte deterioramento dei conti pubblici, la situazione attuale sarà quindi più positiva di quella che sarebbe derivata dalla massiccia mancanza di spesa pubblica al centro della crisi. L’assistenza ha consentito una rapida ripresa dell’attività, che ha sorpreso gli analisti. Alcune previsioni pubblicate lo scorso anno prevedevano un ritorno alla normalità molto più lento: A giugno 2020La Banca di Francia si aspetta stabilità del debitoA un livello vicino al 120% nel periodo 2020-2022’, e a profondi tagli di posti di lavoro nel 2020 e nel 2021. Realtà Per fortuna è stata più indulgente. Resta il fatto che questo debito impiegherà decenni per essere ripagato.

Durante la presentazione dello studio IPP, diversi funzionari eletti hanno accolto con favore le conclusioni dell’analisi. “Ritengo che l’aiuto di emergenza sia ben calibrato […]. Hanno permesso di evitare il collasso economico“,” ha commentato Rep. (ex LREM, Nuovi Democratici) Emily Carrillo. “È ammirevole credere che queste contingenze fossero una spesa in conto capitale. […] Sarebbe potuta andare peggio. […] Tutto questo sarebbe stato più costoso“, ha osservato il suo omologo (LR) Eric Woerth. “Non è così che ci liberiamo della spesa pubblica» Funzionario qualificato e poi eletto della Reggia Borbonica. “Il debito avrebbe potuto aumentare ancora di più se non fossero state prese misureIl mezzo (modem) ha aggiunto Jean-Noel Barrow.

READ  L'umore del mercato azionario è cambiato poiché il Cac 40, dopo i suoi record, ha seguito una quarta sessione di calo consecutiva, notizie mercati

Su Radio Sud, mercoledì mattina, anche il capo di Bercy è stato soddisfatto dell’analisi del PPI. “Se non spendessimo denaro pubblico per tutelare i dipendenti ed evitare il fallimento, oggi il debito pubblico francese non sarebbe del 115%, ma di dieci punti in più, 126%». «La protezione è più economica della riparazione successiva» ha aggiunto Bruno Le Maire, considerando che lo studio ha dimostrato la correttezza delle scelte politiche della maggioranza durante la crisi.


Guarda anche – Geoffroy Roe de Pizzo: “Ho paura che passeremo da zero a zero”