Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Secondo questo studio proteggere l’1,20% della superficie terrestre sarà sufficiente a garantire la sopravvivenza delle specie più vulnerabili all’estinzione

Secondo questo studio proteggere l’1,20% della superficie terrestre sarà sufficiente a garantire la sopravvivenza delle specie più vulnerabili all’estinzione

Secondo lo studio sono 16.825 i siti da proteggere urgentemente, ovvero l’1,22% della superficie terrestre. I ricercatori le chiamano “necessità di conservazione”.

Un’area protetta per preservare la biodiversità

Secondo un rapporto di Il Ministero dell’AmbienteL’area protetta aiuta a combattere l’erosione della biodiversità e il cambiamento climatico. Oggi, nella Francia continentale e nei territori d’oltremare, “La superficie totale delle aree protette rappresenta il 33% del territorio nazionale“.

Come dettagliato inUfficio francese per la biodiversità (OFB), sono numerose le minacce che colpiscono questi ecosistemi protetti, la maggior parte delle quali derivano dall’attività umana, tra cui:

  • inquinamento
  • Artificialità della Terra
  • Segmentazione degli ambienti
  • Prelievi…

Per questo motivo è essenziale il riconoscimento da parte del governo e una tutela giuridica mirata di queste aree.

16.825 siti considerati “essenziali per la conservazione”

Queste misure sarebbero letteralmente profonde per prevenire l’estinzione di alcune delle specie più a rischio di estinzione al mondo e, soprattutto, più efficaci di quanto pensiamo, secondo un nuovo studio pubblicato il 25 giugno 2024 sulla rivista scientifica. Frontiere della scienza.

Gli scienziati si sono prefissati di proteggere almeno il 30% della superficie terrestre entro il 2030, un obiettivo su cui si sono impegnati i governi, come parte degli obiettivi di biodiversità delle Nazioni Unite. Il team di ricercatori ha quindi creato una gerarchia delle aree, stimando quali aree necessitano urgentemente di protezione e quali contengono specie in via di estinzione.

Gli scienziati hanno così contato 16.825 siti da conservare, ovvero circa 164 milioni di ettari (1,64 milioni di ettari) a livello globale, che equivalgono all’1,22% della superficie totale della Terra. Come citato Guardiano, La metà di questi siti si trovano nelle Filippine, Brasile, Indonesia, Colombia e Madagascar.

READ  Conferenza belga sulla scienza per l’azione climatica: “L’obiettivo era riunire gli scienziati che lavorano su questo argomento”

Solo il 7% delle esigenze di conservazione sono tutelate

Sebbene il budget richiesto per questo progetto sia stimato a circa 169 miliardi di dollari USA, “Il 38% dei 16.825 siti sono adiacenti o entro 2,5 km da un’area protetta esistente, riducendo potenzialmente i costi di acquisizione e gestione del terreno.

Una gradita lista di aree da conservare, viste le poche aree protette di cui fanno parte, il 7% secondo gli autori. “È come se i paesi utilizzassero un algoritmo di selezione inversa e selezionassero siti non rari da aggiungere alle aree protette globali. L’invito all’azione di questo giornale è che dobbiamo fare molto meglio nei prossimi cinque anni, e si può fare“, ha concluso Eric Dinerstein, dell’organizzazione ambientalista Resolve e autore principale dello studio.