Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Scopri il prezzo del nostro carrello nella tua sezione

Ogni mese, franceinfo va a fare la spesa e monitora l’evoluzione, sezione per sezione, di 37 prodotti alimentari e igienici quotidiani, per misurare il più fedelmente possibile l’inflazione dello scontrino.

Il valore di cento euro a livello nazionale, inflazione di oltre un anno superiore a quella dichiarata dall’INSEE per i prodotti alimentari: il carrello della spesa di franceinfo, in partnership con France Bleu e NielsenIQ, conferma che l’inflazione dello scontrino, ovvero, un quotidiano, è molto più forte dell’inflazione generale. Descriviamo in dettaglio i risultati del paniere franceinfo, che aggiorneremo ogni mese fino alla fine della stagione.

>> Mappa. Inflazione: il tuo dipartimento è più costoso o meno costoso di altri dipartimenti?

Complessivamente, il nostro paniere, composto da 37 prodotti che rappresentano lo shopping francese, costava in media 100,72 € all’inizio di novembre in Francia. In dodici mesi, secondo i dati forniti da NielsenIQ, il suo prezzo è aumentato del 14,4%. Si tratta di ulteriori 12 euro sul biglietto ad ogni pagamento. Puoi fare riferimento alla situazione nel tuo dipartimento sulla nostra mappa interattiva.

La Vandea, il dipartimento più economico della Francia, fa la cosa migliore con un prezzo paniere di 95,89 euro e un aumento su un anno anche tra i più bassi. Altri dipartimenti vanno bene, in particolare in Occidente, quando altri dipartimenti combinano prezzi elevati con l’inflazione ai massimi storici. È il caso di Parigi, il dipartimento più caro della Francia, delle Alpi Marittime, che offre un paniere di 108 euro con un’inflazione di circa il 16%, o della Loira. Questo cerchio si colloca al dodicesimo posto nel prezzo del paniere e indica il sesto nell’inflazione. Ovviamente, in questi reparti, i prezzi non solo sono più alti che altrove, ma stanno anche aumentando più velocemente della media.

READ  tout savoir sur l'opération «prix coûtant» del fine settimana chez Leclerc

Cesto rappresentativo delle corse francesi

Questo paniere franceinfo è costituito, in collaborazione con France Bleu, da prodotti alimentari e per l’igiene essenziali, una formula convalidata dagli esperti di NielsenIQ, l’azienda di nicchia di consumatori con cui abbiamo collaborato a questo progetto. Spaghetti, piselli, deodoranti… In tutto, questi sono i 37 prodotti i cui prezzi franceinfo seguiranno l’evoluzione nel corso dei mesi. Più della metà sono prodotti di marca o private label (marchi Auchan, Carrefour, Super U, ecc.). Una scelta scontata perché i consumatori si sono spostati in gran parte su questi prodotti con l’inflazione, e perché questi sono i prodotti che crescono di più: +15% in un anno, quando i prodotti di marchi nazionali come Panzani o Danone sono aumentati solo del 9%, secondo ai dati di NielsenIQ.

creazione del cestino franceinfo in collaborazione con France Bleu e NielsenIQ.  (Stephanie Pirlo/Radio Francia)

Tra questi prodotti, gli sviluppi sono disomogenei. Tre di loro sono in testa: la farina di grano tenero di prima scelta (+43% nell’anno), la specialità di carne macinata surgelata (+32%) e la passata di pomodoro di marca (+28%), seguita dalla carta igienica starter, la cui i prezzi sono aumentati del 28% su base annua. “Ci sono molti fattori che si sommano durante il 2022ricorda Emmanuel Kahn, esperto di inflazione e prezzi presso NielsenIQ. In primo luogo, la guerra in Ucraina che ha un impatto diretto sui prezzi del grano, l’alimento base della farina. Sulla carne macinata congelata c’è un fenomeno di alimentazione animale [avec la hausse du prix des céréales] E l’alto costo dell’energia elettrica che incide sul ciclo produttivo, ma anche sul canone di negozio, sempre più in rialzo, che si riflette sul prezzo finale.

Più sorprendente a prima vista, si spiega l’aumento della carta igienica (+25% in un anno e fino a +28% sulla carta igienica entry-level). “dall’aspetto della carta in generale”alimentata dall’aumento delle materie prime e dell’energia che stanno facendo aumentare i costi per trasformare il legno in carta e poi la carta in carta igienica, spiega NielsenIQ.

I prezzi salgono più velocemente dove sono già alti

In generale, una panoramica dell’evoluzione dei prezzi del paniere è simile a quella di un indice dei prezzi per cerchio: i prezzi aumentano più fortemente dove sono già alti e meno rapidamente dove erano già bassi. Prezzi spiega da un lato l’esistenza di grandi agglomerati (Parigi, Lione, Marsiglia, Nizza) dove la vita è più costosa, soprattutto gli affitti dei negozi, che li obbliga a ottenere prezzi più alti, d dall’altro manualmente attraverso la posizione geografica di alcuni reparti. Il paniere di informazioni francesi in Alta Savoia è quindi aumentato del 15% negli ultimi dodici mesi. Ciò che Emmanuel Kahn spiega dal dipartimento di soccorso.

“Ci sono logistiche di trasporto più pesanti. Per consegnare, ad esempio, devi attraversare un corridoio, quindi inevitabilmente in termini di costi del carburante, ci sono costi che incidono sulla consegna e lo troviamo anche sul prezzo al consumo.

Emmanuel Kahn, esperto di prezzi e inflazione presso NielsenIQ

su franceinfo

Quindi per quanto tempo si gonfierà così velocemente? “Prevediamo ancora aumenti, almeno nel primo trimestre”.dichiara Emmanuel Kahn. C’è già un effetto meccanico perché gli aumenti di prezzo sono iniziati ad aprile. Quindi ci confronteremo sempre con un periodo comparativo leggermente inferiore. Altro elemento che potrebbe portare a prezzi più alti: la fine delle trattative commerciali tra produttori, fabbricanti e distributori. “Gli aumenti che i produttori hanno chiesto sono per lo più superiori alla doppia cifra. Quindi, inevitabilmente, ci deve essere anche un effetto after-trading a marzo, ad aprile”.. Quindi NielsenIQ prevede che l’inflazione aumenterà almeno fino alla metà del prossimo anno.

metodologia

franceinfo e France Bleu hanno unito le forze con NielsenIQ, un’azienda specializzata nel monitoraggio dei consumi, per creare questo paniere. La sua formula è stata convalidata dagli esperti di NielsenIQ e aveva due obiettivi: essere il più vicino possibile al consumo domestico, con un paniere di prodotti alimentari e per l’igiene quotidiana, ed essere il più mix possibile nella sua composizione, mescolando prodotti di marca nazionale e prodotti a marchio del distributore e prodotti per start-up. Anche in questo caso, abbiamo collaborato con NielsenIQ per assegnare a ciascuno dei nostri prodotti preselezionati la valutazione più fedele al comportamento del consumatore, con una forte rappresentanza nel nostro paniere iniziale e nei prodotti a marchio del distributore. Una scelta resa evidente dalle tendenze delle ultime settimane: i francesi si sono rivolti in maniera massiccia a questi prodotti per compensare l’inflazione e se sono ancora molto più economici di altri, il rialzo dei prezzi è anche il più importante.

Ciascuno di questi prodotti è stato quindi associato a una delle oltre 500 categorie di prodotti monitorate da NielsenIQ, che ci ha fornito l’inflazione media per la categoria nel mese di novembre e il prezzo medio del prodotto in Francia nel periodo di 4 settimane terminato 6 novembre 2022. Poi abbiamo ottenuto l’inflazione del paniere calcolando la media dell’inflazione. Per ottenere il prezzo del paniere per dipartimento, abbiamo applicato l’indice dei prezzi per ogni dipartimento alla somma nazionale. Di seguito troverai un elenco completo dei prodotti nel nostro carrello.

Non troverai frutta e verdura fresca lì, perché il database a cui abbiamo avuto accesso non permetteva di rintracciare frutta e verdura sfuse.