Dicembre 2, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Scoperta una nuova variante in Sudafrica e Botswana, monitorata da scienziati

La variante B.1.1.529 mostra “troppe” mutazioni, sollevando preoccupazioni sull’efficacia dei vaccini esistenti.

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo tipo di virus Covid-19 in Sudafrica, che porta un “numero estremamente elevato” di mutazioni. Questa caratteristica solleva preoccupazioni sull’efficacia dei vaccini esistenti. Finora, solo dieci casi in tre paesi sono stati confermati utilizzando il sequenziamento genetico.

Questa variante, denominata B.1.1.529, è stata rilevata per la prima volta in Botswana l’11 novembre, dove sono stati ora sequenziati tre casi. Sono stati confermati altri sei casi in Sudafrica e uno a Hong Kong di un viaggiatore di ritorno dal Sudafrica.

“Data la natura dei virus di mutare frequentemente e casualmente, non è insolito che un piccolo numero di casi emerga con nuove combinazioni di mutazioni. Qualsiasi variante che mostra segni di diffusione viene rapidamente valutata”, spiega Mira Chand, direttore della ricerca presso il Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito presso custode.

Un gran numero di mutazioni

Secondo i ricercatori, la variante contiene 32 mutazioni nella proteina spike, che fa parte del virus che la maggior parte dei vaccini usa per stimolare il sistema immunitario contro il Covid. Pertanto, le mutazioni nella proteina spike possono influenzare la capacità del virus di infettare e diffondere le cellule, ma rendono anche più difficile per le cellule immunitarie del vaccino attaccare l’agente patogeno.

Secondo Ravi Gupta, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Cambridge, due delle mutazioni in B.1.1.529 aumentano l’infezione e diminuiscono il riconoscimento degli anticorpi. spiega in guardiano.

Il gran numero di mutazioni in questa variante accumulata simultaneamente, suggerendo che potrebbe essersi sviluppata nel corso di un’infezione cronica in qualcuno con un sistema immunitario indebolito, e forse in un paziente non trattato, ha affermato il professor Francois Ballou, direttore dell’Istituto di genetica a UCLA con il virus dell’immunodeficienza umana.

READ  I talebani confermano l'uccisione di quattro donne

La preoccupante situazione in Sudafrica

Gli scienziati osserveranno la nuova variante per eventuali segni che stia guadagnando slancio e si stia diffondendo più ampiamente. Alcuni virologi sudafricani sono già preoccupati, soprattutto visto il recente aumento dei casi in gauteng, un’area metropolitana che comprende Pretoria e Johannesburg, dove è stato scoperto B.1.1.529.

L’emergere di questa alternativa è senza dubbio la ragione dell’aumento “costante” dell’inquinamento nelle ultime settimane, ha affermato giovedì il ministro della Sanità sudafricano Joe Bhala durante una conferenza stampa. Il Sudafrica, che teme un’altra ondata di pandemia entro la fine dell’anno, è ufficialmente il più colpito dalla pandemia nel continente. Ha più di 2,9 milioni di casi e più di 89.600 morti.