Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Scoperta della città di Eram, “Atlantide delle Sabbie”, menzionata nel Sacro Corano

Scoperta della città di Eram, “Atlantide delle Sabbie”, menzionata nel Sacro Corano

La storia è piena di racconti mitologici che hanno ispirato sia avventurieri immaginari che esploratori del mondo reale. Da Atlantide a El Dorado passando per Shambhala o Avalon, Futura ti invita a ripercorrere i passi di questi luoghi mitici, per comprenderne le origini analizzando la verità dalla menzogna.

Il Vicino e Medio Oriente ospita molte regioni piene di miti e storie leggendarie. Tra queste antiche storie c’è la storia di una città perduta sabbiesabbie Le regioni aride suscitarono curiosità StoriciStorici E i teologi nel corso dei secoli. La città del Battesimo, menzionata nel Corano, è considerata una delle leggende più famose della storia penisolapenisola Arabo. Tra metafore religiose, antichi racconti raccontati dalle tribù locali e spedizioni archeologiche, cosa sappiamo oggi di questo sito scomparso, famoso per la sua prosperità e bellezza, che chiamiamo Atlantide delle Sabbie?

Una città leggendaria menzionata nell’Islam

Nella Surat Al-Fajr 6-14 si trova la prima menzione di Iram:

« Non hai visto come il tuo Signore ha trattato Ad?

[avec] Erem, con le sue magnifiche colonne,

Chi non ha costruito nulla di simile nelle città? »

Poiché Eram era una città enorme, può essere riconosciuta dai suoi edifici decorati con enormi colonne. Accademici e religiosi hanno tentato di decifrare la menzione di Iram nel libro sacro islamico. Potrebbe riferirsi a un luogo già esistente nell’antichità, ma avrebbe anche una funzione spirituale al servizio della storia religiosa descritta nel Corano. Come l’Atlantide di Platone o Sodoma e Gomorra nella Bibbia, la menzione di Erem è un’espressione di impotenza di fronte ai poteri divini, nonostante l’apparente stravaganza della città. Mentre la sua gente si allontanava da Dio, il profeta Hud arrivò in città per restaurare la fede tra i suoi residenti. Invano questi ultimi soccombettero all’orgoglio, alla lussuria e all’eresia. IL desertodeserto E poi attraverserai la ricca città, senza specificare affatto la sua ubicazione…

READ  La più grande mappa 3D dell'universo inizia a rivelare la storia della sua espansione

La ricerca archeologica si è concentrata sugli scritti religiosi

Sebbene le fonti primarie che raccontano il destino di Erem siano scarse, molti studiosi, esploratori e accademici hanno cercato di determinare la veridicità della leggenda. E perché no, scoprire potenziali resti archeologici. Pertanto, i ricercatori hanno dovuto trovare altre fonti ed elementi compatibili. Sul secondoe Nel secolo d.C., il filosofo e matematico greco Claudio Tolomeo disegnò una mappa della penisola arabica, dove un’area chiamata “Ubarit” attirò l’attenzione degli archeologi.

Da qui nasce la confusione. Alcuni ritengono che lo studioso greco si riferisse ad una città, altri propendono per una regione. Ma nella tradizione orale trasmessa dai beduini, Ubar era uno dei centri commerciali nel cuore del deserto del Rub’ al-Khali. Questa vasta area di 650.000 chilometri quadrati è particolarmente austera. Tuttavia, in questo mare di sabbia i mercanti fondarono nell’antichità una o più città per facilitare il transito delle merci.

Negli anni ’80, le tecnologie satellitari implementate dalla NASA fornirono nuove visioni della Terra. I ricercatori utilizzano quindi immagini raccolte dallo spazio per esaminare ogni parte del terreno nel quartiere vuoto, nel tentativo di scoprire tracce della città nascoste dal tempo e dagli elementi. Idea vincente: monitorare gli effetti delle strutture artificiali attraverso l’imaging satellitare.

All’inizio del 1992, una squadra guidata da Joris Zarin di Università statale del Missouri sudoccidentaleÈ stato in grado di scavare un sito archeologico nel Governatorato di Dhofar nel Sultanato dell’Oman. Il forte ottagonale, che comprende diverse torri e alcune mura, ha deliziato gli archeologi. Ma trent’anni dopo, i dubbi restano. Non ci sono prove che il forte trovato nel 1992 sia Ubar e si presume che Ubar ed Erem siano la stessa città. La leggenda di Erem potrebbe essere una versione diversa dell’abbandono di Ubar in epoca antica. Ma la Città delle Colonne potrebbe ancora trovarsi sotto le sabbie del Quarto Vuoto, secoli dopo la sua scomparsa.

READ  È tempo di dire addio agli smartphone compatti? (ASUS Zenfone nega)