Maggio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Scoperta barriera corallina gigante al largo di Tahiti

Gli scienziati hanno scoperto una barriera corallina gigante, sana, a forma di rosa a una profondità di oltre 30 metri al largo della costa di Tahiti, una scoperta importante poiché le barriere coralline soffrono dei cambiamenti climatici.

“È una delle più grandi barriere coralline del mondo con una profondità di oltre 30 metri.”, sottolinea in un comunicato stampa all’UNESCO, che sostiene questa missione scientifica. “Le condizioni immacolate della barriera corallina a forma di rosa e l’estensione dell’area che copre rendono questa scoperta molto insolita”., dice l’UNESCO. Le barriere coralline si estendono per tre chilometri di lunghezza, tra 30 e 65 metri di larghezza e tra 35 e 70 metri di profondità, come stabilito dall’UNESCO. Alcuni coralli giganti hanno un diametro di due metri.

“E’ una zona da scoprire. Quello che conosciamo molto bene sono le zone comprese tra zero e 30 metri”, spiega ad AFP Laetitia Hedwin, biologa marina e specialista in barriere coralline del centro di ricerca francese CNRS e dell’organizzazione di ricerca ambientale CRIOBE. “Questi coralli non mostrano segni di stress o malattie”.Continua, mentre i coralli vicini alla superficie della Polinesia francese hanno subito un attacco di sbiancamento nel 2019. Le stelle marine possono anche distruggere i coralli divorandoli.

L’immersione della spedizione si è svolta a novembre 2021, grazie all’attrezzatura subacquea specifica per arrivare così lontano. “Il team ha completato le immersioni che hanno richiesto circa 200 ore per esaminare le barriere coralline e sono state in grado di osservare le uova delle barriere coralline”., dice l’UNESCO. Nella zona sono stati posizionati sensori di temperatura. “Siamo all’inizio di un programma di monitoraggio che speriamo sia a lungo termine”., per capire meglio perché questi coralli non soffrono chiaramente dei cambiamenti climatici e delle loro dinamiche demografiche.

READ  « FIFA 22 » e « Mario Kart 8 Deluxe » ont dominé les ventes en 2021

Questo risultato solleva anche la questione del Tenendo conto di queste aree profonde nello sviluppo delle riserve marine, conferma Laetitia Hedwin. “Lo stato di conoscenza degli oceani è ancora limitato, con solo il 20% dei fondali marini del pianeta mappato (…)”, dice l’UNESCO.