Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Scienza – Speranza per coloro che hanno gradualmente perso la vista

pubblicato

I ricercatori hanno decifrato con successo la struttura di una proteina retinica disfunzionale in persone con malattie oculari ereditarie in tre dimensioni.

La ricercatrice Diane Barrett ha lavorato sugli occhi di mucca per isolare la proteina.

PSI

Buone notizie per il trattamento di malattie oculari ereditarie intrattabili, come la retinite pigmentosa. Infatti, i ricercatori del Paul Scherrer Institute (PSI) sono riusciti a decifrare la struttura di una proteina di membrana nei bastoncelli della retina in tre dimensioni, quelle che ci permettono di vedere le stelle di notte.

Questa proteina, nota anche come “canale ionico”, trasmette il segnale visivo dall’occhio al cervello. Ma nelle persone con una malattia ereditaria degli occhi, spesso non funziona bene, il che può portare alla cecità. L’idea di chiarirne la struttura è nata quasi vent’anni fa, secondo A comunicazione Dal lunedì del PSI. I ricercatori hanno utilizzato la tecnologia della microscopia elettronica per stabilire la sua struttura tridimensionale.

sugli occhi delle mucche

È stata la dottoranda Diane Barrett che è riuscita a isolare la proteina dagli occhi delle mucche prese nei macelli dopo un lavoro “noioso e noioso”, secondo le sue parole. “È stato un compito molto arduo perché la proteina è molto sensibile e si degrada rapidamente. È anche presente in quantità molto piccole nei campioni di base”. Secondo il PSI, ci sono voluti due anni per raccogliere abbastanza per le analisi. I ricercatori hanno quindi utilizzato la tecnologia della microscopia elettronica per stabilire la sua struttura tridimensionale.

Secondo il PSI, conoscere l’esatta struttura di questa proteina è particolarmente importante per lo sviluppo di trattamenti contro malattie genetiche che non possono essere curate. “Se troviamo molecole che agiscono su questa proteina, possiamo impedire alle cellule di sprecare, e quindi le persone diventano cieche”, ha detto Jacopo Marino, un biologo del Laboratorio di ricerca biomolecolare del PSI. “Ora che conosciamo l’esatta struttura della proteina, è possibile cercare tali molecole in modo mirato”, ha affermato.

Questa scoperta è stata pubblicata sulla rivista scientifica Natura strutturale e biologia molecolare, contribuirà a spianare la strada a trattamenti futuri, afferma PSI.

(cht / com)

READ  Ritorno di raffreddori, gastriti e tonsilliti