Dicembre 3, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Scienza: Anticosti svela il segreto della prima estinzione di massa

Gli insoliti fossili dell’isola di Anticosti hanno fatto luce su cosa potrebbe aver causato la prima estinzione di massa della Terra, 445 milioni di anni fa. I ricercatori ritengono che questo ritrovamento chiave rappresenterà la candidatura di Anticosti per l’inclusione nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

“Anticosti è il miglior laboratorio naturale al mondo per lo studio dei fossili e degli strati sedimentari del periodo geologico che va dalla fine dell’Ordoviciano all’inizio del Siluriano, cioè da 447 a 437 milioni di anni fa, durante il quale il primo si è verificata l’estinzione di massa della vita sulla Terra”, lo conferma il geologo, stratigrafo e scienziato paleontologo André Desrochers dell’Università di Ottawa. Quest’ultimo è coautore di un articolo pubblicato su scienze naturali della terra Il che riguarda i risultati di uno studio che cerca di fare luce sulle cause di questa prima estinzione.

Ricorda che al momento di questa estinzione, la vita era concentrata principalmente nei mari poco profondi vicino ai continenti. Anticosti era allora un mare tropicale poco profondo, situato leggermente a sud dell’equatore. “Se ci fossimo tuffati nel mare Ordoviciano, avremmo visto gruppi così familiari come vongole, lumache, spugne e coralli, ma anche molti altri la cui diversità oggi è molto piccola, e persino completamente estinta, come trilobiti, armopodi e crinoidi: Molti invertebrati, ma non proprio come sono oggi, e pochi vertebrati in quanto tali, pochissimi pesci. Nelle terre emergenti, il signor DeRochers descrive piante molto primitive.

Questa tarda estinzione di massa dell’Ordoviciano – la prima di cinque estinzioni di massa della vita sulla Terra – ha portato alla scomparsa di circa l’85% delle specie nello spazio per diverse centinaia di migliaia di anni, fino a un milione di anni. “Questa estinzione è stata più lunga di quella che ha causato l’improvvisa scomparsa dei dinosauri alla fine del Cretaceo, 65,5 milioni di anni fa, ma è molto veloce dal punto di vista geologico”, commenta il geologo.

READ  Le autorità mettono in guardia contro il consumo di carne a trasmissione sessuale

Percorso di raffreddamento

Secondo l’ipotesi avanzata, sarà la diminuzione della concentrazione di ossigeno nell’acqua di mare a causare l’estinzione avvenuta alla fine dell’Ordoviciano. Così un team interdisciplinare di ricercatori francesi, americani, canadesi e cinesi, tra cui André Desrochers, si è fatto avanti per verificare questa ipotesi nelle rocce sedimentarie che affiorano sull’isola di Anticosti.

Poiché era impossibile misurare direttamente le quantità di ossigeno presenti nell’acqua di mare dalle rocce odierne, un indicatore geochimico indiretto chiamato proxy è il rapporto tra la concentrazione di iodio e calcio. “Questo rapporto che viene misurato nelle rocce calcaree varia con la quantità di ossigeno presente nell’acqua di mare”, definisce il geologo.

Dai dati raccolti nelle rocce, i ricercatori hanno scoperto che i mari poco profondi erano ben pieni di ossigeno poco prima dell’estinzione di massa, e che è rimasto così durante e dopo. “È stata una sorpresa per noi, perché secondo l’interpretazione tradizionale, la mancanza di ossigeno [c’est-à-dire la diminution d’oxygène] È stata la causa del degrado degli ecosistemi, afferma il ricercatore.

Lo studio ha anche scoperto che mentre i mari poco profondi sono rimasti ben ossigenati durante questo periodo, la mancanza di ossigeno è aumentata notevolmente nelle parti più profonde degli oceani.

Alexander Paul, esperto di modellazione climatica nell’antichità geologica, che è il primo autore dell’articolo, è poi passato alla modellazione con i dati geochimici ottenuti, aggiungendo informazioni sull’antica geografia dei continenti e degli oceani. 445 milioni di anni fa e le caratteristiche del clima del tempo che stava attraversando la grave era glaciale.

“Questa modellazione è arrivata a confermare le nostre ipotesi che sono state sviluppate da proxy geochimici. Quindi, sì, alla fine dell’Ordoviciano, si è visto svilupparsi un oceano stratificato, la parte superiore dove viveva la maggior parte degli esseri viventi era ancora ossigenata, mentre la parte inferiore divenne ipossico. E poiché la vita si è concentrata nelle parti poco profonde, la mancanza di ossigeno non ha svolto il ruolo che pensavamo nell’estinzione”, riassume il signor DeRochers.

READ  Esperienza di turismo spaziale quotidiano

Invece, i ricercatori ritengono che un grande raffreddamento delle secche avrebbe portato al collasso della biodiversità, perché sappiamo che a quel tempo c’erano grandi ghiacciai.

I modelli hanno mostrato che il raffreddamento climatico potrebbe aver modificato la circolazione oceanica, interrompendo potenzialmente il flusso di acqua fredda e ricca di ossigeno dai mari poco profondi all’oceano profondo, da qui l’emergere di questa stratificazione oceanica.

Per assicurarsi che il segnale geochimico misurato ad Anticosti fosse lo stesso a livello globale, i ricercatori hanno anche misurato le stesse relazioni geochimiche in Nevada. Questi ultimi si rivelarono simili a quelli di Anticosti, sebbene il Nevada si trovasse a quel tempo a più di 1.000 km da Anticosti e non si bagnasse nello stesso oceano. “Ciò conferma che il segnale è davvero globale e non semplicemente locale”, conclude il ricercatore.

“Potrebbero esserci altri fattori che si combinano con questo raffreddamento globale, ma sono gli studi dei prossimi anni che ci permetteranno di capirlo”, afferma il geologo mentre sostiene che la comprensione delle condizioni ambientali che hanno portato a tali estinzioni di massa potrebbe aiutare prevediamo e preveniamo che un evento simile accada di nuovo.

candidatura UNESCO

Una cosa è certa, ed è certamente ad Anticosti che i ricercatori troveranno una risposta a questi misteri. Dato l’enorme valore stratigrafico e fossile delle rocce sedimentarie dell’isola, che “contengono 10 milioni di anni di storia della vita sulla Terra”, i ricercatori vorrebbero molto includere questo sito nella Lista del Patrimonio Mondiale. In modo che sia protetto per sempre e che l’UNESCO conceda finanziamenti a pochi professionisti per garantire che il sito sia protetto, preservato e interpretato.

Il comune di Anticosti e i suoi numerosi partner (tra cui i ministeri del Quebec e i rappresentanti dello stato di Inoue) devono presentare un fascicolo di domanda entro la fine dell’anno all’UNESCO nella speranza che i 550 chilometri e le uscite dei fiumi Jupiter e Forreal sarà iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale.

READ  La Danimarca elimina le restrizioni sanitarie

“Anticosti è senza dubbio il posto migliore al mondo per studiare le prime estinzioni di massa testimoniate dalla vita sulla Terra. Dei circa quaranta siti della stessa età, sono i più ricchi, completi, meglio conservati e dove gli strati sono ben esposto”, osserva il signor DeRochers. Nota che nelle sue rocce sono state descritte più di 1.450 specie, mentre appena un centinaio sono elencate nel sito più interessante dopo Anticosti.

Rinomati paleontologi lo riconoscono inequivocabilmente: i siti fossili di Anticosti “si distinguono dagli altri per la loro abbondanza, il livello di conservazione e la grande diversità di esemplari fossili trovati lì”, continua il professore. “L’eccezionale valore fossile dell’isola è stato riconosciuto da più di un secolo e oggi continua ad attrarre ricercatori da tutto il mondo. Lo studio che abbiamo appena pubblicato migliorerà sicuramente il profilo dell’applicazione”, afferma DeRochers.

La prossima estate gli esperti dovrebbero venire ad Anticosti per una valutazione sul campo, afferma la persona che, con la sua esperienza trentennale nella ricerca su Anticosti, guiderà questi valutatori negli affioramenti più rappresentativi dell’isola.

Guarda il video