Dicembre 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Rilevamento di un possibile “pianeta oceano” a 100 anni luce dalla Terra

Pertanto, è completamente ricoperto da uno spesso strato d’acqua. Se sappiamo che l’acqua liquida è necessaria per lo sviluppo della vita, è troppo presto per commentare la possibile presenza di vita su questo esopianeta.

TOI-1452 b è un esopianeta in orbita attorno a una delle due stelle di un sistema binario situato in Costellazione del Drago, a 100 anni luce dalla Terra. I ricercatori dell’Università di Montreal hanno notato che potrebbe essere il cosiddetto “pianeta oceanico”. Così sarà completamente ricoperta da uno spesso strato d’acqua, secondo le prime informazioni da a Uno studio pubblicato sull’Astrophysical Journal.

Suggerisce l’Istituto per la ricerca sugli esopianeti In un comunicato stampa.

Oceano gigante e profondo

Se la Terra è spesso chiamata il “pianeta blu”, perché gli oceani coprono il 70% della sua superficie, allora è un pianeta particolarmente secco. Infatti, l’acqua contiene solo l’1% della sua massa. Al contrario, nel caso di TOI-1452 b, la ricerca mostra che consiste in gran parte di qualcosa di meno denso della roccia, ma più denso del gas: un segno del potenziale oceanico. In effetti, la frazione di massa d’acqua liquida su un esopianeta può raggiungere il 30%.

“TOI-1452 b è uno dei migliori candidati per un pianeta oceanico che abbiamo scoperto finora”, si rallegra Charles Cadeaux, uno studente di dottorato in astrofisica dell’Università di Montreal.

Una rappresentazione artistica della superficie di un esopianeta TOI-1452 b, che è probabilmente completamente ricoperta da uno spesso strato di acqua liquida.
Una rappresentazione artistica della superficie di un esopianeta TOI-1452 b, che è probabilmente completamente ricoperta da uno spesso strato di acqua liquida. © Benoit Gougeon – Università di Montreal

Continua: “Il suo raggio e la sua massa indicano una densità molto inferiore a quella che ci si aspetterebbe per un pianeta composto principalmente da metallo e roccia, come la Terra”.

READ  Non ti piaceranno i prezzi degli RTX 4080

Così sarà gigantesco e soprattutto le profondità degli oceani. Pertanto, TOI-1452 b sarebbe in qualche modo simile ad alcuni dei satelliti naturali del sistema solare come Ganimede e Callisto, lune di Giove, o Titano ed Encelado, lune di Saturno.

segni di vita?

Potrebbe esserci vita su questo pianeta? “È troppo presto per rispondere a questa domanda, ma sappiamo che l’acqua liquida è essenziale per l’evoluzione della vita”, risponde René Doyon, direttore dell’Istituto di ricerca sugli esopianeti, sul Journal de Montreal.

Ora sono necessarie osservazioni più approfondite. TOI-1452 b è un obiettivo primario del telescopio spaziale James Webb della NASA. René Doyon conclude che “Le osservazioni che utilizzano Webb saranno necessarie per determinare con maggiore precisione la natura di TOI-1452. Il prima possibile, avremo bisogno di tempo per osservare questo pianeta esotico”.