Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Rendere le città più verdi aumenta il rischio di malattie?

Rendere le città più verdi aumenta il rischio di malattie?

Dalla piantumazione degli alberi alla preparazione “cornici verdi” Preservando o creando zone umide, parchi comunali o tetti verdi, le nostre città sono diventate verdi negli ultimi anni.

Ma questa rivegetazione non avviene senza compensazione. Produzione vegetale Polline o particelle volatili che causano allergie Può, ad esempio, Ha gravi conseguenze per la salute. Inoltre, questi spazi verdi favoriscono anche l’insediamento di vertebrati (uccelli, roditori, ecc.), insetti (zanzare, ecc.) e altri acari (zecche, ecc.) che possono essere serbatoi o vettori di agenti infettivi responsabili di malattie, e non solo per le popolazioni dell’umanità, ma anche di piante o animali. Ospiti indesiderati i cui spostamenti potranno essere agevolati dal collegamento delle aree impiantistiche tra loro e con l’esterno della città…

Tutti questi fattori devono essere presi in considerazione quando si decide in merito alla creazione, gestione e utilizzo degli spazi verdi urbani.

Perché le città verdi?

Migliorare in modo sostenibile la salute e il benessere degli abitanti delle città è una priorità e una sfida importante per gli stati e le autorità locali. Il compito diventa sempre più complesso nel contesto globale del cambiamento climatico e della globalizzazione, che rende estremamente importante la conservazione dell’ambiente e della biodiversità.

Rendere le città più verdi è uno dei metodi applicati per raggiungere questo obiettivo Rendere le città di domani divertenti da vivere, sane, resilienti e sostenibili. Si tratta di introdurre elementi naturali nell’ambiente urbano, siano essi spazi verdi o specchi d’acqua Combattere efficacemente l’isola di calore, Ridurre l’inquinamento atmosferico et al Valorizzare la biodiversità in città.

La presenza di spazi verdi in città ha un impatto anche sul miglioramento del benessere dei residenti, come rilevato da numerosi studi condotti in tutto il mondo. Rendere le città più verdi contribuisce notevolmente a… Migliorare la salute fisica e mentale della popolazionesoprattutto attraverso la presentazione Possibilità di fare attività fisica all’aria apertaOppure rafforzando la coesione sociale.

READ  La Massey University, a corto di soldi, propone di tagliare le posizioni scientifiche
La presenza di spazi verdi in città migliora il benessere dei residenti.
Gilham Vilot/Wikimedia, CC BY

Tuttavia, va sottolineato che i quartieri meno fortunati spesso rimangono ai margini dei progetti di sviluppo urbano, il che può contribuire a… Ulteriore ampliamento del divario di disuguaglianza Negli ambienti complessi e frammentati che rappresentano le città contemporanee.

Inoltre, preservare o ripristinare la biodiversità vegetale nelle città potrebbe consentire la creazione di ambienti particolarmente favorevoli all’insediamento e alla riproduzione di specie di invertebrati o vertebrati indesiderate, Portatori o trasmettitori di agenti infettivi ad alto potenziale epidemico.

Collegamenti tra rischi vettori e spazi verdi

Finora sono disponibili pochi studi su questo argomento, ma diversi rapporti evidenziano la relazione tra la presenza di spazi verdi e il rischio di trasmissione di vettori che emerge nei nuclei urbani.

Così è apparsa l’epidemia di febbre dengue che si è diffusa a Tokyo nel 2014 Era confinato nel parco Yoyogi. Questo posto si trova nel centro della città ed è noto per servire da rifugio per le zanzare tigre (Aedes albopictus), il vettore del virus responsabile di questa malattia.

Allo stesso modo, a Madrid tra il 2009 e il 2012 è stato osservato un aumento dei casi di leishmaniosi. Era associato allo sviluppo delle foreste Ciò ha favorito la proliferazione della mosca vettore e del coniglio serbatoio del protozoo parassita responsabile della malattia nelle immediate vicinanze della capitale.

Nel suo ultimo rapporto lo sottolinea anche il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie Il ruolo che possono svolgere i parchi urbani Nell’introdurre il virus del Nilo occidentale nelle nostre città. Trasmesso dalle zanzare del genere Culex (le zanzare “comuni”, diffuse in tutte le città della Francia), questo virus infetta non solo gli uccelli, ma anche i cavalli (cavalli, asini, pony, ecc.) e l’uomo, dove può provocare encefalite. . . Tuttavia, nelle città, i parchi attirano molte specie di uccelli. Casi di febbre del Nilo occidentale sono stati rilevati per la prima volta a Bordeaux durante l’estate del 2023, sottolineando l’importanza di questo allarme.

READ  messa a fuoco | la scienza prima di tutto

Anche le città del Sud del mondo si trovano ad affrontare il problema. Nei prossimi anni la maggior parte della crescita urbana avverrà lì, soprattutto nel continente africano. È proprio in questi luoghi che le conseguenze del cambiamento climatico saranno più gravi.

Se l’ecologizzazione delle città del Sud del mondo non è ancora entrata nell’agenda dei decisori politici, alcune città come Dakar stanno diventando relativamente verdi. Ciò è dovuto in particolare all’importanza dell’agricoltura urbana, ampiamente incoraggiata come mezzo per nutrire la popolazione e generare reddito.

Tuttavia, questi spazi sono molto favorevoli allo sviluppo di tali zanzare Anofele gambiaeIl vettore del parassita responsabile della malaria Aumenta il rischio di trasmissione di malattie Nel cuore di aree urbane e periurbane ad alta densità abitativa.

Percorsi ambientali che aiutano i vettori a penetrare

Collegare i grandi parchi urbani alle foreste periferiche attraverso corridoi ecologici potrebbe anche facilitare l’introduzione e l’insediamento di piccoli roditori, o anche di animali più grandi (cinghiali, ecc.). Possono trasportare altri vettori di agenti infettivi: zecche, acari parassiti che trasportano molti microrganismi patogeni che talvolta possono causare malattie gravi, come Encefalite, alcuni tipi di febbre emorragica e borreliosi di Lyme.

Foto del ruscello verde a Liesse (vicino a Saint-Ouen-L'Aumône)
Le connessioni tra gli spazi verdi, in particolare tramite “corridoi verdi”, possono migliorare la circolazione dei vettori delle malattie.
VVVCFFrancia/Wikimedia

Nel 2017, a Staten Island (New York, USA), i parchi e la densità degli alberi sono stati collegati Ha influenzato la densità della popolazione delle zecche Ipoda scapolare e il loro tasso di infezione Borrelia burgdorferi, l’agente eziologico della malattia di Lyme. Questa tendenza si applica anche in Europa, dove dal 2010 è stato osservato un aumento dei casi di malattia di Lyme e di encefalite trasmessa da zecche. Nelle aree coltivate urbane e semiurbane.

READ  Due casi di dengue locale sono stati segnalati a Montpellier e il primo caso dell'anno è stato registrato nel dipartimento dell'Hérault

Rischi che riguardano non solo l’uomo

Le piante stesse non sono immuni dai rischi di vettori di malattie che possono verificarsi all’interno delle città e le conseguenze agricole di tali situazioni possono essere significative per le aziende agricole periurbane.

Pertanto, in California, le coltivazioni di agrumi periurbane sono contaminate dalla malattia del drago giallo (HuangLongBing, HLB). Sembra che le sue origini risalgano ai giardini delle città citate. Questa malattia è causata dalla diffusione di batteri da parte di un piccolo insetto pungente succhiatore di linfa, chiamato psilla asiatica degli agrumi (Diaforina citri). Tuttavia, gli alberi di agrumi coltivati ​​da individui sembrano essere serbatoi per le popolazioni di scille.

Macrofotografia della pianta di agrumi (Diaphorina citri) che trasmette la malattia che causa la grave malattia del dragone giallo
Psilla degli agrumi (Diaphorina citri), che trasmette la malattia che causa la grave malattia del dragone giallo.
Dipartimento dell’Agricoltura della Florida – Jeffrey Weston Lutz, CC BY

Questo esempio illustra il ruolo delle piante ornamentali nell’introduzione di malattie nelle città, che possono poi essere esportate in periferia su piante coltivate o incolte. Si tratta di una situazione che preoccupa particolarmente gli organismi preposti al controllo sanitario delle piante e delle colture, in particolare della vite o degli alberi da frutto.

Rendere più verdi le città è essenziale per un futuro sostenibile. Ma allo stesso modo in cui dobbiamo pensare a quali specie piantare a causa del cambiamento climatico, della scarsità di risorse idriche o addirittura del rischio di allergia ai pollini, è anche necessario anticipare gli impatti che queste misure avranno sui vettori e sui vettori di malattie. entrando.

La ricerca condotta congiuntamente con tutti i cittadini, le città, le parti interessate della sanità pubblica, veterinaria e ambientale dovrebbe aiutare a guidare la politica pubblica nella pianificazione e nell’implementazione delle reti verdi e blu nelle aree urbane di domani per garantire risultati coerenti con le ambizioni dichiarate.