Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questo villaggio nell’Ucraina orientale viene fatto a pezzi dopo essere stato liberato

Yarova, un villaggio con una popolazione di 1.840 abitanti prima della guerra, si trova nel Donbass, nella parte orientale del paese. La città fu conquistata dai russi e liberata a metà settembre dalle forze ucraine. Ma il risentimento permane ancora contro i sostenitori dell’ex occupante come BFMTV ha potuto vederlo in un servizio trasmesso domenica.

Il 19 settembre Yarova è stata restituita al controllo delle forze ucraine. Il villaggio di Donbass era precedentemente occupato dall’invasore. Ma questa versione non ha portato la pace né nelle strade di questa regione vicino a Donetsk, né nelle menti delle persone.

I patrioti ucraini si riferiscono a coloro che tra la popolazione hanno abbracciato la causa russa. E così, in occasione di un servizio trasmesso questa domenica da BFMTV, Mikola, un pensionato di Yarova, ha puntato le nostre telecamere verso le abitazioni di questi presunti collaboratori.

Due storie inconciliabili

Si mette alla guida: “In quella casa c’era un ‘collaboratore'”. Si lamenta: “Dovremmo mandarli tutti in Russia”. Poi si ferma davanti a un secondo cancello: “Siamo davanti alla casa del sacerdote collaboratore che è detenuto dai Servizi Segreti per collaborazione e organizzazione di false elezioni”.

Arriva una donna con opinioni diametralmente opposte. Quindi inizia un dialogo tra lei e Mikola. Dialogo, o meglio, rottura tra due storie apparentemente inconciliabili.

Sì, è stato arrestato, ma lo amo, dici prima. “Fondamentalmente ha aiutato i russi a invadere l’Ucraina”, ha risposto Mykola. “Io, non ho chiesto a nessuno”, ha poi abbandonato. “Quindi non vuoi l’Ucraina qui, vero?” si scaglia contro il pensionato.

“Solo Dio può perdonare”

A volte la frattura rompe i vecchi legamenti che corrono lungo l’arteria stessa. Tanto più che il villaggio ha vissuto per otto anni sotto la cosiddetta “Repubblica popolare di Donetsk”, questa regione separatista che la Russia ha appena annesso alla sua federazione.

READ  Il Bundestag ha eletto cancelliere Olaf Schulz

E così, mentre Mykola e sua moglie Rubov hanno perso il figlio in guerra, che è caduto in uniforme ucraina, i loro vicini hanno scelto di combattere con i filo-russi, a partire dal 2014.

Ho detto al mio vicino: non voglio stare al tuo fianco, perché tuo figlio si è unito ai separatisti nel 2014. È un bastardo, quindi ha detto: non chiamarlo, quindi gli ho detto: mio figlio è morto difendendo il suo paese , il tuo paese è un bastardo ”, ricorda Mikkola.

Anche per Ruboff non si tratta di perdono: “No, solo Dio può perdonare. Prego che paghino le mie lacrime, il mio dolore”. Inoltre, i coniugi lo assicurano: se i collaboratori non vengono condannati e continuano la loro esistenza nella totale impunità nel villaggio, lasceranno Yarova.

Jeremy Baer, ​​Jeremy Mueller e Thomas Bottin con RV